Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

.

Hezbollah mostra ai corrispondenti dei media internazionali i movimenti di Israele sul confine libanese – controinformazione.info

Il movimento libanese Hezbollah ha invitato decine di giornalisti alla frontiera con i territori occupati (fra Libano ed Israele) per mostrare le attività militari di Israele.

Si tratta di un fatto senza precedenti, il Movimento di Resistenza del Libano (Hezbollah) ha mostrato il Giovedì ai media i sistemi della difesa installati dal regime di Israele alla frontiera ed ha affermato che la predisposizione di questi dispositivi  nella zona limitrofe mette in evidenza il timore di questo regime davanti alla possibilità di una attacco del movimento libanese.

Secondo gli analisti, il regime israeliano ha disposto questa misura dopo di che il segretario generale di Hezbollah, seued Hasan Nasrallah, aveva affermato  che darà una dura risposta a qualsiasi violazione israeliana contro il Libano.

In questo senso, un portavoce di Hezbollah, Mohamad Afif, ha dettagliato che le forze israeliane “hanno cambiato il terreno, hanno installato pendenze, hanno scavato trincee e sradicato alberi”.

Inoltre ha aggiunto che l’Esercito israeliano ha anche schierato sistemi difensivi nella città di Al-Yalil (Galilea),fatto che riflette le capacità dei servizi di Intelligence della resistenza.

“Da circa un anno, il nemico costruisce fortificazioni, barricate di terra e misure difensive per prevenire qualsiasi attacco dal lato libanese”, ha dichiarato a sua volta un comandante di Hezbollah, che non ha voluto identificarsi.

Vedi: Hezbollah mostra il timore di Israele ai media

Il comando di Hezbollah ha assicurato che la Resistenza libanese possiede “tattiche speciali” per distruggere queste strutture difensive del regime di Israele.

Inoltre ha mostrato tre fortificazioni israeliane da dove questo regime controlla il sud del Libano dalla regione di Tiro fino alle contese “fattorie di Shebaa” (zona libanese occupata dagli israeliani).

I funzionari militari israeliani hanno avvisato in varie occasioni che Hezbollah già non è lo stesso di un decennio fa ed adesso potrebbe sorprendere Israele con un atacco massiccio nel caso che si verifichi un’altra guerra.

Fonti: HispanTv

Al Manar

Traduzione: J.Manuel De Silva

Reparti Hezbollah

ASIA/LIBANO – Il Presidente Aoun: le milizie di Hezbollah sono “complementari” all’esercito libanese
Il Cairo (Agenzia Fides) – Le milizie sciite di Hezbollah non rappresentano un pericolo per la stabilità del Libano ma, al contrario, sono “necessarie” per la sicurezza dello Stato libanese e rappresentano una forza “complementare” rispetto alle forze armate nazionali, dal momento che Israele “occupa ancora territori libanesi, e continua a avere il controllo di sue risorse naturali”. Lo ha dichiarato il Presidente libanese Michel Aoun, cristiano maronita, in un’intervista rilasciata sabato 11 febbraio al canale televisivo egiziato CBC, all’inizio della sua visita in Egitto.

“Fino a quando l’esercito libanese non avrà la forza necessaria per tener testa a Israele” ha aggiunto il Capo di Stato libanese, “noi avvertiamo che le milizie di Hezbollah sono necessarie”. Esse – ha proseguito Aoun “vengono a completare la forza dell’esercito, e non la contraddicono affatto”, come dimostra il fatto che “non c’è resistenza armata all’interno del territorio” nazionale. Hezbollah – ha rimarcato il Presidente libanese – non è equiparabile a un esercito straniero: le sue milizie sono formate dal “abitanti del sud del Libano” che “si difendono quando Israele li attacca o se tenta di invadere le loro terre”, e non si può chiedere a cittadini libanesi “di consegnare le armi quando la loro terra è stata occupata più di una volta dal 1978”.

Astenendosi dall’utilizzare le proprie milizie all’interno del Paese dei Cedri, i leader di Hezbollah, a giudizio del Presidente libanese, hanno mostrato di essere meritevoli di fiducia, e “di non rappresentare affatto minaccia per la sicurezza del Libano”.
Le dichiarazioni di Aoun  (un cristiano maronita)  sono destinate a riaccendere il dibattito sull’eventuale disarmo delle milizie del Partito sciita, richiesto dai partiti che sostengono la “Coalizione 14 marzo”, compreso il partito sunnita “Futuro”, guidato dal Premier Saad Hariri. (GV) (Agenzia Fides 13/2/2017).

N.B. Il disarmo delle milizie di Hezbollah e la loro smobilitazione è anche una richiesta pressante dell’Amministrazione USA al governo  Libanese  ed è oggetto delle pressioni da parte dell’Arabia Saudita che finanzia ed ispira i gruppi terroristi salafiti e jiìhadisti che combattono in Siria e che, senza la presenza di Hezbollah, sarebbero da tempo entrati anche in Libano.

All’interno della milizia di Hezbollah, già da oltre due anni, è stata costituita anche una brigata cristiana, formata da volontari che si sono arruolati con Hezbollah per difendere le comunità ed i villaggi cristiani del Libano che si sentono in pericolo per le minacce dei gruppi terroristi islamici provenienti dalla Siria.

Sorgente: Hezbollah mostra ai corrispondenti dei media internazionali i movimenti di Israele sul confine libanese – controinformazione.info

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

adv