Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Duello tra Pd e ministri tecnici Ecco i quattro nodi del governo – Corriere.it

corriere.it – Economia – Duello tra Pd e ministri tecnici. Ecco i quattro nodi del governo. Def entro il 10 aprile e poi la manovra bis: in vista delle prossime scadenze, ecco i punti di contrasto tra il partito di Renzi e i ministri senza tessera di Enrico Marro

1. Alcol e sigarette, il muro sulle accise
Lo scorso settembre il governo Renzi ha notificato a Bruxelles la decisone di modificare l’obiettivo del deficit 2017, alzandolo dall’1,8% al 2,4%, a causa delle emergenze terremoto e migranti. La Commissione europea ha replicato chiedendo al governo una manovra aggiuntiva per il 2017 pari a 0,2 punti di Pil, circa 3,4 miliardi. Il governo si è impegnato a farla entro aprile, promettendo tra l’altro l’aumento delle accise, che però Renzi ha bocciato. Un miliardo dovrebbe arrivare dall’estensione dello split payment (lo Stato trattiene l’Iva ai fornitori) alle società pubbliche. Un altro miliardo dai tagli ai ministeri. Resta in ballo, nonostante il no del Pd, un ritocco delle accise ma non sui carburanti, bensì solo su alcol e sigarette.
2. Privatizzazioni, divisi sulla ripartenza
Nel 2016 le privatizzazioni si sono quasi fermate (solo Enav). Con il prossimo Def il ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, vorrebbe rilanciarle, per assicurare entrate pari ad almeno 8 miliardi di euro l’anno. Nel menù rientrano anche Poste e Ferrovie. Ma su entrambe si sono scatenati i mal di pancia del partito democratico. E perplessità sono state avanzate da almeno due ministri, Delrio (Trasporti) e Orlando (Giustizia) e dal sottosegretario allo Sviluppo, Giacomelli, tutti del Pd. I timori riguardano in sostanza le sorti e l’universalità del servizio pubblico postale e di quello ferroviario. Padoan invece ritiene il rilancio delle privatizzazioni indispensabile per evitare la procedura d’infrazione sul debito.
3. Per non alzare l’Iva servono 20 miliardi
L’incubo di Padoan sono le «clausole di salvaguardia» che, a dire il vero, egli stesso con l’avallo dell’ex premier ha previsto per il 2018. Per disinnescare l’aumento dell’Iva dal 10 al 13% e dal 22 al 25% a partire dal prossimo 1° gennaio, il governo deve trovare 19,5 miliardi. Una parte di queste risorse, circa la metà, verranno dall’aumento dell’indebitamento. Il deficit per il 2018 non sarà infatti più l’1,2% del Pil come indicato nella nota di aggiornamento del Def, ma salirà intorno al 2%. La commissione europea preme affinché il prelievo fiscale venga spostato dalle persone alle cose, cioè sull’Iva. A Padoan potrebbe far comodo un minimo aumento delle aliquote. Il partito di Renzi si oppone perché teme di perdere voti.
4. Il rischio infrazione per i troppi debiti
A maggio la commissione europea darà il giudizio finale sui conti pubblici italiani e deciderà se aprire una procedura d’infrazione per debito eccessivo. L’Italia è al secondo posto in Europa per debito pubblico, dopo la Grecia. A gennaio è arrivato a 2.250 miliardi di euro. Secondo le regole europee del Fiscal compact il debito pubblico italiano dovrebbe essere quest’anno pari al 126,6% del Pil, invece la commissione Ue stima che sarà del 133,1% quest’anno e nel 2018, contro il 132,8% del 2016. Per l’Italia è indispensabile invertire la tendenza alla crescita. Padoan è impegnato su questo fronte, consapevole dei rischi che si corrono sui mercati. Renzi, ancora ieri, ha definito «stupide» le regole del Fiscal compact.
Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.