Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Sepolti vivi, gli errori che meritano risposte | Il Mattino

Risultati immagini per Sepolti vivi, gli errori che meritano risposteilmattino.it – Sepolti vivi, gli errori che meritano risposte – di Gigi Di Fiore

Il bisogno di verità, di sapere cosa non ha funzionato nel soccorso preventivo all’hotel Rigopiano è esigenza più forte del richiamo al silenzio nel giorno del lutto. È vero che, sulle sciagure, non bisogna speculare, né alimentare polemiche politiche. Ma è altrettanto vero che, dalle testimonianze su quel pomeriggio, stanno emergendo preoccupanti falle nel sistema dei soccorsi che chiedono chiarezza.

C’è un testimone che racconta di aver chiamato, mercoledì pomeriggio, il servizio di ambulanze, i carabinieri, i vigili del fuoco, la Prefettura, ricevendo risposte evasive.

Lassù dovevano arrivare spazzaneve, doveva arrivare qualcuno in grado di sgombrare la strada per far scendere a valle tutti i clienti bloccati che non aspettavano altro che andarsene. Gli spazzaneve erano stati promessi per le tre del pomeriggio, poi il loro arrivo era slittato alle sette. Ma era ormai inutile, la tragedia era già compiuta.

La coppia sepolta viva in ferie senza bimba

C’è da chiedersi, come funziona il coordinamento tra sistema di pubblica sicurezza e Protezione civile: un cittadino che chiama allarmato un numero delle forze dell’ordine può essere sicuro che esiste poi un coordinamento successivo con la rete delle emergenze o dovrà richiamare a catena altri numeri, altri uffici, altre strutture sperando di ottenere risposta?

La fine dell’incubo: Gianfilippo, Ludovica Edoardo e Samuele salvati dalle macerie

Sono domande legittime, che superano le polemiche politiche, le accuse contro il governo lanciate da parte delle opposizioni al governo. Sono domande che si pongono i familiari delle vittime, che sentivano i loro cari disperati perché impauriti sia dalle scosse di terremoto sia dalla sensazione di sentirsi isolati dal mondo, senza che arrivassero risposte ai loro Sos.

La beffa dei coniugi nell’hotel per caso

Cosa non ha funzionato, ci si chiede. Se il nostro sistema di Protezione civile è tra i migliori del mondo, se i soccorritori a sciagure avvenute si distinguono sempre per spirito di sacrificio ed abnegazione, cosa non va, prima, nei coordinamenti e nella redistribuzione dei mezzi e degli uomini che devono muoversi evitando che l’inevitabile possa accadere?

Questo ci si chiede, senza lanciare strali alla cieca, ma chiedendo al governo e ai responsabili della Protezione civile di ricostruire con precisione il succedersi di quelle ore.

L’ultimo messaggio: ​«Siamo in trappola»

Dov’erano gli spazzaneve necessari? Chi doveva intervenire a sgomberare quella strada? Chi doveva rispondere alle richieste partite dall’albergo e dai familiari di chi si trovava lassù? Sono domande che vanno oltre la furia della natura, che ha visto scatenarsi, insieme, la neve, il freddo, le scosse di terremoto. C’è un tempo per tutto e quello del lutto e del dolore ha sempre la precedenza su ogni altra considerazione.

Ma poi arriverà il tempo delle valutazioni a freddo, del ragionamento su ciò che è stato e su ciò che si poteva evitare. E soprattutto delle risposte che devono dare chi aveva le responsabilità e il potere di intervenire quel pomeriggio a soccorrere chi si trovava al Rigopiano.

Continua a leggere sul Mattino Digital

Sorgente: Sepolti vivi, gli errori che meritano risposte | Il Mattino

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.