Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

.

“Impotenza totale”: come gli USA hanno lasciato la Turchia alla Russia nella crisi siriana

L’incontro tra i capi delle diplomazie di Turchia, Iran e Russia a Mosca è stata una sorpresa inattesa per la maggior parte dell’establishment della politica estera americana.

Entrando a far parte della nuova “troika” di organizzatori del processo di pace in Siria, Ankara ha mostrato a Washington di orientarsi su Mosca, scrive il Washington Post. L’assassinio dell’ambasciatore russo in Turchia aveva lo scopo di dividere Mosca e Ankara, tuttavia questo crimine ha accelerato il riavvicinamento tra i due Paesi, osserva il giornale. L’incontro di Mosca è avvenuto quando risultava chiaro che il piano del segretario di Stato americano John Kerry sulla normalizzazione della crisi siriana era definitivamente fallito. I membri della nuova “troika” sono giunti insieme alla conclusione che il cambio del regime in Siria non può essere una priorità per il processo di pace. Al centro della normalizzazione, secondo la dichiarazione congiunta di Mosca, Teheran e Ankara, c’è il rispetto della sovranità, dell’integrità territoriale e del pluralismo politico della Siria, così come la lotta contro il terrorismo. Prima di questo evento Ankara cercava di coordinare le sue azioni in Siria con l’amministrazione Obama, si afferma nell’articolo. I rapporti della Turchia con gli Stati Uniti si sono complicati parallelamente al sostegno di Washington alle forze democratiche della Siria, gruppo armato costituito essenzialmente da curdi. Ankara teme la loro avanzata in Siria e la loro conseguente unione con i curdi turchi per formare de-facto uno Stato curdo sul confine turco-siriano. Aleppo è stata liberata e il prossimo passo della Russia è avviare i negoziati per il cessate il fuoco tra le forze governative siriane ed i rappresentanti di singoli gruppi dell’opposizione, osserva il giornale. “I turchi hanno valutato la situazione ed hanno deciso: la Casa Bianca non vuole trattare con la Siria, aspettiamo la prossima amministrazione ed ora vediamo cosa si può fare con i russi. Tutti pensano che l’amministrazione Obama sia assolutamente impotente, ora siamo tagliati fuori dalla risoluzione della crisi siriana”, — conclude Andrew Tabler, analista dell’Istituto di Washington per gli studi mediorientali (Washington Institute for Near East Policy).

Sorgente: “Impotenza totale”: come gli USA hanno lasciato la Turchia alla Russia nella crisi siriana

Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

adv