Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Saviano: “Ambulanti e pizzo: la loro ribellione è segno di speranza, ma Napoli non è cambiata” – napoli.repubblica.it

napoli.repubblica.it Saviano: “Ambulanti e pizzo: la loro ribellione è segno di speranza, ma Napoli non è cambiata”. Lo scrittore: “Gli arresti non fermano la camorra, ci sono sempre nuovi affiliati”  – DARIO DEL PORTO

NAPOLI. “Questa città non è cambiata. Illudersi di risolvere problemi strutturali urlando al turismo o alle feste di piazza è da ingenui. Nella migliore delle ipotesi. Nella peggiore diventa connivenza”. Si torna a sparare, nelle strade raccontate nella “Paranza dei bambini” e la voce di Roberto Saviano appare, ancora una volta, carica di affilata amarezza. Lo scrittore è severo con il sindaco Luigi de Magistris, “in carica da sei anni, ma parla come se si fosse appena insediato”, bacchetta la sinistra radical napoletana “che ragiona da ultrà: se critichi stai tifando contro”, riserva una stilettata all’ex ministro degli Interni Angelino Alfano che ha inviato l’esercito “per ragioni di facciata politica”. E avverte: “Chi invita a distogliere lo sguardo da questa realtà mi fa paura quasi quanto le paranze che sparano”.

Finirà mai questo incubo, Saviano?
“Arrestato un affiliato ce n’è sempre un altro pronto a prendere il suo posto. L’affiliazione è un meccanismo sistemico, economico. Non c’è niente a Napoli che faccia pensare alle vittime come a un incidente di percorso. Tutt’altro. Questa sparatoria, come le altre, è parte del disagio che va oltre Napoli, attraversa tutto il Mezzogiorno e l’Europa del Sud, di cui si tende a parlare poco e male”.

Eppure la città sembra in ripresa anche grazie ai turisti. Questa sparatoria non rischia di offuscarne il volto migliore?
“La città è sempre stata meta di turisti, tanto più ora che il terrorismo ha precluso Medio Oriente, Sharm e la Francia come luoghi turistici portando i visitatori a prediligere l’Italia come meta. Nessuno mette in dubbio che Napoli sia meravigliosa. Nessuno nega che le associazioni siano in prima linea, nessuno nasconde il lavoro straordinario dei maestri di strada, del Gridas, dei teatri della Sanità o dei preti di frontiera.

Ma quelli ci sono sempre stati e se aumenta l’impegno è un bene prezioso. Quello che è sbagliato è scappare in un immaginario falso di una città rinata, di risorse rinnovate che invece sono inesistenti”.

Si spieghi meglio.
“A un certo punto si preferisce invitare le persone a parlare solo delle cose belle. Che ci sono sempre state anche nei periodi più bui. Ma chiederci di non guardare le ferite, per puntare gli occhi al cielo, è omertà”.

Ce l’ha con il sindaco de Magistris?
“È la sintesi dei deliri che sento arrivare da alcuni ambienti della città. Questa isteria sul turismo come panacea di tutti i mali mi ricorda vecchi discorsi del centrodestra, che pensava di risolvere così il disagio di una metropoli come Napoli. Ora anche la sinistra napoletana più radical si lascia andare a discorsi neoborbonici ed è pronta a confluire nel partito personale di de Magistris.

E il sindaco, che ha messo in cantiere una candidatura nazionale appena ha sentito parlare di proporzionale, si lascia andare a questo ritorno al passato. Parla come se fosse all’opposizione, invece è al potere. Le bellezze della città sono merito suo, il potere criminale, disoccupazione, controllo del territorio sono demeriti dello Stato. Se non è populismo questo…”.

Non è troppo severo con l’ex pm, Saviano?
“Potrà sembrare retorico, ma in questo momento chi invita a distogliere lo sguardo dalla realtà direi quasi che mi fa paura quanto chi scende in strada per una “stesa””.

A Forcella c’è l’esercito. Il sindaco ha chiesto rinforzi per la sicurezza e maggiore impegno del governo.
“I militari erano stati inviati solo perché il ministro dell’Interno dell’epoca, Angelino Alfano, potesse dire di averlo fatto. È stata un’operazione di facciata politica. Ma il controllo dovrebbe partire dalla polizia municipale, che dipende dal sindaco. Gli ambulanti abusivi a chi dovevano dare conto, alla camorra o alla polizia municipale? Alla camorra, naturalmente”.

Gli ambulanti immigrati si sono opposti al racket.
“Hanno rischiato la vita per arrivare in Italia. Si oppongono perché non possono permettere che venga tolta loro quel po’ di speranza che si sono conquistati. È accaduto a Castel Volturno, a Rosarno. Sono dinamiche che si inseriscono in un contesto di illegalità: immigrati irregolari, lavoro nero o merce contraffatta. Oggi ne discutiamo solo perché è stata ferita una bambina”.

Ma come si conciliano queste estorsioni da pochi euro con i grandi affari della camorra?
“Non è solo questione di denaro, ma di controllo del territorio. Con la paranza siamo dentro a un meccanismo di nuove generazioni che racimolano danaro ovunque possono. Non hanno fatto ancora il grande salto imprenditoriale perché non hanno progetti a lungo termine, vogliono tutto e subito. Questo li rende ancora più violenti”.

..

Napoli, spari in centro storico fotovideo  feriti una bimba di 10 anni e 3 immigrati

LE IMMAGINI “Due anni guardando il cielo”
la dedica di Sara a papà Pino
“Je so’ pazzo” live a Webnotte
Sorgente: Saviano: “Ambulanti e pizzo: la loro ribellione è segno di speranza, ma Napoli non è cambiata” – Repubblica.it
Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

.