Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Studenti in piazza: «soldi alla scuola, non alle banche». È scontro con il MIUR. – Senza Tregua

senzatregua.it/ – Studenti in piazza: «soldi alla scuola, non alle banche». È scontro con il MIUR.

Centinaia di studenti romani hanno manifestato …omiss –  dopo oltre 10 giorni di disagi nelle scuole dovuti al malfunzionamento degli impianti di riscaldamento e alle carenze dell’edilizia scolastica. Il corteo è partito da Piazzale Ostiense, raggiungendo il Ministero dell’Istruzione in Viale Trastevere. «Scuole a pezzi, studenti al gelo: soldi alla scuola, non alle banche» – questo lo striscione in testa al corteo.

Numerose le carenze denunciate dagli studenti: «Nella mia scuola i termosifoni erano tutti spenti» – ha raccontato Giorgio Belfiori, studente dell’ITIS “Hertz” – «è inaccettabile che gli studenti entrino a scuola e la trovino gelata, abbiamo già protestato con un sit-in e oggi continuiamo a mobilitarci». «Noi siamo tornati a scuola sabato 7 gennaio e l’abbiamo trovata gelida, dopo un’ora siamo stati costretti a tornare a casa», ha raccontato Giulio Chiaramonti, rappresentante del Liceo Orazio. Qualcuno si è anche armato di termometro, come Chiara Badiali, rappresentante del liceo Carducci: «da noi la temperatura oscilla dai 10° ai 14°, quando per legge dovrebbe essere almeno di 18°».

Gli studenti hanno raggiunto il Ministero dell’Istruzione, dove Francesca Palisi e Pietro Fulvi, Consiglieri di Presidenza nella Consulta Provinciale degli Studenti, eletti nelle liste del Fronte della Gioventù Comunista (FGC) sono stati ricevuti da un funzionario. «Col nuovo Ministro il Governo punta a riprendere consenso nel mondo della scuola, e oggi per la prima volta dopo anni il Miur ha ricevuto una delegazione di studenti. Purtroppo però abbiamo avuto soltanto parole e nulla di concreto» – questa la dichiarazione della delegazione appena uscita dal colloquio con il Miur – «Ci raccontano di piani già in atto per una riqualificazione delle scuole che non si vede da nessuna parte. Di fatto questo governo a parole fa grandi cose, ma continua a non volersi assumere la responsabilità di ciò che avviene nelle scuole. C’è piena continuità col governo Renzi, a partire dalla recente approvazione delle deleghe della Buona Scuola».

dudes miur
Gli studenti sotto il Ministero dell’Istruzione, mentre una delegazione veniva ricevuta al suo interno.

«Alle scuole romane, e italiane, servirebbe un serio piano di messa in sicurezza e quanto successo negli ultimi giorni a Roma l’ha dimostrato. Cambiano i governi ma nessuno vuole affrontare questa problematica, si preferisce piuttosto continuare a regalare miliardi alle banche» – lo ha affermato Silvia Scipioni, resp. scuola del FGC di Roma – «Migliaia di scuole in tutta Italia non sono a norma, e a Roma larga parte del patrimonio edilizio è del dopoguerra, se non precedente. Serve stanziare nuovi fondi per l’edilizia scolastica garantendo una riqualificazione che sia reale e libera da speculazioni: sulle necessità degli studenti non possono mangiare i soliti noti».

I due consiglieri della Consulta Provinciale degli Studenti presenti alla mobilitazione che hanno incontrato il MIUR.
I due consiglieri della Consulta Provinciale degli Studenti presenti alla mobilitazione che hanno incontrato il MIUR.

«Non accettiamo i tentativi del governo di nascondersi dietro ad una presunta emergenza maltempo» – ha dichiarato infine Alessio Angelucci, Segretario del FGC di Roma – «La scuola di oggi, che non riesce a garantire condizioni dignitose agli studenti, è quella che hanno costruito l’UE e i vari governi di centrodestra e centrosinistra con anni di politiche disastrose, di cui la buona scuola è l’ultimo tassello. Le responsabilità politiche sono evidenti, gli studenti in piazza oggi lo sanno e continueranno a lottare per conquistare una scuola sicura, gratuita e di qualità».

Sorgente: Studenti in piazza: «soldi alla scuola, non alle banche». È scontro con il MIUR. – Senza Tregua

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.