Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

.

‘Caso Torrisi’, Alfano: ‘Ha scelto sua strada, fuori da Ap’ –  ANSA.it

Angelino Alfano ‘scomunica’ Salvatore Torrisi dopo la vicenda di ieri della sua elezione a presidente della commissione Affari Costituzionali del Senato. “Prendo atto della scelta del senatore Torrisi – ha detto il presidente di Alternativa popolare Angelino Alfano -. Amen. Ha scelto la sua strada. La nostra è diversa: il senatore Torrisi non rappresenta Ap al vertice della commissione Affari costituzionali“.

“Torrisi, che è persona stimata – aveva detto in mattinata Alfano, parlando nella sede di Ap – mi ha chiesto 24 ore per rifletterci. Ma visto che si tratta di una questione di principio è chiaro che una sua permanenza alla presidenza è incompatibile con Ap“. “Noi – ha puntualizzato Alfano – abbiamo votato a favore del candidato del Pd perché quella presidenza toccava al Pd: noi rispettiamo i patti, siamo leali“. “Il massimo che potevamo fare era quello che abbiamo fatto, chiedere a Torrisi di rinunciare alla Presidenza. Ogni volta che facciamo battaglia politica – conclude Alfano – andiamo avanti a viso aperto, in chiaro”.

Mi sembra inconcepibile, assolutamente irrituale. Sono preoccupato per Alfano“: aveva risposto il neo presidente della Commissione Affari costituzionali del Senato Salvatore Torrisi commentando la richiesta di dimissioni che gli ha rivolto Alfano. “Manco il partito comunista sovietico faceva queste cose – aggiunge – Se mi fossi dimesso ieri, oggi non saremmo riusciti a chiudere la discussione generale sul decreto sicurezza e a fissare il termine per gli emendamenti. Io lavoro per le istituzioni”.

Poi da Alfano l’attacco al Pd e al presidente che ieri ha chiesto un incontro al capo dello Stato dopo la vicenda: “Da Orfini – aveva detto Alfano – ho sentito parole surreali. Siccome non siamo nati ieri e abbiamo capito il giochino dico che non ci stiamo. Se qualcuno cerca pretesti per far cadere il governo e andare al voto anticipato lo dica chiaro”.

E Matteo Renzi lancia la sfida: “Il fronte del no al referendum, al Mattarellum, all’Italicum, quello che ha votato Torrisi e ora è maggioranza, adesso ci faccia qualche proposta”.

Poi Renzi, incontrando i parlamentari della sua mozione, spiega: “Un episodio grave e profondamente antipatico, non si può tornare al linguaggio della prima repubblica. La parola crisi di governo non la vogliamo sentire pronunciare. Questi sono giochini da prima repubblica”.

LA GIORNATA DI IERI (di Serenella Mattera)

Lo spettro di una crisi di governo si materializza improvviso. In Senato non regge il patto di maggioranza e, con voto segreto, viene eletto alla presidenza della commissione Affari costituzionali Salvatore Torrisi, di Ap, invece del candidato Pd Giorgio Pagliari. (ECCO COSA E’ SUCCESSO).

La reazione di Matteo Renzi e dei parlamentari a lui vicini è immediata e furente: “E’ un patto della conservazione tra M5S e FI, Mdp e Ap per non cambiare la legge elettorale”, accusano. E a stretto giro i vertici Dem chiedono un incontro al premier Paolo Gentiloni e al presidente Sergio Mattarella per un chiarimento politico.

Così non si può andare avanti, dicono i renziani. E anche Andrea Orlando osserva che l’episodio può portare al voto anticipato. In serata, dopo un colloquio con Gentiloni, Angelino Alfano chiede a Torrisi di dimettersi per permettere l’elezione del candidato Pd. Poi il premier vede i vertici Dem e garantisce il suo “impegno per la coesione della maggioranza”. Ma la tensione è alle stelle, anche tra i Dem.

E torna lo spettro delle urne a settembre. Dopo il referendum, ragionano i renziani, la legislatura si è sfilacciata, come dimostrano gli screzi con alfaniani e bersaniani, dal Def ai voucher, alla legge elettorale. A questo punto tra gli uomini vicini all’ex premier cresce la tentazione di sfidare i Cinque stelle per votare insieme in tempi brevi il Legalicum (cioè l’Italicum corretto, senza i capilista bloccati). A quel punto ci sarebbero le condizioni per chiudere la legislatura e andare al voto. Intanto il “casus belli” è il voto per la presidenza della commissione del Senato da cui passa la legge elettorale. Il Pd candida Pagliari. Ma il voto segreto finisce 16 a 11 per il centrista Torrisi.

Chi lo ha eletto? Partono accuse incrociate: ai voti di M5s e Fi si sono sommano senatori di maggioranza e il Pd punta subito il dito contro Mdp e Ap. “Guardino in casa loro”, replicano Bersani e Speranza, che invitano a guardare alle divisioni dei Dem. Anche Alfano invita a cercare i franchi tiratori nel Pd (perché non i renziani?, sibila qualcuno) e Torrisi tiene il punto: per il momento non si dimette. “Una tempesta in un bicchier d’acqua, Torrisi è stato presidente supplente in questi mesi”, invita alla calma il presidente del Senato Pietro Grasso. Ma per i Dem il voto ha un senso politico: dimostra che non c’è volontà di cambiare la legge elettorale, si vuole il proporzionale. “Si è superato il limite”, dice Luigi Zanda, nel mirino dei renziani per non aver saputo gestire la vicenda. “La lealtà in maggioranza non è un optional”, avverte Ettore Rosato. Mentre Matteo Orfini, reggente del Pd, attacca Mdp: “Sono in maggioranza? Non mi pare…”.. A Gentiloni e Mattarella il Pd chiede un confronto e in serata Guerini e Orfini vanno a Palazzo Chigi. Tra premier e capo dello Stato nel pomeriggio ci sarebbero stati contatti ma al Quirinale reputano la richiesta di esser ricevuti irrituale. Interviene Gentiloni: ad Alfano, che gli assicura il passo indietro di Torrisi, e al Pd esprime “preoccupazione” per quello che reputa un “episodio grave”. Ma il caso non è chiuso. Sull’azione di governo, aveva detto in mattinata Renzi, “mi fido di Gentiloni ma l’importante è che il gatto prenda il topo”.

Ma anche nel Pd è scontro. I sostenitori di Emiliano e di Orlando attaccano i renziani: “Il Pd rischia di diventare fattore di instabilità”, dice Gianni Cuperlo. E fa discutere una frase di Renzi in un’intervista a Panorama, che lascia intendere che lascerebbe la politica in caso di sconfitta alle elezioni. E’ ‘personalizzazione’? Il settimanale e l’ex premier: “Ho detto che sarei tornato alla politica solo con i voti. Non mollo – afferma Renzi – e non mollerò mai”.

Sorgente: ‘Caso Torrisi’, Alfano: ‘Ha scelto sua strada, fuori da Ap’ – Politica – ANSA.it

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

adwersing