Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Con la scusa della Corea il Giappone riarma – Remocontro

remocontro.it – Con la scusa della Corea il Giappone riarma. Nucleare: la minaccia nordcoreana accelera il riarmo del Giappone.

I ripetuti lanci di missili di Pyongyang offrono al governo giapponese la motivazione per spingere sul superamento della Costituzione pacifista. Il premier Shinzo Abe continua ad aumentare gli investimenti nella difesa.

Poco più a nord del Mar Cinese, o mare coreano a voler entrare nel dettaglio, dove si sta dirigendo con comico ritardo la III° Flotta Usa, c’è il Mare Giapponese, e tra quei pezzi di Oceano Pacifico, non è solo la Corea del Nord ed avere pruriti armati.

Anche il ‘pacifico’ Giappone, pacifico nel senso di disarmato dopo la sconfitta della seconda guerra mondiale, ha deciso l’eventuale azione militare nei confronti della Corea del Nord. Muscoli per delega, in realtà.

L’ipotesi di un Giappone a mano nuovamente armata, con qualche problema storico e attuale con la Cina, era stata già avallata dal segretario di Stato americano Rex Tillerson in occasione dell’ennesimo test missilistico di Pyongyang, quando quel tubo volante e per fortuna senza proiettile era arrivato non troppo lontano dalle coste nipponiche.

Insomma, il terzo Kim corano su cui è facile sorridere, non fa proprio ridere.

L’ultimo di questi test missilistici, quello di mercoledì 5 aprile, ha sorvolato le acque del Mar del Giappone, senza invadere la Zona Economica Esclusiva nipponica, ma percorrendo una distanza di circa 60 chilometri a un’altezza di circa 189 chilometri, hanno spiegato nel dettaglio gli ufficiali del comando militare sudcoreano.

Sia Washington che Seoul concordano che si sia trattato di un missile balistico a medio raggio ‘tipologia KN-15, alimentato a combustibile solido’.

Insomma, i missili del Kim volano, e volano alto, e volano lontano, e sempre il Kim nord coreano ha in magazzino una, forse due decine di bombe atomiche. Ed il giovanotto è decisamente imprevedibile. Da non fidarsi.

Ne approfittano gli orfani dell’Impero armato del Sol Levante. «Il Giappone non può semplicemente restare a guardare finché non sarà distrutto», dichiara Imazu Hiroshi, del ‘comitato di sicurezza’ del Partito Liberal Democratico, la forza politica conservatrice attualmente al governo.

«È legalmente possibile per il Giappone colpire una base nemica che intenda lanciare un missile contro di noi», ha puntualizzato Imazu, «ma non possediamo attualmente un adeguato equipaggiamento o capacità di attacco».

Ma c’è di mezzo l’atto di resa firmata quando ancora a Nahasaki e Hiroscima si contavano i morti delle due atomiche statunitensi. Smilitarizzazione totale del Giappone e, soprattutto, l’adozione della Costituzione del 1946, nella quale viene dichiarata la rinuncia al diritto alla guerra e all’autodifesa del paese.

L’articolo 9 della Costituzione pacifista del Giappone, scritta su sollecitazione degli Alleati nel periodo dell’occupazione statunitense, recita testualmente: «Aspirando sinceramente a una pace internazionale fondata sulla giustizia e sull’ordine, il popolo giapponese rinuncia per sempre alla guerra, quale diritto sovrano della Nazione, e alla minaccia o all’uso della forza, quale mezzo per risolvere le controversie internazionali».

Ma è proprio nei confronti di questo articolo che il premier conservatore Shinzo Abe sta conducendo una accanita e complicatissima battaglia. L’approvazione della proposta di emendamento con la la maggioranza in entrambe le camere della Dieta, il parlamento giapponese, l’approvazione con referendum popolare, e infine il benestare dell’Imperatore.

Per il momento, Abe si è dovuto accontentare di reinterpretare della clausola pacifista, e si è inventato il «pacifismo proattivo». Difficile da capire, come voluto da chi lo ha pensato. Assieme alle nuove linee guida per la difesa nazionale, nelle quali viene contemplata per la prima volta la possibilità di ‘azioni attive’ di supporto ai paesi alleati, attraverso l’impiego di «forze di difesa dinamica».

Per ora la guerra delle parole: ‘pacifismo proattivo delle forze di difesa dinamica’, la guerra al buonsenso.
Un elaborato espediente linguistico che sottende alla volontà, mai peraltro celata da parte di Abe e del suo entourage, di ricreare un vero e proprio esercito nazionale giapponese.

Già all’epoca del secondo test nucleare della Corea del Nord, nel 2009, ci ricorda LookOut, era stata predisposta la creazione di una commissione di esperti, guidata dall’allora ministro della Difesa giapponese Gen Nakatani, per studiare un’eventuale azione militare preventiva nei confronti di Pyongyang.

Allo stato attuale, il Giappone conta sul supporto delle forze armate statunitensi, anche se il paese sta cavalcando l’onda della minaccia nucleare nordcoreana e delle tensioni diplomatiche con Pechino per la sovranità sulle isole Senkaku nel Mar Cinese Orientale con un progressivo riarmo.

Nel dicembre 2016 il governo è riuscito a far approvare un aumento della spesa per la difesa da record, per stratosferici 44 miliardi di dollari.

Affari americani in vista: Tokyo sta valutando l’acquisto del sistema antimissile di fabbricazione Usa THAAD che stanno già schierando in Corea del Sud. In attesa della guerra, per ora grandi affari.

Sorgente: Con la scusa della Corea il Giappone riarma – Remocontro

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

.