Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

.

Ambiente, Trump “cancella” Obama: «Niente più limiti a carbone e gas serra» – ilmessaggero.it

ilmessaggero.it – Ambiente, Trump “cancella” Obama: «Niente più limiti a carbone e gas serra» – di Flavio Pompetti

NEW YORK Stop alle leggi a protezione dell’ambiente non necessarie. Donald Trump ha firmato ieri un ennesimo decreto che raccomanda all’Ente per la Protezione Ambientale e a tutte le agenzie interessate una revisione dei regolamenti vigenti.

Il presidente vuole un taglio di forbici alle norme non richieste da una legge e formulate autonomamente dall’esecutivo, e a quelle che interferiscono con gli interessi della crescita industriale degli Stati Uniti.

«Troppo a lungo le nostre agenzie federali hanno agito da barriera contro lo sviluppo razionale e sostenibile» ha detto ieri il portavoce della Casa Bianca Sean Spicer citando Trump. Gli amministratori dovranno far uso della «migliore evidenza scientifica» disponibile nelle loro analisi, e trarre le conclusioni eliminando le regole vigenti.

Il primo passo del nuovo corso spetta all’Epa, alla quale il presidente ha chiesto di eliminare i vincoli alle emissioni tossiche «decise da Obama ai danni delle centrali energetiche», a cominciare dalle centrali a carbone, fino alle pratiche estrattive di petrolio e gas.

LA RESTRIZIONE
Obama tre anni fa aveva chiesto una riduzione del 37% delle emissioni di Co2 alle centrali energetiche, e queste avevano risposto con la decisione più rapida per raggiungere l’obiettivo: le prime quattro aziende che gestivano le centrali a carbone (le più inquinanti e obsolete del panorama energetico) hanno chiuso i battenti. L’amministratore della quinta, Roger Murray della Murray Energy Corp, era al fianco del presidente ieri al momento della firma. Il decreto ha irritato la dirigenza democratica, nel momento in cui Trump sta cercando di negoziare con alcuni membri dell’opposizione delle modifiche che permettano la ripresentazione e il passaggio alla camera della legge sanitaria.

Il leader della minoranza al senato Chuck Schumer è inoltre infuriato perché ha scoperto che uno dei finanziamenti, nelle voci facoltative del bilancio proposte dalla Casa Bianca, è un miliardo di dollari per pagare i primi 100 km di muro al confine meridionale.

È chiaro ormai che il governo di Città del Messico non pagherà il conto dell’opera, mentre gli americani si apprestano a vedere tagliati i finanziamenti della ricerca scientifica e dei servizi sociali, per pagare una promessa elettorale che è vanificata dal drastico calo dei passaggi di clandestini negli ultimi mesi.

I CENTO GIORNI
La resa dei conti sarà il 29 aprile, centesimo giorno di governo per Trump, ma anche la data in cui gli Usa diverranno insolventi, visto che la scadenza del 15 marzo per sollevare il limite del debito è passata senza una decisione. Il senato dovrà approvare una deroga, ma per farlo ci sarà bisogno della maggioranza di 60 voti che i repubblicani non hanno, e senza un compromesso con i democratici torna l’incubo della bancarotta, che aveva funestato a più riprese la presidenza di Obama.

Stando ai limiti vigenti, il Tesoro americano ha già una liquidità inferiore a quella di Apple e di Google. Oltre alla stretta finanziaria, l’amministrazione continua a soffrire l’insidia dell’inchiesta sul Russiagate.

L’opposizione chiede ora la testa del presidente della commissione Intelligence Devin Nunes, dopo che questi ha cancellato dal calendario la testimonianza chiave tra le altre dell’ex vice ministro per la Giustizia Sally Yates.

Yates aveva annunciato che avrebbe contraddetto in aula la tesi vittimista della Casa Bianca.

Sorgente: Ambiente, Trump “cancella” Obama: «Niente più limiti a carbone e gas serra»

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

adwersing