Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

.

Sigarette e fumo passivo, ecco come si piazza l’Italia in Ue

Roma, 7 dic. (askanews) – Quasi un italiano su quattro subisce il fumo passivo, il 23,2 per cento del totale a fronte di una media europea più vicina a uno su 5: il 21,6 per cento. E questo nonostante il fatto che nella Penisola i fumatori siano una percentuale inferiore alla media: 22,7 per cento, invece del 24 per cento dell’Ue a 28. Queste cifre sono state fornite da Eurostat, l’ente di statistica comunitario con uno studio sul consumo di tabacco. La percentuale di fumatori più elevata, pari al 34,8 per cento si registra in Bulgaria, seguita dalla Grecia con il 32,6 per cento e dall’Austria con un 30 per cento. L’Italia si piazza al 20esimo posto con il suo 22,7 per cento di fumatori (tra regolari e occasionali). Le percentuali di fumatori più basse si registrano invece in Finlandia (19,2%), Gran Bretagna (17,3%) e Svezia, appena un 16,7 per cento di fumatori nel Paese scandinavo. Sul fumo passivo invece la percentuale più elevata di persone che lamentano di subirlo si registra in Grecia, un impressionante 64,2 per cento. Seguono la Croazia, con il 44,7 per cento e la Bulgaria, 40,5 per cento. L’Italia in questo caso è 14esima, con il 23,2 cento. Mentre i fumatori più cortesi, ovvero quelli che fanno subire meno il fumo passivo a tutti gli altri sono quelli di Portogallo, dove solo un 8,6 per cento lamenta di inalare fumo passivo, Finlandia, con il 6,3 per cento e di nuovo la Svezia con il 5,9 per cento. Voz-Int5

Sorgente: Sigarette e fumo passivo, ecco come si piazza l’Italia in Ue

Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

adv