Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

.

Migranti, il Ministro della Difesa Pinotti: “Lotta agli scafisti in acque libiche” – Rai News

Il ministro della Difesa spiega che la missione europea deve passare alla fase B. E invoca un aumento dei fondi comunitari per la Cooperazione affinchè i singoli Paesi impediscano la partenza degli immigratiTweet Frontex: arrivi record di migranti in Italia nel 2016 Migranti , piano Viminale: Cie da 100 posti. Minniti prepara una visita in Libia M5s: no ai Cie in ogni regione. Via i migranti irregolari Migranti: rivolta nel centro di Cona, ancora polemiche. Viminale trasferisce 100 ospiti in Emilia Migranti, Minniti a Tunisi: rafforzare cooperazione su lotta a terrorismo e controlli alle frontiere Migranti. Viminale: intensificare rintraccio e rimpatrio irregolari Venezia, le condizioni dei migranti nel Centro di prima accoglienza di Cona A fuoco il “Gran Ghetto” dei migranti a Foggia

08 gennaio 2017E’ tempo di cambiare e di imprimere una trasformazione alla missione europea che opera nelle acque di fronte alla Libia. Lo ha detto il ministro della Difesa, Roberta Pinotti, nel corso dell’intervista con Maria Latella su Sky: “Avere molte navi nel Mediterraneo può essere incentivo per gli scafisti che lucrano su dolore delle persone finanziando poi con gli ingenti guadagni anche il terrorismo”, per questo, “in accordo con la Libia – ha spiegato – dobbiamo sostenere la guardia costiera e la marina libica affinchè effettuino controlli nelle acque libiche”. “Non una barriera italiana – ha specificato il ministro – ma la fase 2 della missione europea, che prevedeva che dopo una fase di addestramento, la guardia costiera e della marina libica subentrassero”. “La lotta agli scafisti non riusciamo a farla nelle acque internazionali. Dobbiamo farla nelle acque libiche”, ha detto Pinotti.”L’Italia ha messo una parte di fondi per stipulare accordi con vari paesi affinchè non facciano partire i migranti, ma andrebbero incrementati i fondi europei – ha detto ancora Pinotti – il problema dell’immigrazione non è solo dell’Italia, ma di tutta l’Europa – Fortunatamente uno dei punti del ‘Migration compact’ e’ stato accolto: l’ipotesi di cooperazione con i Paesi africani affinche’ investano nei loro Paesi e non facciano più partire le loro popolazioni avrà investimenti europei”. “Questi investimenti europei già sono significativi, ma noi vorremmo vederli aumentare ulteriormente”, ha aggiunto.Il ministro poi facendo riferimento ai Cie ha detto che il governo sta lavorando ad un piano che permetta l’utilizzo dell’esercito per controllarli. Su questa ipotesi “non solo siamo d’accordo – ha detto – ma stiamo dando il massimo di disponibilità per intervenire con le forze armate. Sono attualmente già impegnati settemila militari nell’operazione ‘Strade sicure’, e potrebbero essere impiegati anche per controllare laddove una presenza significativa di migranti potrebbe essere problematica per l’ordine pubblico”.Ferri: espulsioni lampo già possibiliSulla possibilità di effettuare espulsioni di migranti che si macchiano di reati, anche se condannati solo in primo grado – come auspicato nei giorni scorsi anche dal Capo della Polizia Gabrielli – è intervenuto il sottosegretario alla giustizia Cosimo Maria Ferri. In una intervista a Qn ha detto che questo è già possibile: “La legge attuale prevede già la possibilità di espellere il cittadino extracomunitario condannato anche solo in primo grado per una serie di reati gravi che prevedono l’arresto in flagranza” – spiega – ma per rendere più efficace il sistema di espulsioni “occorre intensificare i rapporti bilaterali con gli Stati di provenienza, garantendo più collaborazione e riduzione dei tempi”.”Oggi – continua Ferri – senza modificare la normativa attuale si vuole prevedere la possibilità di espellere lo straniero richiedente asilo che ha avuto il diniego sia della commissione territoriale sia del tribunale di primo grado. Così solo dopo questi due dinieghi si potrebbe prevedere la possibilità di espellere immediatamente lo straniero senza attendere i successivi gradi di giudizio che ovviamente potranno essere esperiti dallo stesso”. Per quanto riguarda l’effiacia delle norme, “la strada indicata dalla Commissione europea del progetto ‘Migration Compact’ può essere risolutiva – sostiene il sottosegretario – ma deve diventare efficace e quindi l’Europa deve pretendere i rimpatri da Sudan, Eritrea, Niger, Gambia e Mali, che chiedono collaborazione anche economica. Come è stato fatto nell’accordo tra Ue e Turchia, bloccando così la rotta balcanica”.Per gestire l’emergenza immigrazione, secondo Ferri “il tema dell’identificazione è la criticità da risolvere”. Come nel caso di Amri, ricorda il sottosegretario, “l’identificazione dalla Tunisia, se pur richiesta tempestivamente, è arrivata in ritardo all’Italia”. Mentre sul fronte dei Cie “va intanto premesso che ci si entra a seguito di un provvedimento del Prefetto, eseguito dal Questore, e convalidato dal Giudice di Pace. I soggetti all’interno possono liberamente comunicare e hanno tempi di permanenza ben determinat

Sorgente: Migranti, il Ministro della Difesa Pinotti: “Lotta agli scafisti in acque libiche” – Rai News

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

adv