Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

.

Energia, idrogeno dall’acqua. La scoperta di un team italiano – Repubblica.it

Ottenuto grazie processo elettrochimico “pulito” ed efficiente. Una ricerca che rappresenta un passo in avanti nella produzione sostenibile di idrogeno a partire da fonti rinnovabili

MILANO – Produrre idrogeno dall’acqua grazie a un processo elettrochimico “pulito” ed efficiente: un team italiano ha dimostrato che è possibile. La ricerca – pubblicata sul sito della rivista Nature communications – è il frutto della collaborazione tra le Università di Trieste, Bologna e Padova, il Cnr di Parma, il Consorzio Instm, l’istituto Iccom-Cnr, con il Cic Biomagune di San Sebastian e le Università della Pennsylvania e di Stanford. Il lavoro – che rappresenta un sostanziale passo in avanti nella produzione sostenibile di idrogeno a partire da fonti rinnovabili – si è basato sull’uso di materiali nanostrutturati innovativi.

I professori Maurizio Prato e Paolo Fornasiero dell’Università di Trieste, in collaborazione con il gruppo di Francesco Paolucci, docente dell’Università di Bologna, e della professoressa Marcella Bonchio dell’Università di Padova, hanno coordinato la fase di design e preparazione dei nuovi nanomateriali, eccezionalmente efficaci per la produzione di idrogeno da elettrolisi dell’acqua. Questi materiali – a base di nanotubi di carbonio – sono stati utilizzati per la preparazione di celle elettrolitiche. Il risultato è stato lo sviluppo di nuovi catalizzatori eccezionali per la produzione elettrocatalitica di idrogeno in ambiente acquoso, con efficienze che rappresentano un nuovo stato dell’arte nel settore.

Lo studio contribuisce a rendere più concrete le prospettive di una futura transizione verso un’economia basata sull’idrogeno quale vettore energetico pulito. “A parità di peso, l’idrogeno contiene quasi tre volte il contenuto energetico del gas naturale e la sua combustione porta semplicemente alla produzione di acqua. Sembra impossibile immaginare a prima vista una fonte energetica più pulita. Ma una così semplice molecola nasconde in realtà insidie che finora ne hanno rallentato l’utilizzo in campo energetico”, spiega il professor Prato. L’H2 è un vettore energetico e sulla Terra non ne esistono miniere o riserve come per carbone, petrolio o metano. Ciò significa che esso deve essere in qualche modo prodotto.

“A parte importanti aspetti di stoccaggio, distribuziione e sicurezza dell’idrogeno – sostiene il professore Fornasiero – il maggiore ostacolo risiede proprio nella produzione sostenibile dell’idrogeno. Al momento,

esso viene prodotto quasi esclusivamente attraverso un processo chiamato ‘reazione di reforming’, il quale si basa sulla trasformazione di metano in idrogeno e monossido di carbonio, un processo non sostenibile visto che si basa sull’utilizzo combustibili fossili”.

Sorgente: Energia, idrogeno dall’acqua. La scoperta di un team italiano – Repubblica.it

Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

adv