Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

.

Corea del Sud, ‘scandalo sciamana’: Parlamento vota impeachment della presidente – Repubblica.it

foto – a presidente sudcoreana Park Geun-Hye (ansa)

repubblica.it – Corea del Sud, ‘scandalo sciamana’: Parlamento vota impeachment della presidente – Park Geun-yeh è stata esautorata: l’opposizione nell’assemblea di Seul ha raccolto i voti necessari.

Ora il potere e le funzioni di governo passano al primo ministro, ma l’ultima parola spetta alla Corte costituzionale   –  dal nostro corrispondente ANGELO AQUARO

PECHINO – Fuori dal Parlamento la folla esplode in un urlo di gioia e dentro alla Blue House quella che sembrava avere i contorni di una farsa assume adesso la forma del dramma: quantomeno del dramma istituzionale.

Alle 16,12 di Seul la presidente che si faceva plagiare dalla sciamana non c’è più, la prima donna mai eletta nei primi vent’anni di questa fragile democrazia è stata spodestata dal suo popolo, accusata di corruzione.

L’impeachment voluto dall’opposizione unita ha raccolto almeno i due terzi dei 300 membri del Parlamento, compresi dunque gli almeno 28 voti necessari arrivati anche dal partito di maggioranza conservatore che aveva riportato Park Geun-yeh al palazzo presidenziale che lei conosceva tanto bene.

Ci aveva abitato da ragazzina servendo persino da triste first lady quando la madre Yuk Young-soo era rimasta uccisa in uno dei tanti tentativi di assassinare Park Chung-hee: il presidente-dittatore, suo padre, l’uomo che aveva trasformato la povera Corea uscita dalla guerra fratricida in una potenza economica mondiale, e che finirà anche lui ammazzato nel 1979.

Una saga di potere e sangue che Seul finalmente approdata alla democrazia sembrava aver lavato proprio eleggendo come una nemesi lei, Guen-yeh. Fino all’epilogo imprevedibile degli ultimi mesi.

Un’inchiesta per mazzette che all’improvviso prende la direzione dei palazzi del potere, gli investigatori che puntano su Choi Soon-sil, la figlia dello sciamano che dopo la morte della madre si era preso “cura”, diciamo così, di Park padre e figlia.

Un’influenza nefasta passata, anche qui, di padre in figlia. Soon-sil aveva continuato in tutti questi anni a seguire Geun-yeh come un’ombra, la donna eletta presidente era diventata sua prigioniera, o addirittura sua complice com’è scritto nell’inchiesta dei magistrati di Seul che finora non hanno avuto il piacere di poter nemmeno interrogare la signora.

Un sistema di potere incredibile che teneva al guinzaglio questa che insieme a Singapore, Hong Kong e Taiwan è appunto chiamata la quarta Tigre d’Asia.

Multinazionali potentissime, lì chiamate chaebol, costrette a pagare fino a 70 milioni di tangenti alla banda di Chooi Soon-sil. Fino allo spettacolo indegno dei giorni scorsi dei manager potentissimi di Samsung, Hyundai e altri big costretti a sfilare davanti ai magistrati.

Corea del Sud, 'scandalo sciamana': Parlamento vota impeachment della presidente

foto – La folla riunita all’esterno del Parlamento durante il voto per l’impeachment

Dopo le incredibili proteste di piazza, non solo i partiti d’opposizione ma la gente comune scesa per le strade a milioni per cinque weekend di seguito, le mamme con le carrozzine a sfidare il gelo d’inverno gridando giustizia per i propri figli, Park aveva accettato di dimettersi comunque in aprile: a quel punto, secondo Costituzione, le elezioni sarebbero state indette comunque entro due mesi, cioè fino a giugno. Forse non sarebbe cambiato molto nei tempi: ma come non rispondere alla voglia di pulizia che sale dalla piazza?

Adesso si ricomincia da zero. L’inchiesta continua, la campagna elettorale anche se non formalmente è già cominciata. A regnare sovrana a Seul non è più la presidente con l’ombra della sciamana: adesso a regnare è soltanto l’incertezza.

La gente festeggia in piazza e lassù al Nord il regime di Kim Jong-un che minaccia il mondo con l’atomica se la ride: la democrazia ha mostrato per il momento la sua forza, vediamo a chi tocca adesso.

Macerie di Amatrice a ditta sotto accusa: “Traffico di rifiuti e amicizie pericolose”

Morto John Glenn

Lo Space Cowboy che restituì fiducia all’America di FEDERICO RAMPINI

Video 20 febbraio 1962: il suo viaggio nello spazio

Sorgente: Corea del Sud, ‘scandalo sciamana’: Parlamento vota impeachment della presidente – Repubblica.it

Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

adv