Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Statali, stipendi a 2 velocità: in 10 anni scuola +11% e palazzo Chigi +45%

Stipendi sotto la media, con aumenti sotto la media. E’ la triste storia dei dipendenti pubblici che lavorano nel comparto della scuola, che nel 2015 chiudono la classifica delle retribuzioni degli statali con 28.343 euro, raggiunti grazie a un ‘magro’ aumento dell’11,8% rispetto al 2005. Ben poca cosa rispetto ai colleghi che lavorano alla presidenza del Consiglio dei ministri, che hanno visto lievitare gli assegni del 45%. Anche il personale diplomatico può festeggiare un incremento del 37%.

I dati sono contenuti nelle tabelle della Ragioneria generale dello Stato, che effettua le rilevazioni sul conto annuale del pubblico impiego, del 2005-2015, elaborati dall’Adnkronos.

In confronto alle due categorie che hanno beneficiato degli aumenti più sostanziosi quello dei magistrati, che si devono accontentare di un +28,4%, potrebbe far pensare che per il comparto le cose non sono andate altrettanto bene. Ma una volta visto il totale si cambierà subito idea: con una retribuzione di 138.481 euro nel 2015, le toghe hanno un reddito quattro volte superiore rispetto al comparto scuola, raggiunto grazie a un incremento di 30.615 euro rispetto al 2005. Al secondo posto i diplomatici, che con 25.156 euro di aumento nel decennio sono arrivati a 93.183 euro.

Al top trovano posto anche i dipendenti pubblici impegnati nella carriera prefettizia, che raggiungono quota 94.117 euro (+22,3% e +17.148 euro). Quasi stesso aumento per i dipendenti della presidenza del Consiglio, che partivano da numeri molto più modesti e, di conseguenza, arrivano ‘solo’ a 57.612 euro.

Per comprendere meglio le differenze tra le diverse categorie del pubblico impiego può essere utile riportare la retribuzione media del totale dei comparti: nel 2015 è arrivata a 34.146 euro, con un incremento del 14,8% rispetto al 2005.

L’aumento più modesto, in termini percentuali, è quello registrato nel comparto dell’università, dove grazie a una crescita dell’8% la retribuzione complessiva è arrivata a 43.085 euro. Incrementi sotto la media anche per le forze armate, che registrano un +11,6% raggiungendo quota 39.764 euro, e per i dipendenti degli enti territoriali e locali, con un +13,3%. La retribuzione degli impiegati in regioni e comuni risulta essere la penultima nella classifica generale, con 29.057 euro.

Tornando al comparto ‘povero’, quello della scuola, bisogna sottolineare che al suo interno si rilevano forti differenze tra i dirigenti, che nel 2015 percepiscono una retribuzione di 58.174 euro, e gli insegnanti, che arrivano a quota 29.842 euro (gli incrementi sono stati rispettivamente del 6,3% e dell’11,6%). Lo stipendio medio dei docenti, dal 2005 al 2015, è aumentato poco più di 200 euro; dividendo ulteriormente la cifra in 10 anni si ottiene un incremento di 20 euro.

Nella tabella che segue vengono riportati i comparti del pubblico impiego, la retribuzione complessiva annua nel 2015, l’incremento rispetto al 2005 in euro e in termini percentuali.

Comparto……………………retribuzione….aumento….variazione %

Scuola……………………………….28.343………2.829………+11,8%

Ministeri…………………………….36.436………4.525……….+14,2%

Presidenza Consiglio min. ……..57.612…….17.870………..+45%

Agenzie fiscali…………………….35.449……….4.588……….+14,9%

Corpi di polizia……………………39.390……….6.227……….+18,6%

Forze armate……………………..39.764……….4.129……….+11,6%

Magistratura……………………. 138.481………30.615………+28,4%

Carriera diplomatica…………….93.183………25.156………+37%

Carriera prefettizia………………94.117………17.148……….+22,3%

Enti di ricerca…………………….41.135………..5.319………+14,8%

Università…………………………43.085………..3.188………..+8%

Servizio sanitario naz. …………38.621………..5.195……….+15,5%

Regioni ed enti locali……………29.057……….3.423………..+13,3%

Regioni a statuto speciale……..35.345……….6.171………..+21,1%

Totale comparti………………….34.146……….4.410…………+14,8%

Sorgente: Statali, stipendi a 2 velocità: in 10 anni scuola +11% e palazzo Chigi +45%

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

.