Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Romano Prodi | Possiamo avere un ruolo decisivo nel futuro dell’Europa e nei rapporti con gli USA

romanoprodi.it – Possiamo avere un ruolo decisivo nel futuro dell’Europa e nei rapporti con gli USA. L’America ha snobbato l’Europa e ora recuperaArticolo di Romano Prodi su Il Messaggero  

Otto anni fa Obama fu eletto Presidente degli Stati Uniti. Nel diffuso compiacimento per questa nuova energia, fu tuttavia osservato che, per la prima volta nella storia americana, arrivava al potere un presidente che non aveva alcun legame con l’Europa. Non per le sue origini, non per i suoi studi e nemmeno per diretti rapporti politici.

Una caratteristica che si è poi riflessa nei suoi primi messaggi di politica estera, nei quali il riferimento dominante era l’Oceano Pacifico e il paese con cui rapportarsi la Cina, mentre il continente nei confronti del quale doveva dimostrare il senso di maggiore responsabilità sociale era l’Africa. La storia, tuttavia, ama procedere in direzioni impreviste: le più grandi sfide e i più gravi problemi  sono arrivati ad Obama dal Medio Oriente e, in dimensione del tutto inattesa, dall’Ucraina.

L’Europa si è quindi trovata di nuovo al centro, o vicino al centro, dei conflitti più pericolosi e il paese con cui gli Stati Uniti si dovevano confrontare non era più la Cina ma la Russia, ritornata militarmente forte e politicamente assertiva dopo la caduta dell’Unione Sovietica.

Un’Europa geograficamente nel mezzo delle più acute tensioni del mondo ma incapace, per le sue divisioni, di elaborare una politica estera comune. Obama, come i suoi predecessori e forse ancora più dei suoi predecessori, ne ha preso atto.

Ha quindi regolarmente snobbato ogni incontro con le Istituzioni europee e ha instaurato di volta in volta rapporti privilegiati con i paesi che più degli altri potevano garantire agli Stati Uniti un sostegno, anche se non ritenuto determinante, al loro ruolo di superpotenza.

Per lungo tempo il paese di riferimento è stata la Gran Bretagna, sia per gli antichi legami e la comune lingua, sia per la notevole efficienza dell’apparato militare britannico. Poi è stato il turno della Germania, in primo luogo per l’accresciuto ruolo tedesco nell’ambito dell’Unione e, successivamente, per il suicidio politico della Gran Bretagna, dovuto alla proclamazione del referendum e al suo successivo esito.

A loro volta tutti i paesi europei, piccoli o grandi, hanno sempre cercato di avere in qualche modo una relazione speciale con gli Stati Uniti. Prima di tutto perché è evidente quanto siano profondi i valori e gli interessi comuni fra Europa e USA e poi perché, attraverso il sostegno americano, ritengono di essere esentati da ogni grande decisione o responsabilità.

Da questa tacita delega ricevuta, agli Stati Uniti deriva il vantaggio di non avere sostanziali problemi di carattere militare o politico con alcun paese europeo.

Di conseguenza l’Europa viene ovviamente ignorata nei rapporti con la Cina, svolge un ruolo del tutto marginale in Ucraina e nel Medio Oriente e, per effetto delle sue divisioni, lascia agli Stati Uniti la responsabilità primaria dei rapporti politici ed economici con la Russia.

Insomma gli Stati Uniti hanno visto con un certo favore che l’Europa nuotasse bene ma che, anche a causa delle sue divisioni, bevesse ogni tanto un poco d’acqua. Sia nel campo politico che, soprattutto, in quello economico.

Fra America ed Europa viviamo quindi da anni in quest’equilibrio “squilibrato” che, alla fine, sembra andare bene a tutti, purché non vi sia in questo lato dell’Atlantico un solo paese così dominante da rompere la pur fragile Unione Europea.

Con le sue ultime critiche all’austerità e con l’apertura all’Italia, il Presidente Obama ha finalmente mostrato di accorgersi che lo squilibrio a favore della Germania può mettere a rischio questo rapporto così lungamente sperimentato. Un rapporto che, se messo in crisi, rischia di indebolire eccessivamente l’Europa che, pur con i suoi limiti, resta un partner indispensabile per la strategia globale degli Stati Uniti.

Ben vengano quindi le aperture verso la crescita e verso l’Italia, anche se giunte nel momento in cui la Presidenza Obama volge al termine e si conosce ben poco della politica che verrà adottata dal suo successore. I rapporti con l’Europa non hanno infatti avuto finora alcuna presenza nella campagna elettorale americana.

Mi auguro solo che il messaggio indirettamente lanciato da Obama in favore di un cambiamento delle politiche europee venga raccolto prima di tutto da noi europei perché, senza un radicale rinnovamento, la nostra Unione procederà inesorabilmente verso una progressiva dissoluzione.

In questa necessità di rinnovamento il contributo italiano, data la fuga britannica e la debolezza francese, può essere decisivo, purché si mettano a fuoco le necessarie strategie e si costruiscano le necessarie alleanze con la dovuta pazienza e con la consapevolezza dei reali rapporti di forza.

 

 

Sorgente: Romano Prodi | Possiamo avere un ruolo decisivo nel futuro dell’Europa e nei rapporti con gli USA

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

.