Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

.

Desokupa, la nuova faccia dell’estrema destra spagnola?

Desokupa. Impresa specializzata in sgomberi di appartamenti occupati con la forza e senza contratto di locazione, metodi legali, in meno di 72h recuperiamo l’appartamento, lavoriamo in tutta la penisola. Efficacia nel 90 percento dei casi.”

Sito web

Ecco come si pubblicizzava poco tempo fa l’impresa Desokupa nel famoso portale milanuncios.com. L’impresa già non ha bisogno di pubblicità visto che non riescono a far fronte a tutte le richieste che ricevono. ” Prima ricevevo 5 telefonate alla settimana. Ora 15 al giorno, Abbiamo tantissimo lavoro”, afferma Daniel Esteve, direttore  dell’impresa più controversa degli ultimi tempi in Spagna. I loro clienti sono proprietari di case e appartamenti occupati, disperati  per la lentezza del sistema giudiziario, che optano per contrattare questo commando di pugili perché  caccino gli indesiderati inquilini. L’elemento nuovo di questa dinamica, e che converte l’impresa in un fenomeno sociale, è che tutto questo è legale. Almeno fino ad oggi.

Fuente El Confidencial
Come funziona Desokupa
Desokupa realizza contratti d’incarico solo con proprietari di immobili occupati illegalmente. Per questa ragione i clienti devono esibire all’impresa i titoli catastali/atti notarili che accreditano la loro condizione e che dimostrino che l’immobile è stato occupato in maniera illegale. Non lavorano su casi di sfratto per mancanza di pagamento delle rate alla banca perché in quel caso l’occupante possiede  il titolo di proprietà dell’immobile.  L’impresa non interviene se nella casa/appartamento  occupato vivono dei minorenni.

“Dove non arriva la legge, arriviamo noi.

Quello che non può fare un poliziotto lo facciamo noi.

Noi siamo la soluzione!”

Daniel Esteve,
socio fondatore e Director di Desokupa

Tutti i membri dell’impresa che mettono in pratica l’azione “pacifica” di sgombero hanno una licenza di guardie/vigilanti di sicurezza privata. A questi operatori la legge spagnola consente funzioni come il controllo di accesso e uscita dall’edificio e la facoltà di assicurare che si compiano le normative condominiali della comunità ( nel caso di un condominio). Per capirsi, è il titolo legale che in Spagna si richiede ai “buttafuori” in discoteca.

Gli integranti di Desokupa, 8 fissi e 50 part time, praticano tutti discipline sportive di autodifesa come pugilato e arti marziali. Il loro fisico è imponente  pero secondo quanto dicono, visto che il comportamento di molti occupa usualmente è violento, se la cosa sfugge di mano, sono loro i primi a chiamare la polizia.

Una volta arrivati alla casa/appartamento occupato bussano alla porta e parlano con gli inquilini illegali. Spiegano che il legittimo proprietario della casa li ha contrattati e che hanno il titolo  legale di guardie di sicurezza privata. Como ripete Deniel Esteve nei canali di televisione spagnola “ noi facciamo una negoziazione pacifica”. Se la negoziazione iniziale  non va a buon fine viene realizzato un controllo di accesso e uscita dall’edificio eseguito da 5 , 10 ,15 persone a seconda dei casi. Una volta che uno degli occupanti illegali sale della casa/appartamento non gli viene più permesso di entrare ed è cosi come riescono a “liberare” gli immobili occupati.

Fonte immagine

Tutto legale?

Fino ad oggi nessuna delle denunce realizzate contro Desokupa ha trovato soddisfazione. L’osservatorio per i Diritti economici, sociali e culturali (DESC)  ha deciso di denunciare “l’impresa di sicurezza”, specializzata in realizzare sgomberi in maniera “legale, efficace, sicura e rapida”. Il Municipio di Barcellona dal canto suo sta studiando la legalità di questa pratica per poter pianificare azioni a futuro  e in un nota dichiara “ Prima di prendere qualsiasi decisione al rispetto è necessario studiare a fondo l’illegalità o meno dell’azione di Desokupa”. Fuente El pais 

