Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

il manifesto del 25.01.2017 e i primi articoli online

Tragedia infinità in Abruzzo. Un elicottero del soccorso alpino cade a Campo Felice dopo il salvataggio di uno sciatore: 6 morti. Dalle macerie del Rigopiano recuperati altri 7 corpi. Le vittime salgono a 17. Ancora 12 i dispersi. Sisma, neve e disservizi: tutti contro l’Enel

Internazionale

Giustizia non è fatta: un anno di depistaggi

Eleonora Martini

A un anno esatto dal suo rapimento, nel giorno dell’anniversario di piazza Tahrir, un video mostra Giulio Regeni mentre svolgeva il proprio lavoro. Girato dalla polizia. Dall’incidente stradale alla banda criminale, le piste false e le bugie fino ai riflettori puntati di recente su Abdallah

Il regime è fallito, Tahrir è in stand by

Tamer Wageeh

La debolezza contro-rivoluzionaria gareggia con quella di opposizione. Il popolo è furioso ma inattivo. La rivolta non è dietro l’angolo, ma il cambiamento è inevitabile

Giulio Regeni, ricercatori nel mirino

Francesco Strazzari

La «vicenda Regeni» è un punto di giuntura fra la repressione violenta delle libertà di ricerca ed espressione nei paesi del vicinato europeo (inclusi i paesi ai cui leader riserviamo il tappeto rosso) e forme di disciplina e costrizione molto più sottili e diffuse a cui, proprio nel nome della pericolosità della ricerca condotta là, viene sottoposta la ricerca qua, in quella che ambisce ad essere una «società della conoscenza»

Giulio Regeni, vogliamo la «verità di scomodo»

Riccardo Noury

C’è poi la verità che da 365 giorni in tantissimi, e non solo in Italia e in Egitto, chiedono: la «verità di scomodo». Quella che contenga i nomi di chi ha ordinato la tortura e l’uccisione di Giulio, di chi ne è stato materialmente esecutore, di chi ha coperto, di chi ha depistato. Fino a quando quella verità non verrà fuori, i rapporti tra Egitto e Italia dovrebbero restare «anormali»

Fame e repressione: il modello al-Sisi

Chiara Cruciati

Al-Sisi ha plasmato un paese disfunzionale e contraddittorio. Le debolezze della vecchia dittatura si ampliano: disuguaglianze socio-economiche, repressione delle opposizioni, alleanze forzate, diktat esterni

Balla il ballottaggio

Andrea Fabozzi

Una lunga udienza costringe la Corte costituzionale a interrompere la camera di consiglio. Arriverà oggi la sentenza sull’Italicum. Il secondo turno appare condannato, ma il relatore apre uno spiraglio per le pluri candidature bloccate. Verso una incostituzionalità parziale che rinvia al parlamento

Il sud arranca nel paese della mobilità insostenibile

Luca Fazio

Legambiente ha presentato a Palermo il rapporto Pendolaria 2016: “Nelle città e nel mezzogiorno serve una svolta, mancano progetti e risorse. Ora si punti a farli diventare una priorità e un grande investimento per il futuro del paese”

Tornano a viaggiare diciotto vecchie ferrovie turistiche

Luca Fazio

La Camera ieri ha approvato all’unanimità una proposta di legge per il riutilizzo di alcune piccole tratte ferroviarie dismesse. Per il Movimento 5 Stelle però si tratta di un buon provvedimento che rischia di rimanere sulla carta poiché non ci sarebbe la copertura finanziaria

Europarlamento, primo passo per l’ok al Ceta

Gabriele Annicchiarico

Il trattato di libero scambio Ue-Canda, ottenuto il via libera della commissione Commercio internazionale, dovrà essere approvato a Strasburgo in seduta plenaria a metà febbraio. Si dividono i socialisti, contrari Verdi e L’Altra europa: «A rischio sovranità popolare»

Commenti

One Belt One Road, la via cinese alla globalizzazione

Simone Pieranni

La «nuova via della seta» che unisce i vecchi percorsi carovanieri insieme alla «via della seta marittima» è un progetto e non un trattato: toccherà almeno 60 paesi che producono un terzo del Pil mondiale (la maggioranza dei paesi coinvolti sono «in via di sviluppo» e hanno molto bisogno degli investimenti e delle merci cinesi) e coinvolgerà 4 miliardi di persone

Internazionale

Colonizzazione israeliana senza più freni

Michele Giorgio

Dopo i 566 nuovi alloggi annunciati dalle autorità israeliane nelle colonie a Gerusalemme Est, ieri il premier Netanyahu ha dato luce verde a 2.500 case negli insediamenti ebraici in Cisgiordania. L’Anp protesta ma è impotente

Tregua e meeting Onu, il «successo» di Astana

Chiara Cruciati

Tra accuse e reciproca delegittimazione, si chiude il negoziato kazako. Nel documento finale Russia, Turchia e Iran individuano meccanismi per monitorare il cessate il fuoco e rimandano le parti a Ginevra

Cultura

I perimetri armati della segregazione

Miguel Mellino

«Freedom is a Constant Struggle» della teorica e attivista statunitense. Il nuovo saggio è una attenta panoramica sul «complesso militare-penitenziario» nato per contenere una popolazione carceraria in aumento e che ha come modello la gestione segregazionista contro i palestinesi

Mosè, dall’aurora al crepuscolo

Arianna Di Genova

Con il restauro di pulitura condotto da Antonio Forcellino, torna anche la luce naturale «ritrovata» da Mario Nanni. Un progetto realizzato dalla Soprintendenza del Colosseo e da Lottomatica

Da Manto ai Gonzaga

Marina Montesano

“Storia di Mantova. Da Manto a capitale della cultura” di Guido Vigna, per Marsilio editore

Per «La La Land» 14 nomination. Candidato «Fuocoammare»

Giulia D’Agnolo Vallan

Nella corsa agli Oscar del prossimo 26 febbraio, record per il film di Chazelle che esce domani nelle sale italiane. Il doc di Rosi dovrà vedersela con «I Am Not Your Negro» di Raoul Peck e «OJ» di Ezra Edelman.

Polanski rinuncia a presiedere i César

Giovanna Branca

Il regista ha cominicato la sua decisione tramite l’avvocato, dopo le proteste di alcuni gruppi femministi francesi che hanno sbandierato l’accusa del ’77 di presunta violenza sessuale negli Usa

Brunori Sas, il cantautore della generazione precaria

Graziella Balestrieri

Racconti di paure e rinascite in «A casa tutto bene», il nuovo lavoro dell’artista calabrese. «Negli atenei parlo delle mie storie con persone che vivono quelle situazioni quotidianamente»

Max Casacci e Ninja tra canti gregoriani e pulsazioni tecno

Cecilia Ermini

Sotto la sigla Demonology Hi-Fi, il fondatore e il batterista dei Subsonica pubblicano «Inner Vox». «La pulsazione, il ritmo della musica che suscita un coinvolgimento fisico. Questo è sempre stato importante, essenziale nei live, qui trova un maggiore spazio anche perché è l’elemento di partenza»

Cinecittà, il privato ha fallito ora torni il pubblico

Vincenzo Vita

Gli «Studios», privatizzati nel 1997, verranno presto «ripubblicizzati». Nella speranza che l’operazione non rimanga un mero espediente finanziario, ma sia l’occasione per la ricostruzione di una moderna politica pubblica

Sorgente: il manifesto del 25.01.2017 – il manifesto

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *