Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

.

Attentato a Parigi. Nell’auto del terrorista un Corano e fogli inneggianti all’Isis – Rai News

21 aprile 2017

Nell’auto di Karim Cheurfi, il terrorista che ieri ha sparato sugli Champs-Elysees a Parigi uccidendo un poliziotto e ferendone altri due, la polizia ha ritrovato appunti scritti a mano con l’indirizzo della Dgsi, i servizi di informazione, del commissariato di Lagny, nella banlieue vicina a dove abitava l’uomo, e di tre armerie. Nella stessa auto, riferiscono i media, insieme ad un fucile a pompa e ad alcuni coltelli, c’erano un Corano e fogli scritti inneggianti all’isis. Il presunto attentatore era stato arrestato lo scorso febbraio per avere minacciato la polizia ed era poi stato rilasciato per mancanza di prove.Karim Cheurfi dopo aver sparato ieri si era dato alla fuga, ma era stato ucciso dopo pochi metri. Il secondo agente ferito è stato dimesso dall’ospedale Georges Pompidou: a salvarlo è stato il giubbotto antiproiettile. Ora riceverà assistenza psicologica. La passante colpita, di nazionalità tedesca, è stata “ferita al piede, deve essere operata”.Il presunto complice si presenta al commissariato di AnversaSi è dissolta l’ipotesi di un collegamento con il Belgio, che aveva preso corpo dopo l’avviso di ricerca nei riguardi di un uomo diramato dalle autorità del Paese: l’uomo, infatti, si è presentato spontaneamente al commissariato ad Anversa, ha un alibi e nega ogni coinvolgimento nei fatti di Parigi.Fermate tre personeTre persone ritenute vicine all’assalitore invece sono state fermate e interrogate dai servizi antiterrorismo. Si trovavano nelle abitazioni perquisite durante la notte dalla Polizia.Consiglio di Difesa all’EliseoAll’Eliseo si è tenuto un Consiglio di difesa convocato d’urgenza ieri sera dal presidente francese Francois Hollande dopo l’attentato. Oltre a Hollande, hanno partecipa i ministri dell’Interno, della Giustizia, della Difesa e degli Esteri. Tra gli altri, erano presenti inoltre i capi dei servizi di sicurezza, dell’intelligence e delle forze armate.La rivendicazione IsisPrima di mezzanotte, la rivendicazione dell’Isis: l’attentato è stato compiuto da qualcuno denominato ‘Abu Yusuf al Beljiki’, ovvero “il belga”.La perquisizione in casa dell’attentatoreA Parigi, il killer – come confermato dal procuratore Francois Molins – è stato identificato e la sua abitazione in banlieue di Parigi già perquisita. Si chiamava Karim C., era schedato dalla polizia, radicalizzato, con pesanti precedenti: già 15 anni fa era stato condannato per tentato omicidio di un agente, quindi per aver assalito una guardia in carcere. Era nato nella periferia di Parigi.La ricostruzioneErano passati pochi minuti dalle 21 e gli 11 candidati alle presidenziali di domenica erano impegnati da un’ora nell’ultima performance in diretta tv su France 2 quando diverse raffiche di armi automatiche hanno seminato il terrore sugli Champs-Elysees, all’altezza del civico 102, in prossimità dei grandi magazzini britannici ‘Marks & Spencer’.Un uomo è sceso da un’Audi 80 grigia, si è avvicinato ad un furgone parcheggiato con alcuni poliziotti all’interno – agenti della stradale e della municipale – e ha fatto fuoco con un kalashnikov. Un agente è stato ucciso sul colpo, altri due feriti, una passante – una turista straniera – colpita da schegge. L’assalitore si è dato alla fuga, a piedi, abbandonando l’auto. Dopo pochi metri, è stato abbattuto da altri colleghi degli agenti aggrediti, che stavano pattugliando la strada. Testimoni hanno parlato di “una vera e propria esecuzione”.

Sorgente: Attentato a Parigi. Nell’auto del terrorista un Corano e fogli inneggianti all’Isis – Rai News

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

adv