Quello che è certo è Desokupa si muova nella zona “grigia” della legge spagnola e per adesso nessuno sembra poter fare niente. Dall’altro lato si trovano i proprietari degli immobili ( spesso imprese e non persone fisiche) che fanno la fila per contrattare Daniel Esteve e i suoi ripulire gli appartamenti occupati dai “bichos”. (insetti in spagnolo, la parola offensiva utilizzata per etichettare gli occupanti illegali)

Pagina Facebook : No a la empresa Desokupa

Video intervista a Daniel EsteveClick qui

Il fenomeno delle occupazioni: il movimento Okupa
Il Movimento Okupa è un movimento sociale che recupera terreni inutilizzati e case /appartamenti temporalmente o permanentemente vuoti con la finalità di utilizzarli come: terre coltivabili, prime case, luoghi di riunione o centri con scopi sociali, politici e culturali etc… Il principale motivo è quello di denunciare e allo stesso tempo rispondere alla questione sociale che impedisce che il diritto alla casa sia considerato più importante del diritto alla proprietà privata.

Il movimento Okupa raggruppa varie ideologie che giustificano le loro azioni come gesto di protesta politica e sociale contro le speculazioni e per difender il diritto alla casa di fronte alla crisi economico/sociale della nostra epoca. Il Movimento difende anche il diritto ad utilizzare immobili e spazi abbandonati per un uso pubblico, ad esempio come centri sociali o culturali. La legislazione relativa alle occupazioni illegali varia da Stato a Stato. Nella maggior parte degli Stati i proprietari legali degli immobili, il cui diritto alla proprietà è stato usurpato, posso denunciare il fatto como delitto ordinario: esistono però Stati le cui legislazioni tollerano l’occupazione sempre e quando compia con alcuni particolari parametri (questo è il caso della Spagna) o dove esistono concessioni temporali da parte dei proprietari dell’immobile in cambio di un affitto (spesso simbolico) pagati dall’occupante.

Fonte Wikipedia

In Spagna

E’ comune nelle grandi città spagnole  incontrare vari Centri Sociali Okupa (CSO). Alla base esiste un’importante organizzazione e le tensioni con i movimenti di estrema destra (fascisti) sono all’ordine del giorno.

Tra i movimenti Okupa più riconosciuti in Spagna troviamo:

• CSO 1924
• CSO El Barrio
• CSO El Cierre
• CSO El Kou
• CSO Eskuela Taller
• CSO La Bota
• CSO La Casika
• CSO La Traba
• CSOA La Fabrika de Sueños
• CSOA La Gatonera
• CSOA La Gotera
• El Antidoto
• El Solar
• EPA El Patio Maravillas
• La Ironia
• Palacio Social Okupado Malaya

Barcelona è considerata la capitale Okupa spagnola dovuto alla grande quantità di centri esistenti e all’estensione del fenomeno.  Viene spesso paragonata ad Amsterdam e Milano , importanti capitali europee del movimento Okupa.
Un altro elemento da considerare: 
la mafia delle occupazioni a Madrid

Cinque gruppi organizzati controllano le “okkupazioni” mafiose di appartamenti nella capitale spagnola, secondo un rapporto dell Federazione Regionale di Associazione di Vicini (FRAVM). Si calcola che ci sono più di 1000 appartamenti occupati da queste bande criminali a Madrid, bande che fanno pagare agli inquilini occupanti dalle 200 alle 300 euro al mese e 2000 o 3000 euro nel caso in cui riescano a “vendere” la proprietà della casa occupata. (Ricattano il proprietario legale perché questi conceda all’inquilino occupante una buona uscita per lasciare l’appartamento).  I quartieri più toccati da questo fenomeno criminale sono Villaverde (400), Villa de Vallecas (160), Puente de Vallecas (100), Carabanchel (100), Usera (50), Centro (50) y Tetuán (40).

Fonte: articolo El Mundo (febbraio 2016)

Per approfondimenti leggere il documento integrale: Orígenes y evolución del Movimiento Okupa enel Estado español

Sorgente: KRYPTONITE|Civis Mundi: CRONACA: Desokupa, la nuova faccia dell’estrema destra spagnola?

Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

adv