Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

il manifesto del 18.01.2017 e i primi articoli online

«Omicidio preterintenzionale». Sette anni dopo s’intravede la verità per la morte di Stefano Cucchi. Sott’accusa della procura i tre carabinieri che arrestarono il giovane romano. I rappresentanti dello Stato ritenuti «colpevoli delle lesioni che ne causarono il decesso»

Commenti

Sette anni per accertare l’elementare verità

Luigi Manconi, Valentina Calderone

Un tempo infinitamente lungo, intessuto di menzogne e depistaggi per impedire che si guardasse laddove era elementare guardare: al primo impatto tra Cucchi e gli uomini dello Stato, nel momento in cui veniva privato della libertà

Italia

Le misure di prevenzione non si trasformino in strumenti di controllo del dissenso

Associazione nazionale giuristi democratici

L’appello dei giuristi democratici. A febbraio la Corte d’appello di Roma sarà chiamata a decidere sui ricorsi presentati da due esponenti dei movimenti di lotta per il diritto all’abitare, Paolo Di Vetta e Luca Fagiano, colpiti da decreti che dispongono nei loro confronti la misura della sorveglianza speciale: provvedimenti fortemente limitativi della libertà personale con sacrificio dei diritti di riunione ed espressione e manifestazione del pensiero e di movimento

L’Italia condanna l’Operación Cóndor e assolve “il torturatore” Troccoli

Claudio Tognonato

Assolto Jorge Nestor Troccoli, ora cittadino italiano, ma in passato membro dei servizi segreti dell’Uruguay, Paese che non ha ottenuto la sua estradizione. Il militare, sopranominato “il torturatore”, è stato tra i primi a riconoscere l’uso della tortura negli interrogatori, ha ammesso di averla praticato sui prigionieri, ma ha precisato di non aver mai ucciso un detenuto. Troccoli, l’unico residente in Italia rimane libero. Mentre i condannati lo sono tutti in contumacia.

Milano, arrestato un presunto torturatore che agiva in un campo profughi in Libia

Luca Fazio

La procura di Milano, dopo mesi di indagini e grazie alle testimonianze di decine di migranti che soggiornano all’hub di via Sammartini, ha emesso un’ordinanza per omicidio e tortura a carico di un ragazzo somalo di 22 anni accusato di essere un aguzzino che organizzava viaggi dalla Libia all’Italia. Il procuratore capo Francesco Greco rivolge un messaggio al governo Gentiloni: “In un momento in cui fa trattati per la gestione dei flussi migratori, l’Italia deve chiedere il rispetto dei diritti umani”

Politica

Scotto: «No a Renzi, ma non siamo la bad company di Grillo»

Daniela Preziosi

Lo scontro sui ’maggiordomi’, il capogruppo di Si: «Fassina ritiri l’autosospensione, rispettiamoci tutti. Il centrosinistra non è una parolaccia ma non è all’ordine del giorno Eppure dobbiamo offrire a un popolo uno sbocco diverso dalla marginalità»

Italia

8 marzo, sciopero internazionale delle donne: appello ai sindacati

Roberto Ciccarelli

Non Una Di Meno: “Chiediamo a tutti i sindacati confederali, di base e autonomi, in particolare a tutti quelli che hanno aderito alle giornate del 26 e del 27 Novembre di mettersi al servizio della mobilitazione delle donne e di indire lo sciopero generale per la giornata dell’8 Marzo 2017”

Lavoro

Duecento esuberi a Sky e trecento trasferimenti da Roma a Milano

Roberto Ciccarelli

Nella Capitale una perdita secca di 500 posti di lavoro nell’industria dei media e Tv. Sky è il principale gruppo televisivo italiano perché detiene la quota maggiore dei ricavi pari al 15,1% del Sic (Sistema integrato delle comunicazioni). Per l’amministratore delegato Zappia la ristrutturazione è dovuta all’arrivo in Italia di attori con strutture produttive più agile come Netflix e Amazon. Slc-Cgil: “La chiusura sostanziale della sede in via Salaria è una scelta sciagurata, dettata esclusivamente dalla volontà di aumentare i profitti, a tutto discapito delle persone che lavorano”. Stampa Romana: “Intervengano Raggi e Zingaretti”

Politica

Manovra, ultimatum da Bruxelles

Andrea Colombo

Arriva la lettera che chiede, entro il primo febbario, «un pacchetto dettagliato di impegni e un calendario chiaro per una loro adozione legale rapida». Oggi incontro Gentiloni-Merkel

Europa

Tajani, l’europresidente preferito dalla destra

Anna Maria Merlo

Il candidato del Ppe vince, ma solo dopo 4 turni, contro un altro italiano, Gianni Pittella dell’S&D. L’estrema destra arbitro del voto. Dopo gli anni di Schulz, Strasburgo rischia di tornare all’insignificanza del passato. Le critiche al successore di Schulz

FOTOREPORTAGE

Vite intrappolate nel gelo di Belgrado (fotoreportage)

Miodrag Ćakić

Da settimane ormai, oltre mille migranti, bloccati nella capitale serba per effetto della chiusura della frontiera ungherese, sono costretti a vivere in condizioni estreme, con temperature che raggiungono di notte i 20 gradi sotto zero. Le autorità e l’Unhcr da ieri stanno tentando di trasferirli nelle ex caserme della ex Jugoslavia. Ma per molti di loro la paura di essere registrati e rispediti indietro è troppo alta

Demirtas e Yuksekdag, due secoli in prigione

Chiara Cruciati

Le richieste del procuratore di Diyarbakir: 142 anni per il co-presidente dell’Hdp, 83 per la co-presidente. Le accuse vanno da gestione di organizzazione terroristica a incitamento alla violenza. Tutte basate su discorsi pubblici

Catturato il killer del Reina

Redazione esteri

Abdulkarim Masharipov, uzbeko di 33 anni, è stato arrestato ieri a Istanbul, apparentemente non si era mosso dalla città. Il primo gennaio aveva ucciso 39 persone in un club

Il buio di Gaza non è finito

Michele Giorgio

In arrivo i fondi del Qatar per pagare l’acquisto del gasolio per la centrale elettrica. Ma il problema della mancanza di energia non è risolto e la popolazione protesta con forza anche contro il governo di Hamas. A Mosca annunciato accordo per la riconciliazione nazionale palestinese. Ieri due uccisi in Cisgiordania

FORUM DI DAVOS

Xi Jinping fa il liberal a Davos e spiega l’idea cinese di globalizzazione

Simone Pieranni

Storico discorso del presidente cinese. Per la Cina si tratta della chiusura di un ciclo e dell’inizio di una nuova epoca. Sono distanti i tempi nei quali Pechino esercitava un ruolo secondario sullo scenario internazionale. Una postura che venne scelta da Deng Xiaoping, che decise di concentrarsi specialmente sulle questioni interne; un atteggiamento che poi è stato mantenuto da tutti i leader cinesi – da Jiang Zemin a Hu Jintao – fino a Xi Jinping. Per la Cina, oggi, inizia una nuova fase, quella durante la quale la propria “nuova normalità” può diventare un punto di riferimento per tutto il mondo

La riproduzione della nostra vita e la lotta contro il capitale

Marina Montanelli e Tania Rispoli

Un’intervista con la teorica femminista che parteciperà con un contributo video all’incontro sul comunismo. Da oggi prende il via a Roma la jam session internazionale (Esc Atelier, Via dei Volsci 159, ore 17). La critica dell’economia politica non può prescindere da una prospettiva femminista

L’autostrada delle narrazioni incomplete

Giulia Menzietti

La rassegna «Verso il Mediterraneo. Sezioni del paesaggio da Salerno a Reggio Calabria», a Palazzo Poli, Roma, a cura di Emilia Giorgi e Antonio Ottomanelli

Brera, il colore dei dipinti resiste

Redazione cultura

I quadri che hanno subito danni a causa dello sbalzo di umidità nella Pinacoteca sono sotto tutela. Ma la moda fa capolino nelle sale malconce

La musica che annulla ogni gerarchia

Flavio Massarutto

Massimo De Mattia è tra i pochi flautisti puri in ambito jazz. Impegnato in diversi progetti multidisciplinari, ha fondato di recente una curiosa comunità artistica

E ora dietrofront: le ultime follie dei club cinesi

Nicola Sellitti

Dopo aver ingaggiato, pagandoli cinque volte più del valore di mercato, stelle come Tevez, Witsel, Oscar, la Chinese Football association si è resa conto di aver alimentato un movimento incontrollabile con riflessi sul resto del pianeta calcio

Rubriche

L’Unità, il nervo scoperto del Pd

Vincenzo Vita

Nelle prossime ore parrebbe annunciarsi un incontro tra il partito (Renzi?) e l’altra parte della proprietà, ovvero il gruppo di Pessina. Il timing è spietato

L’Ultima

Melting pot a Torpignattara

Davide Angelilli

Il quartiere capitolino ha festeggiato i 90 anni ricordando i suoi partigiani trucidati alle Fosse Ardeatine. E oggi si chiede: periferia a rischio esplosione sociale o modello di integrazione?

Sorgente: il manifesto del 18.01.2017 – il manifesto

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *