Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

.

NICOLAI, un pentito di sinistra? Di sinistra? Ma dai?!?- Gianni Sartori

Butto giù come viene.

Le osservazioni dell’Assessore Umberto Nicolai sul suo aver ”da giovane” partecipato a qualche manifestazione vicentina per i “trasporti gratis” (di questo si trattava sostanzialmente: libri e mense -non mensa – erano roba da Università di Padova) non andrebbero nemmeno prese in considerazione. Ma visto che hanno suscitato la legittima e corretta presa di posizione di un sindacato di base (CUB) è forse il caso di aggiungere qualche precisazione.

La partecipazione di Nicolai ai movimenti di lotta studenteschi che, giustamente, chiedevano “trasporti gratis per i figli di operai” (i figli dei borghesi o andavano in “macchina” o comunque potevano pagarseli) è stata del tutto occasionale e saltuaria, roba di qualche mese o forse di qualche settimana. Il tempo di mettersi in mostra, concedere un’ intervista al Giornale di Vicenza spacciandosi per militante di Potere Operaio (nel 1970 faceva ancora figo). Ricordo come un mio amico di allora, Alberto Galeotto,  leggendola scuotesse il capo, interdetto, pensando a “che figura ci fa fare questo qui”. Ricordo anche che Nicolai non era assolutamente tra i 12 (come gli apostoli)

studenti che vennero processati nel dicembre del 1973 per fatti avvenuti due anni prima (ancora una settimana e il “reato” sarebbe andato in prescrizione). Quel dicembre 1971 un folto corteo di studenti che manifestava per i “trasporti gratis per i figli degli operai” (con il senno di poi, volendo anche una battaglia ecologista ante litteram) venne bloccato all’inizio della salita che portava alla Prefettura (contrà Gazzolle). Una ventina di noi partì di corsa caricando (per una volta i ruoli si invertivano) i cordoni della polizia che reagì duramente, a manganellate. Ci ritrovammo in cima alla strada, di fronte alla chiesa dei Servi, ma il resto del corteo era rimasto (saggiamente? Opportunisticamente?) giù in fondo. Ricordo che qualcuno ci salutava timidamente con la manina…forse per la serie “vorrei ma non posso”. Naturalmente in quanto militanti eravamo tutti ben conosciuti e presto arrivò la denuncia per manifestazione non autorizzata e altre aggravanti. Quasi tutti erano di Potere Operaio, un paio anarchici e uno del PCI (ma in realtà doveva essere lì per sbaglio, mi pare dovesse scrivere un articolo per L’Unità e comunque non si presentò al processo). C’erano, oltre al sottoscritto: Alberto Galeotto, Tiziano Zanella, Patrizia Moneta, Maurizio Merlo, Mario Piccinini, Stefano Crestanello, Roberto Lauricella…e altri di cui intravedo il volto, ma non ricordo il nome.

Diseredati, non potevamo nemmeno permetterci un avvocato e solo la generosità del compianto Ferdinando Landi, radicale, ci consentì una difesa in tribunale (del tutto gratuita, ca va sans dire).

Ritengo che questo sia stato l’episodio culminante delle lotte per i trasporti nel vicentino (e forse anche il canto del cigno) e non ricordo proprio la presenza di Nicolai.

Quindi in realtà non è un pentito (come sosteneva la sindacalista Turetta), non può esserlo perché non ha praticamente nulla di cui pentirsi.

Evidentemente intuì già allora l’opportunità di tenersi alla larga da cortei e manifestazioni e dedicarsi ad altro, costruirsi una carriera. Ora tenta di nobilitarla inventando un passato militante. Quasi un gioco delle parti con il suo compagno di classe alla Magistrali, l’attuale sindaco Variati che, a suo dire -di Nicolai – era il classico “bravo ragazzo studioso”, mentre lui avrebbe “rappresentato la contestazione” (vedi su “Testa, cuore, occhi – 150 anni di storia del Fogazzaro”). Se Variati è sempre stato, coerentemente, un democristiano, di Nicolai non saprei – e non mi interessa – dare una definizione.

Prosegua per la sua strada, ma ci risparmi questi amarcord su quanto fosse di sinistra da giovane, un espediente  per rafforzare indirettamente le sue attuali posizioni e scelte politiche che qualsiasi cosa siano non sono certo di sinistra.

Tanto per la cronaca (per la Storia sarebbe un altro discorso).

Gianni Sartori

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

adwersing