Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Spari in moschea in Canada: 6 morti, anche l’imam. Assalitore ‘amava Trump’ – FOTO e VIDEO – Nord America – ANSA.it

ansa.it – Spari in moschea in Canada: 6 morti, anche l’imam. Assalitore ‘amava Trump’ – FOTO e VIDEO

Sei persone sono state uccise in una sparatoria nella moschea di Quebec City, in Canada. I feriti sono otto. Due persone sono state arrestate. Il primo ministro canadese Justin Trudeau ha definito l’attentato “un attacco terroristico contro i musulmani”, sottolineando che e’ “straziante vedere una simile violenza insensata”.

Alexandre Bissonette, studente francocanadese di 27 anni, è stato incriminato dalle autorità. A suo carico sono stati presentati sei capi d’accusa per omicidio di primo grado, e cinque capi d’accusa per tentato omicidio.

LE FOTOIL VIDEO   E’ il francocanadese Alexandre Bissonnette. “Su Fb amava Trump, Le Pen e Israele”

”Ad Alex piacevano Trump, Marine Le Pen e le forze di difesa israeliane su Fb, rendendo improbabili i legami con la Jihad”: lo ha twittato l’analista israeliana Rita Katz, direttrice di Site Intelligence Group, società Usa che si occupa di pubblicare tutte le attività online delle organizzazioni jihadiste.

”Stasera i canadesi piangono per le persone uccise in un attacco codardo in una moschea a Quebec City. I miei pensieri sono per le vittime e le loro famiglie” ha scritto in un tweet il primo ministro canadese.

Tra le vittime dell’attacco alla moschea di Quebec City c’è anche l’imam.

‘Un killer urlava Allah Akbar’ – “Aveva un accento del Quebec e urlava Allah Akbar”: cosi’ uno dei testimoni della strage nella moschea di Quebec City, in Canada, descrive uno dei due killer in azione mentre sparava. Lo riporta la tv canadese Cbc.

LA FOTO: Trudeau con la piccola rifugiata “Benvenuta in Canada”

Nell’estate del 2016 una testa di maiale era stata lasciata sulla porta di ingresso del Centro culturale islamico del Quebec. –

Centre Culturel Islamique de Québec

circa 8 mesi fa

Il primo ministro del Quebec Philippe Couillard ha definito l’atto ”violenza barbarica” e ha espresso solidarieta’ alle famiglie delle vittime. Il ministro della Sicurezza Pubblica Ralph Goodale, sempre su Twitter, si e’ detto profondamente rattristato. Il suo staff ha detto che nessun movente e’ stato confermato.

Donald Trump ha chiamato il premier canadese Justin Trudeau per esprimergli le condoglianze dopo l’attacco di una moschea a Quebec city e gli ha offerto assistenza: lo riferisce il portavoce di Trudeau.

Il Papa, dopo la messa a Santa Marta, si è trattenuto con il card. Gerald Cyprien LaCroix, “assicurando le sue preghiere per le vittime dell’attacco alla moschea di Quebec City, in Canada“. E “ha sottolineato l’importanza di restare in questi momenti tutti uniti nella preghiera, cristiani e musulmani”. Il cardinale, in visita a Roma è subito dopo ripartito per il Canada. Dell’incontro e della parole del Papa ha informato la sala stampa vaticana.

Gentiloni, vicinanza a comunità musulmana  – “Il governo italiano è vicino alle vittime, ai familiari e alla comunità musulmana canadese oltre che al governo e al presidente Trudeau. E’ un modo anche per confermare il nostro atteggiamento di vicinanza e solidarietà alla stragrande maggioranza cittadini di fede islamica che vivono nei nostri Paesi e città e che rifiutano il terrorismo fondamentalista e anzi ne sono spesso vittime e bersagli”. Lo dice il premier Paolo Gentiloni.

Tajani,violenza non è risposta,serve dialogo – “La violenza non è mai una risposta contro il terrorismo, la soluzione si chiama dialogo. La Ue crede nel dialogo interreligioso. Abbiamo lavorato e continuiamo a lavorare in questa direzione”. Lo dice il presidente del Parlamento Ue Antonio Tajani in occasione dell’incontro con il premier Paolo Gentiloni

Sorgente: Spari in moschea in Canada: 6 morti, anche l’imam. Assalitore ‘amava Trump’ – FOTO e VIDEO – Nord America – ANSA.it

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *