Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

.

I DIRITTI PRIMA DEL PAREGGIO DI BILANCIO 

Da anni, almeno dall’approvazione della L.328/2000, alcune forze politiche, non molte per la verità, e tante associazioni contestano il fatto che l’erogazione di servizi e prestazioni, nell’ambito delle risposte ai bisogni delle persone, sia stata subordinata al limite delle risorse disponibili.

Come a dire che in base alle valutazioni sulle condizioni e in applicazione delle leggi di tutela esisterebbe un diritto a ricevere aiuti, ma questi saranno attivati solo fino all’esaurimento delle risorse iscritte nei rispettivi bilanci di Comuni e di Regioni; risorse, sappiamo, preventivate sulla spesa storica e/o sui tetti definiti dalle leggi finanziarie, spesso in decrescita.

Si è quindi parlato di diritto inesigibile.

Ovvero un ossimoro: il diritto è o non è, non esiste fino a quando o entro il limite, altrimenti diventa un terno al lotto.

Così è stato purtroppo per tanti e troppi anni in campi molto sensibili, quali il diritto alle cure senza limiti di durata per le persone non autosufficienti e per i disabili gravissimi: le liste di attesa negli inserimenti residenziali o nelle cure domiciliari sono l’esempio più doloroso della inesigibilità del diritto, visto che pur a seguito di valutazioni cliniche e sociali queste persone possono continuare a curarsi e ad essere assistite solo se economicamente in grado di sostenere le spese o se seguite dalle famiglie.

Il pareggio di bilancio in Costituzione ha completato l’opera: un obbligo per la P.A. e un alibi con cui giustificare l’insufficienza dei servizi erogati.

La sentenza della Corte Costituzionale, redatta su un contenzioso specifico quale il trasporto disabili, introduce giudizi generali e definisce la priorità della soddisfazione dei bisogni primari rispetto agli equilibri di bilancio. Per questo è importante e dovrebbe essere praticata in ogni contesto di negazione dei diritti delle persone, in specie quelle fragili, per ottenere invece la tutela dei singoli e il rispetto delle leggi.

Eleonora

Ordine del Giorno presentato:

doc02274920170104152826-1

Sorgente: I DIRITTI PRIMA DEL PAREGGIO DI BILANCIO – Eleonora Artesio

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

adv