Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Giornata della memoria, Mattarella” Non cancellare le colpe” – Rai News

“La memoria di Auschwitz, e di tutto quello che Auschwitz rappresenta e contiene, ci pone ogni volta di fronte al lato più oscuro dell’uomo, all’abisso del male, all’offuscamento delle coscienze e alla perdita totale del sentimento più elementare di pietà e umanità”Tweet Giorno della Memoria: Mario, Noemi e Marco, tre pietre in ricordo della famiglia Segre Giorno della Memoria e il suo futuro, il direttore di Pagine Ebraiche: “Siamo ad un punto di svolta”

27 gennaio, Giorno della Memoria A Ferrara nel nascente Meis: un Museo per custodire la memoria dell’ebraismo italiano e della Shoah Il viaggio della memoria ad Auschwitz-Birkenau Giorno della Memoria, Furio Colombo: “Molto grande la responsabilità dell’Italia nella Shoah” Giorno della Memoria, le pietre d’inciampo dell’artista Gunther Demnig Giorno della Memoria, Ruben Della Rocca: “Dopo il rastrellamento, ebrei romani venduti ai nazisti” Giorno della Memoria, Ruth Dureghello: “Dobbiamo passare il testimone alle nuove generazioni”27 gennaio 2017Nella Giornata della Memoria, che ricorda e celebra la liberazione di Auschwitz, il più grande campo di sterminio costruito dai nazisti nel quale furono uccise milione di persone, e tra questi soprattutto ebrei, “rammentare e onorare, come è bene fare, i tanti giusti, le azioni eroiche non cancella tuttavia le colpe di chi, anche in Italia, si fece complice dei carnefici per paura, fanatismo o interesse”. Il monito giunge dal presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, nel corso delle celebrazioni al Quirinale.”La memoria di Auschwitz e tutto quello che Auschwitz rappresenta e contiene – ha proseguito il capo dello Stato – ci pone ogni volta di fronte al lato più oscuro dell’uomo, all’abisso del male, all’offuscamento delle coscienze e alla perdita totale del sentimento più elementare di pietà e di umanità”.Nostro dovere prevenire”Intellettuali, filosofi, storici, artisti hanno dibattuto a lungo sulla reale impossibilità di descrivere pienamente, il sistema Auschwitz: “il silenzio di Dio”, evocato da Wiesel, “l’esilio della parola” di cui parla André Neher, non possono costituire però un ostacolo al nostro diritto-dovere di conoscere, indagare, studiare, riflettere. E prevenire. Nulla deve fermare la nostra volontà di ricordare, anche se ci provoca tuttora orrore e dolore”.Attenzione a odio che ha consenso popolare “Ancora oggi dobbiamo chiederci: com’è possibile che, sotto forme diverse- che vanno dal negazionismo, alla xenofobia, all’antisionismo, a razzismi vecchi e nuovi, al suprematismo, al nazionalismo esasperato, al fanatismo religioso- com’è possibile che ancora oggi si sparga e si propaghi il germe dell’intolleranza? La Giornata della memoria, allora ci impone soltanto di ricordare, doverosamente, le tante vittime innocenti di una stagione lugubre e nefasta. Ma impegna a contrastare, oggi, ogni seme e ogni accenno di derive che ne provochino l’oblio o addirittura ne facciano temere la ripetizione”., ha detto il presidente della Repubblica, ricordando che alla costruzione di Auschwitz non si arrivò per caso”. “Esso- sottolinea- fu il frutto perverso, ma del tutto coerente, di teorie razziste e del l’antisemitismo”.Questi fenomeni, osserva il Capo dello Stato- erano già tristemente presenti nella storia d’Europa: ma mai, prima dell’avvento di Hitler al potere, avevano assunto dimensioni così vaste e drammatiche. Mai sulla base dell’odio per gli ebrei era stato costruito un sistema ideologico, pseudo- scientifico, politico, giuridico, propagandistico e, infine, repressivo. Mai teorie così nefande erano state sorrette da un consenso popolare pressoché maggioritario e dalla compiacenza di intellettuali, con rare ed eroiche eccezioni”. Mattarella cita Hannah Arendt: “Il suddito ideale del regime totalitario non è il nazista convinto o il comunista convinto ma colui per il quale la distinzione tra realtà e finzione, tra vero e falso non esiste più”. Per il presidente della Repubblica “è una lezione terribile che richiama oggi e sempre le nostre coscienze”. Mattarella aggiunge che “Auschwitz oggi è diventato un monumento contro l’orrore nazista. Ma è, e deve essere, anche la testimonianza, presente e consapevole, di quali sciagure sia capace di compiere l’uomo quando abbandona la strada delle convivenza e della solidarietà e imbocca la strada dell’odio”.

Sorgente: Giornata della memoria, Mattarella” Non cancellare le colpe” – Rai News

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

.