Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

.

SI FACCIA PRESTO, QUEGLI UOMINI, I LORO ANIMALI, NON POSSONO PIÙ ASPETTARE

LUCA SOLDI

La neve ed il freddo, ad Amatrice. In tutte quelle terre. E se gli uomini, le donne provano a superare questa nuova ma non imprevedibile prova, lo Stato non riesce a mantenere le promesse.

La denuncia arriva da chi fino ad adesso si era contraddistinto per la fermezza ma anche con la concretezza di chi conosce bene il cammino della macchina burocratica.
Il sindaco di Amatrice, Sergio Pirozzi con un messaggio pubblicato sui canali ufficiali del comune del paese laziale lancia un appello all’Esercito, chiedendo l’immediato utilizzo di mezzi e strutture per aiutare gli allevatori locali, vittime dell’ondata di gelo che ha colpito il centro Italia.
Un appello non solo per quelle donne e quegli uomini rimasti sul territorio ma per il loro patrimonio ultimo, rappresentato dai loro animali. Acqua e fieno sono gelati, le stalle non sono ricostruite e gli animali sotto la neve, nella tormenta soffrono e muoiono.
La ditta vincitrice dell’appalto che aveva preso l’impegno di ricostruire i ripari, le stalle, è in ritardo su ben 27 strutture.
La vita di quegli animali lasciati sotto la neve e’ legata indissolubilmente a quelle persone che hanno sempre inteso il rapporto con loro ben oltre il profitto o l’interesse economico. Per questo la rabbia e’ più forte.
Per questo Pirozzi, dopo aver bussato a tutte le porte, di nuovo, arriva a dire: “Ho suggerito anche alla Regione, dato che chi ha vinto la gara non ce la fa, di dare l’incarico anche ai secondi in graduatoria, ai terzi, insomma faccia come crede ma faccia presto. E questo discorso valga per tutti i settori: si snellisca l’iter burocratico per ogni cosa, si faccia presto, perché un ritardo in tempi normali può essere tollerato dalla popolazione. Un ritardo in tempo di emergenza sta causando la sofferenza degli uomini e degli animali. Questo popolo ha dimostrato, in questi quattro mesi, grande dignità e coraggio. Ha dimostrato di saper reagire ad avversità pesantissime. Lo dico per la terza volta: si faccia presto, si faccia prestissimo, si tenti di recuperare questo ritardo che sta costando tanto alle popolazioni colpite, non si può morire pure di burocrazia”.

Sorgente: SI FACCIA PRESTO, QUEGLI UOMINI, I LORO ANIMALI, NON POSSONO PIÙ ASPETTARE – ALGANEWS

Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

adv