Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Valanga sull’hotel a Rigopiano, un superstite: ho visto la montagna cadere, i miei figli sono là sotto – ilmessaggero.it

ilmessaggero.it – Valanga sull’hotel a Rigopiano, un superstite: ho visto la montagna cadere, i miei figli sono là sotto.

«Sono salvo perché ero andato a prendere una cosa in automobile». È quanto ha riferito ai medici Giampiero Parete, 38 anni, che ieri ha lanciato l’allarme per la valanga che ha travolto l’hotel Rigopiano.

La moglie e i due figli di Parete sono sotto le macerie dell’albergo. «È arrivata la valanga – ha detto ancora ai sanitari il 38enne, ricoverato in Rianimazione – sono stato sommerso dalla neve, ma sono riuscito a uscire. L’auto non è stata sepolta e quindi ho atteso lì l’arrivo dei soccorsi».

Video La propagazione delle onde sismiche

Terremoto, ecco cosa fare in caso di scossa

«Mia moglie aveva mal di testa e aveva bisogno di una medicina che era in macchina. Allora sono uscito dall’albergo e sono andato in auto. Mentre tornavo verso l’hotel ho sentito rumori e scricchiolii e ho visto la montagna cadere addosso all’edificio. Ha travolto anche me, ma parzialmente. Ho visto gran parte dell’albergo ricoperto dalla neve».
Questa la testimonianza di Giampiero Parete, superstite della valanga sull’hotel Rigopiano, affidata al datore di lavoro Quintino Marcella, il primo a ricevere la richiesta di aiuto. «Ho provato a entrare dentro – dice ancora Parete – ma ho rischiato di rimanere intrappolato; allora mi sono aggrappato ad un ramo e sono riuscito a tornare verso la macchina. Poi ho incontrato il manutentore dell’albergo e insieme abbiamo lanciato l’allarme. Dall’interno dell’hotel non ho sentito alcun rumore o movimento».
L’uomo, residente a Montesilvano (Pescara), è cosciente ed è assistito dal personale della Rianimazione dell’ospedale di Pescara e dagli psicologi della Asl. È arrivato in stato di ipotermia, ma il quadro clinico non è preoccupante. È stato lui ieri a lanciare l’allarme al suo datore di lavoro. Poi la lunga attesa dell’arrivo dei soccorsi, insieme all’altro superstite.
La lunga notte dei parenti: «Speriamo in un miracolo»

Quintino Marcella, ristoratore e datore di lavoro di Giampiero Parete (a cui quest’ultimo ha lanciato l’allarme), ha raccontato: «Giampiero e tutti gli altri ospiti dell’albergo avevano pagato e avevano raggiunto la hall, pronti per ripartire non appena sarebbe arrivato lo spazzaneve. Gli avevano detto che sarebbe arrivato alle 15, ma l’arrivo è stato posticipato alle 19. Avevano preparato già le valigie, tutti i clienti volevano andare via».

 

Sorgente: Valanga sull’hotel a Rigopiano, un superstite: ho visto la montagna cadere, i miei figli sono là sotto

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.