Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

.

Siria, attivisti: «Isis è rientrato a Palmira»

Un nuovo colpo di coda di Isis in Siria, che rischia di essere importante anche dal punto di vista simbolico oltre che militare. Secondo gli attivisti siriani i miliziani di Al Baghdadi sarebbero riusciti a rientrare a Palmira, nella provincia di Homs. L’Osservatorio siriano per i diritti umani spiega che i jihadisti stanno avanzando nelle vicinanze dell’ospedale della città nella periferia nord-occidentale, dopo aver preso il controllo del quartiere di Al Ameriya, nel nord.

shadow carousel
Dal Mali all’Afghanistan, le opere distrutte dai jihadisti

La controffensiva dei miliziani dello Stato islamico è iniziata venerdì mattina e riguarda sia Palmira sia altri punti strategici della regione. Giovedì l’Osservatorio nazionale per i diritti umani in Siria (Ondus)aveva riferito che 26 soldati siriani erano stati uccisi nei combattimenti e che le forze governative sono state costrette a ritirarsi dall’area di Shaer, una cinquantina di chilometri a nord di Palmira, dove è situato un importante giacimento petrolifero più volte passato di mano negli ultimi anni.La città sede del sito archeologico patrimonio dell’umanità, già devastata e danneggiato dai miliziani, rischia dunque di cadere di nuovo sotto il controllo del gruppo terroristico. Gli uomini del Califfato si erano impadroniti di Palmira nel maggio 2015, intraprendendo poi la sistematica distruzione di templi, tombe e statue, ma ne erano infine stati cacciati lo scorso marzo dalle forze lealiste appoggiate dalla copertura aerea russa.

shadow carousel
Siria, a Palmira fra le case distrutte e i nascondigli dei jihadisti

Nel frattempo, ad Aleppo sono ripresi i raid, nonostante l’annuncio del ministro degli Esteri russo Serghei Lavrov di una tregua per consentire l’esodo dei civili dalla parte orientale ancora in mano a ribelli e qaedisti. L’Onu ha fatto sapere che centinaia di uomini fra i 30 e i 50 anni risultano scomparsi da circa una decina di giorni dopo avere raggiunto le zone controllate dal governo di Damasco.

Sorgente: Corriere della Sera

Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

adv