Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Europa – Giornata thrilling a Strasburgo: tra Pittella e Tajani sfida all’ultimo voto | l’Unità TV

Si vota domani per eleggere il presidente del Parlamento europeo. I due candidati italiani a caccia dei voti degli altri gruppi, in vista della votazione decisiva delle 20

“Surprise in the European Parliament: an electoral campaign” titolava qualche giorno fa Politico.eu. In effetti, l’elezione del prossimo presidente dell’Assemblea di Strasburgo, dopo la fine del

mandato di Martin Schulz, è un inedito da quelle parti. Per la prima volta, si tratta infatti di una competizione vera, dopo la rottura dell’intesa tra Socialisti e Popolari.

Sono proprio i due gruppi principali a contendersi la poltrona con i loro candidati, entrambi italiani: Gianni Pittella per il gruppo dei S&D e Antonio Tajani per il Ppe.  In campo ci sono anche Eleonora Forenza per il gruppo della Sinistra unitaria europea, Jean Lambert per i Verdi, Laurentiu Rebega per il gruppo di destra Europa delle nazioni e delle libertà, Helga Stevens del gruppo Conservatore e riformista e Guy Verhofstadt per i liberali dell’Alde.

Gli europarlamentari inizieranno a votare domattina alle 9, ma l’appuntamento decisivo è fissato solo per le 20. Le prime tre votazioni, infatti sono destinate ad andare a vuoto (è necessaria la maggioranza assoluta dei voti per vincere). Solo la quarta sarà quella decisiva, quando a scontrarsi rimarranno solo i due candidati più votati: sulla carta, Tajani e Pittella.

A poche ore dall’inizio del voto, la situazione è ancora molto fluida. Le previsioni dei giorni scorsi non hanno trovato infatti ulteriori sviluppi. Non sono state strette alleanze solide, anche se Pittella spera di veder convogliare su di sé i voti della Sinistra e dei Verdi, mentre Tajani dovrebbe poter contare sui Conservatori e riformisti. Quest’ultimo avrebbe così una decina di voti di vantaggio, troppo pochi per sentirsi già la vittoria in tasca.

20170113PHT58013_originalSono troppe infatti le incognite rimaste aperte. Da una parte, c’è la fluidità delle scelte anche all’interno degli stessi gruppi, con singoli europarlamentari e partiti nazionali che spesso sono indotti a votare in difformità rispetto alle famiglie europee di appartenenza, per interesse di bandiera o semplicemente per convinzioni difformi. Ma soprattutto, sono ancora troppi i voti ‘liberi’, di quei gruppi che non hanno scelto su chi convergere al ‘ballottaggio’ decisivo: la destra lepeniana dell’Europa delle nazioni e delle libertà (cui appartiene la Lega Nord) e le due compagini travolte dalla vicenda che ha visto protagonisti nei giorni scorsi i Cinquestelle, ossia gli euroscettici guidati da Nigel Farage (che hanno riaccolto i grillini, facendo pagare loro un pesantissimo prezzo) e i liberaldemocratici dell’Alde (con Verhofstadt che sperava di fare da terzo incomodo nella sfida a due, ma è finito schiacciato dalla trattativa con Grillo, con suo grande disappunto).

Matteo Salvini ha detto oggi che la Lega non voterà per nessuno dei due favoriti, ma non è detto che anche Marine Le Pen e gli altri alleati del gruppo faranno la stessa scelta. Nell’Alde è scattato una sorta di ‘liberi-tutti’ dopo il forte scontro che ha portato alla bocciatura della candidatura di adesione da parte del M5S, già contrattata dal leader Verhofstadt: difficile dire se riusciranno a esprimere una posizione comune e quale questa possa essere (Pittella potrebbe però godere di un lieve vantaggio). Farage non ha scoperto le proprie carte, ma probabilmente si terrà fuori dalla contesa.

Le trattative decisive scatteranno solo domani. Tra i corridoi del palazzo di Strasburgo i contatti andranno avanti per tutto il giorno ed entreranno probabilmente in gioco anche le poltrone delle vicepresidenze, ben 14, per le quali si voterà dopo l’elezione del presidente.

Sorgente: Europa – Giornata thrilling a Strasburgo: tra Pittella e Tajani sfida all’ultimo voto | l’Unità TV

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

.