Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Legge elettorale – Conto alla rovescia per la sentenza-thrilling della Consulta | l’Unità TV

L’ipotesi più probabile è una sentenza autoapplicativa

La sentenza sull’Italicum potrebbe riservare molte sorprese. La prima è che dal ricorso sulla legittimità costituzionale della legge elettorale con il  doppio turno potrebbe uscire un sistema subito applicabile o meglio una sentenza cosíprecisa e delineata da poter essere fruita con piccole modifiche parlamentari. Oppure, nel senso opposto, essere completamente annullata, come si augurano i falchi, promotori dei ricorsi anti Italicum.

Gli scenari sono tutti aperti e il clima che si respira nella vigilia sulla Consulta è elettrico: tutti gli occhi sono puntati sui giudici che tra stasera e mercoledì mattina si pronunceranno sulla legge elettorale votata con tre letture successive e approvata in via definitiva dalla Camera il 4 maggio del 2015.

”Certo è che questa Consulta è ben diversa da quella che si è pronunciata sul Porcellum, nel 2014, ed ha, per così dire, una cultura giuridica più favorevole al maggioritario”: ragiona così più di un parlamentare. Ed ecco perché l’ipotesi che prende quota a poche ore dal verdetto è quella di una limatura “soft” dell’Italicum.

Secondo questo scenario l’impianto della legge rimarrebbe in piedi seppure con qualche aggiustamento: sul ballottaggio che potrebbe essere eliminato ma anche ancorato a una soglia minima di voti, sui capilista bloccati che potrebbero essere eliminati per garantire il principio già sancito dalla precedente sentenza sul Porcellum dell’esercizio pieno dei cittadini nel diritto di voto e anche sull’opzione capolista che si candida e vince in più collegi, che sarebbe da superare.

Quella che uscirebbe dalla Consulta potrebbe essere, così, una sentenza dalla forza autoapplicativa. Con alcune linee guida fornite al Parlamento per consentire di legiferare in tempi brevi e su questioni circoscritte, come la doppia preferenza di genere.

Resterebbe il problema della dualità della legge elettorale nelle due Camere perché, qualora restasse un sistema di impianto maggioritario nell’Italicum rivisto dalla Consulta, al Senato si andrebbe a votare con il proporzionale. Anche qui c’è chi dice che non sarebbe un problema, richiamando ancora una volta i principi sanciti nella sentenza sulla legge Calderoli: sistemi anche diversi, purché non schizofrenici.

Sulla questione Italicum grava poi un altro interrogativo che nei giorni scorsi ha fatto circolare l’ipotesi di una non decisione della Consulta: i rilievi avanzati  dai 5 tribunali (Trieste, Torino, Messina, Genova e Perugia)  sui 9 punti dell’Italicum sono ammissibili anche se la legge non è ancora mai entrata in vigore? Ovvero: si configura una sorta di controllo preventivo di costituzionalità, dal momento che l’Italicum, a differenza del Porcellum, è ancora una norma inespressa e dunque non ha leso alcun diritto? Qui sono in molti a dire che la Consulta entrerà nel merito perché la materia elettorale è troppo rilevante per lasciare vuoti di tutela. E forse non è un male che la lezione del Porcellum produca una sorta di controllo preventivo.

Un fatto è certo: la sentenza è molto attesa da partiti e forze politiche che subito dopo l’esito del referendum costituzionale hanno invocato un ritorno alle urne il più presto possibile. Lo ha fatto il  Pd, e in particolare la parte vicina al segretario Matteo Renzi, così come la Lega Nord e il Movimento 5 Stelle, mentre dalle parti di FI a parlare è Silvio Berlusconi che mette in guardia dalle “distorsioni in senso maggioritario” che sarebbero “inaccettabili”. Il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni,intervistato da Fabio Fazio a “Che tempo che fa”, si augura una legge elettorale che sia frutto di un dialogo “che consenta di avere leggi elettorali per Camera e Senato non troppo disarmoniche”.

Dopo la sentenza della Consulta, in ogni caso, si entrerà nel vivo del confronto sulla riforma elettorale. Un dibattito che animerà la scena politica delle prossime settimane.

Sorgente: Legge elettorale – Conto alla rovescia per la sentenza-thrilling della Consulta | l’Unità TV

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

.