Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

.

Marcello Dell’Utri: “Si avvicina il finale e sono in carcere. Ho sbagliato a non farmi arrestare prima” – huffingtonpost.it

huffingtonpost.it – Marcello Dell’Utri: “Si avvicina il finale e sono in carcere. Ho sbagliato a non farmi arrestare prima”.

Riflessivo, stanco e demoralizzato. È un Marcello Dell’Utri quasi inedito quello che si confessa in una lunga intervista al Corriere della Sera. L’ex braccio destro di Berlusconi, recluso nel carcere romano di Rebibbia dove sta scontando una pena di 7 anni per concorso esterno in associazione mafiosa, passa in rassegna le proprie scelte di vita, e ammette più di un rimpianto.

“Lo status di parlamentare mi ha evitato la carcerazione preventiva e ha allungato i processi, ma avrei fatto meglio a farmi arrestare prima e scontare subito la condanna, quando avevo cinquant’anni; oggi sarei libero, un uomo saggio con un bagaglio di esperienza in più.

Invece mi trovo qui dentro a 75 anni, vedo avvicinarsi il finale di partita e sinceramente mi dispiace passarlo qui anziché con la mia famiglia, i miei nipoti e i miei più cari amici”

 Dell’Utri però contesta le ragioni che hanno portato alla propria detenzione

Continua a sentirsi una vittima, pure da condannato?
«Io non mi sento un condannato detenuto, bensì un prigioniero che ha perso una guerra ancora in corso, e finché non finisce devo stare qui. Solo dopo mi libereranno».

Una guerra contro chi?
«Contro Silvio Berlusconi, e contro di me per interposta persona. Io per adesso studio la storia, ma forse arriverà un giorno in cui la scriverò anch’io. Ho già qualche idea».Continua a sentirsi una vittima, pure da condannato?
«Io non mi sento un condannato detenuto, bensì un prigioniero che ha perso una guerra ancora in corso, e finché non finisce devo stare qui. Solo dopo mi libereranno».

 Dal suo status di detenuto dell’Utri rimpiange anche di non aver fatto abbastanza quando era politico per i detenuti e cita un proverbio a:”ll sazio non crede a chi è digiuno”. E a domanda diretta – “Si rammarica perché da politico non s’è occupato dei problemi dei detenuti?” – la risposta è lapidaria: “Sì, ma del resto la mia esperienza politica è stata un disastro”.

Sorgente: Marcello Dell’Utri: “Si avvicina il finale e sono in carcere. Ho sbagliato a non farmi arrestare prima”

Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

adv