Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Treni Frecciarossa, biglietti più cari battaglia in Senato | Il Mattino

ilmattino.it – Treni Frecciarossa, biglietti più carila battaglia approda Senato – 

di Elena Romanazzi

Il caso abbonamenti Alta velocità finisce in Parlamento. Il presidente della commissione Lavori Pubblici al Senato, Altero Matteoli, si è mobilitato. Martedì prossimo verrà ascoltato l’amministratore delegato delle Ferrovie dello Stato, Renato Mazzoncini e l’auspicio è che dia la stessa disponibilità anche l’ad di Trenitalia Barbara Morgante. «Sarà l’occasione – spiega Matteoli – per chiarire le motivazioni alla base dei rincari degli abbonamenti per i pendolari che viaggiano sulle linee dell’Alta velocità». «Rimango dell’opinione – aggiunge il senatore di Forza Italia – che questa decisione improvvisa, che colpisce pesantemente lavoratori e studenti pendolari, debba essere ritirata».

«Frecciarossa, aumenti record per gli abbonamenti dei pendolari»

I tempi sono stretti. Mancano pochi giorni alla fine del mese ed è tempo di rinnovo degli abbonamenti. Aumenti insostenibili per i più. Per gli oltre 2mila pendolari che si muovono sulla tratta Salerno-Napoli-Roma è tempo i decisioni. Il ministro dei Trasporti Graziano Delrio considera gli aumenti eccessivi. «Capisco le ragioni dell’azienda, ma capisco anche le ragioni dei pendolari». Come se ne esce da questa situazione? «La mia moral suasion all’azienda – aggiunge Delrio – è pensare ad uno scalettamento degli aumenti, mentre alle Regioni chiedo di sedersi intorno ad un tavolo. La nostra disponibilità ad un tavolo c’è tutta».

video – Milan-Napoli: le tre mosse di Roberto Ventre
Il presidente della Campania, Enzo De Luca è disponibile. «Mi associo – spiega – alle iniziative che verranno intraprese dal governo e sono pronto a partecipare al tavolo per tutelare i pendolari». Ma difficilmente si può ipotizzare un aiuto concreto in termini economici come fa l’Emilia Romagna e come sta per fare la Lombardia. Il caso è tutto aperto. Le Ferrovie continuano su una linea difensiva. Sul rincaro degli abbonamenti dell’Alta velocità «si e’ montata una grande polemica su numeri molto piccoli poichè l’aumento del 35% riguarderà 600/700 persone in Italia, visto che riguarda l’abbonamento sette giorni che è utilizzato da un 10% circa dei nostri pendolari che sono 7.000 in tutta Italia».

A sostenerlo, a margine di un convegno l’ad di Fs, Renato Mazzoncini. Nonostante i piccoli numeri, e «siccome ogni persona è importante», ha spiegato Mazzoncini «il problema è capire quali sono i meccanismi di compensazione. Siccome stiamo parlando di risorse abbastanza contenute, credo che si possa provare a trovare degli accordi con le regioni, sull’esempio lanciato dall’Emilia Romagna». «Il fatto che con gli abbonamenti non ci si guadagni – aggiunge il manager – è certificato dal fatto che i nostri competitors, cioè Ntv non intendano farli».

Continua a leggere su Il Mattino Digital

Sorgente: Treni Frecciarossa, biglietti più cari battaglia in Senato | Il Mattino

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

.