Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

.

Università, tre anni e poi un test La laurea triennale senza tesi  – corriere.it

corriere.it – Università, tre anni e poi un test La laurea triennale senza tesi. Da Bologna alla Bocconi, passando per Ca’ Foscari, gli atenei che semplificano  «Quello scritto finale è una ricerca da 150 ore»  – di Gianna Fregonara

A Bologna hanno scelto la soluzione più radicale: via la «prova finale» per la laurea triennale, quella che un tempo era la tesi.

Nel corso di Economia, mercati e istituzioni si fa invece un esame finale uguale per tutti e così si diventa dottori.

Vantaggi: velocità, risparmio di tempo e di risorse sia per gli studenti che per l’università, fine di tesine striminzite e sempre più scopiazzate.

Un’unica cerimonia di proclamazione una volta l’anno corona la prima tappa del percorso universitario in attesa di quella che ormai è considerata l’unica vera laurea, quella specialistica. Svantaggi: niente solennità a fine studi (per chi non continua con la laurea specialistica) e ufficiale ammissione che i primi tre anni di università non sono una laurea vera e propria.

foto -«Così com’è non va bene, va ripensata», «No, così si toglie valore al titolo»: studenti a confronto
La protesta

Sono effetti a distanza della riforma del 3+2, la semplificazione del percorso universitario per omologare il sistema italiano a quello degli altri Paesi europei e per cercare di far crescere un po’ più in fretta il numero dei laureati in un Paese, il nostro, che comunque non raggiungerà il traguardo europeo del 2020: il 40 per cento dei laureati tra le giovani generazioni. Gli studenti del corso del professor Stefano Toso a Bologna non l’hanno presa bene.

Contestano il mancato coinvolgimento e il fatto di perdere un’occasione per esprimere la loro creatività nella tesi.

«Sono quindici anni ormai, dai tempi della riforma del 3+2, che non si parla più della tesi, ma di prova finale ed è un sistema più trasparente — spiega il prorettore alla didattica dell’Alma Mater Enrico Sangiorgi —. Ogni corso sceglie la modalità migliore per svolgerla: elaborato, discussione, esame. Di solito questa prova vale da 3 a sei crediti, cioè da 75 a 150 ore di lavoro, non è paragonabile alla vecchia tesi».

In nome della semplificazione

La semplificazione negli ultimi anni è già stata adottata in diversi corsi nelle Università italiane da Milano a Palermo passando per Ca’ Foscari, per il Dams di Bologna, la facoltà di Studi internazionali di Forlì, e anche la Bocconi: tra proteste (degli studenti e dei genitori) e messe a punto, gli esperimenti funzionano.

«Vedo con favore la semplificazione — spiega Cristina Messa, rettore di Milano Bicocca — purché sia concordata e condivisa anche con gli studenti. È giusto che ogni corso decida tenendo conto delle sue specificità, c’è una commissione mista per farlo.

L’elaborato previsto alla fine della laurea triennale è di solito compilativo, una ricerca più che una tesi, e dunque può non valere la pena di discuterlo, comunque non viene pubblicato, serve invece per valutare lo studente: può essere utile nei corsi dove la maggior parte degli studenti prosegue poi gli studi con la laurea specialistica, o nei corsi brevi a Medicina che sono anche abilitanti e nelle materie scientifiche.

Ma negli altri casi credo che si possa semplificare: gli studenti hanno già molti modi di dimostrare la propria creatività durante i corsi e le lezioni. È giusto rendere più semplice il percorso dove è possibile».

Panebianco : I futuri convertiti ai Cinque Stelle

Dieci anni fa il massacro di Olindo e Rosa i vicini che sconvolsero l’Italia

 

Sorgente: Corriere della Sera

Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

adv