Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Biotestamento, il paziente potrà abbandonare le terapie. Governo neutrale – Repubblica.it

Approvato un emendamento al disegno di legge che prevede tra l’altro il principio del divieto dell’accanimento terapeutico. Governo neutrale

ROMA – Il paziente avrà il diritto di abbandonare le terapie. Lo stabilisce l’emendamento della commissione al ddl Biotestamento che sopprime il sesto comma del primo articolo del testo.

Governo neutrale. Come già fatto nelle scorse sedute di Montecitorio dedicate all’esame della proposta di legge sul testamento biologico, anche oggi il governo ha scelto di rimanere ‘neutrale’. L’esecutivo, ha annunciato di “rimettersi all’Aula” della Camera per quel che riguarda i parere sugli emendamenti.

Divieto dell’accanimento terapeutico. La Commissione ha poi dato parere favorevole a un emendamento presentato dal presidente Marazziti che aggiunge un articolo ulteriore al testo e che introduce – ed è questa la novità rilevante – il principio del divieto dell’accanimento terapeutico. E riconosce il diritto in capo al paziente di abbandonare totalmente la terapia.

Il comma 6 eliminato. Il comma 6 prevedeva: “Il rifiuto del trattamento sanitario indicato dal medico o la rinuncia al medesimo non possono comportare l’abbandono terapeutico. Sono quindi sempre assicurati il coinvolgimento del medico di famiglia e l’erogazione delle cure palliative”. Eliminando questo comma, non vie è alcun riferimento all’abbandono terapeutico. Tema che verrà poi sviluppato approfonditamente dall’articolo aggiuntivo a prima firma Marazziti. L’articolo aggiuntivo, che verrà votato – e con ogni probabilità approvato – in seguito, riguarda la “terapia del dolore, divieto di ostinazione irragionevole delle cure, e dignità nella fase finale della vita”.

Come sarà il nuovo testo. Il testo della legge verrà così riscritto: “Il medico, avvalendosi di mezzi appropriati allo stato del paziente deve adoperarsi per alleviarne le sofferenze, anche in caso di rifiuto o di revoca del consenso al trattamento sanitario indicato dal medico. A tal fine, è sempre garantita un’appropriata terapia del dolore con il coinvolgimento del medico di medicina generale e l’erogazione delle cure palliative. Nel caso di paziente con prognosi infausta a breve termine o di imminenza di morte, il medico deve astenersi da ogni ostinazione irragionevole nella somministrazione delle cure e dal ricorso a trattamenti inutili e sproporzionati. In presenza di sofferenze refrattarie ai trattamenti sanitari. Il medico può ricorrere alla sedazione palliativa

profonda continua in associazione con la terapia del dolore, con il consenso del paziente. Il ricorso alla sedazione palliativa profonda continua o il rifiuto della stessa sono motivati e sono annotati nella cartella clinica e nel fascicolo sanitario elettronico”.

Sorgente: Biotestamento, il paziente potrà abbandonare le terapie. Governo neutrale – Repubblica.it

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

.