Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Bimbi, coppie, famiglie: vite interrotte prima della fuga – avvenire.it

avvenire.it – L’hotel distrutto . Bimbi, coppie, famiglie: vite interrotte prima della fuga. Le storie di chi si trovava all’interno della struttura ai piedi del Gran Sasso travolta dalla valanga.  – Nicoletta Martinelli

«In cerca di un miraclo»: è l’unico post di ieri sul profilo Facebook di Stefano Feniello, una delle persone intrappolate sotto la neve che ha sepolto l’Hotel Rigopiano, a Farindola, tra le montagne del Gran Sasso. Lo ha lasciato Andrea, frequentatore assiduo della bacheca, che solo martedì – il 17 – al suo amico Stefano faceva gli auguri per il compleanno.

Feniello, 28 anni, nato a Oliveto Citra, nel Salernitano, vive a Pescara, dove ha incontrato la fidanzata Francesca Bronzi, venticinquenne, pescarese. Insieme erano in vacanza al Rigopiano, e proprio per festeggiare il compleanno di lui, in quell’albergo raffinato ed elegante, dotato di ogni comfort,l’ideale per una coppia in cerca di tranquillità. Fidanzati anche Marco Tenda, 25 anni, pilota della Ryanair, residente a Roma ma nato a Macerata, e Jessica Tinari, sua coetanea, di Lanciano.

Marco Tenda e Jessica Tinari. (Facebook)

Sono compagni nella vita e anche nel lavoro Luciano Caporale, 54 anni, e la moglie Silvana Angelucci, 46, conosciuti e apprezzati parrucchieri di Castel Frentano, in provincia di Chieti. «Gliel’ho detto e ripetuto, a Luciano. Partiamo oggi (martedì ndr). Ma lui ha preferito rimandare. Tanto che può succedere? Mi ha risposto».

Luciano Caporale e la moglie Silvana Angelucci. (Facebook)

Luca Marzucca era anche lui all’Hotel Rigopiano ma se ne è andato in tempo: «La mattina, le strade erano bloccate dalla neve – racconta – e non ci hanno permesso di partire. Poi due mezzi spalaneve hanno ripristinato la viabilità. Luciano e io ci siamo aiutati a vicenda a liberare le auto ma quando nel primo pomeriggio ci hanno dato il via libera per la partenza, lui ha desistito. Ho cercato di convincerlo, anche perché era previsto un peggioramento delle condizioni atmosferiche ma lui e la moglie sono rimasti».

Anche l’ascolano Marco Vagnarelli e la sua compagna Paola Tommasini, originaria di Montalto Marche, avrebbero dovuto essere già partiti quando la valanga si è abbattuta sull’albergo, trascinandosi appresso alberi sradicati e detriti. Lui dipendente dell’Ariston e lei della società Autogrill, vivevano tra Castignano e Pedaso, in base alle esigenze lavorative.

L’ultimo ad avere contatti con Vagnarelli è stato il fratello Fulvio: grazie a whatsapp, ha saputo che la coppia si sarebbe fermata anche per pranzo, in attesa che le strade fossero più praticabili. L’ultimo messaggio risale alle 16.30, inviato da Marco al nipote: impossibile ripartire e necessario restare in hotel dove, però, il telefono non prende. Poi più nulla.

Marco Vagnarelli e Paola Tommasini. (Facebook)

Ilario Lacchetta, sindaco di Farindola, ha anche quattro bambini nella lista dei dispersi. Uno è il figlio di sette anni del 41enne Domenico Di Michelangelo, un agente di polizia in servizio presso il commissariato di Osimo, e di Marina Serraiocco, 37 anni, che in città porta avanti un’attività commerciale.

Anche Ludovica, 6 anni, e suo fratello Gianfilippo – che ha solo un anno di più – sono ancora sepolti sotto la neve insieme alla mamma. Giampiero Parete, il papà, è uno dei due superstiti, insieme con Fabio Salzetta: si trovava all’esterno della struttura alberghiera al momento della valanga. Parete è arrivato all’ospedale di Pescara sonnolento e in ipotermia ma ora è fuori pericolo e sta bene. Per quanto possa stare bene – s’intende – un uomo con la famiglia intrappolata sotto metri di neve.

Giampiero Parete e la moglie. (Facebook)

Salzetta, 24 anni, è uno dei manutentori dell’hotel: è stato travolto ma per sua fortuna si trovava all’interno del locale caldaia, un vano in cemento armato che lo ha protetto del tutto. Si è liberato immediatamente e ha provato a cercare aiuto e anche a prestarne ma da sotto la neve non arrivava nessuna voce. Come lui, ma non altrettanto fortunati essendo ancora tra i dispersi, sono dipendenti dell’albergo anche Ilaria di Biase, 22 anni, che lavora in cucina come cuoca, e il portiere di notte, Alessandro Riccetti. Anche Roberto Del Rosso era sicuramente in albergo, dato che vive praticamente lì. È l’amministratore delegato del Rigopiano, fino a sei, sette anni fa era in società con i fratelli poi si è preso tutto e ha ristrutturato: la piscina, la spa, il centro benessere.

Ancora non è noto il nome del quarto bambino né di chi sia figlio mentre si sa che Giampaolo Matrone, 33 anni, di professione pasticciere, e Valentina Cicioni, infermiera trentaduenne – entrambi di Roma – la loro piccola l’hanno lasciata a casa, per godersi una fuga romantica dopo il superlavoro delle festività. L’ultima foto Valentina l’ha postata su Facebook martedì alle 22.21 e sotto all’immagine di un enorme cumulo di neve fuori dalla finestra ha scritto: «Nevica poco».

Sorgente: Bimbi, coppie, famiglie: vite interrotte prima della fuga

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *