Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Roberto Saviano racconta i suoi 10 anni sotto scorta. “Sono ancora vivo” – Repubblica.it

repubblica.it – Roberto Saviano racconta i suoi 10 anni sotto scorta. “Sono ancora vivo”. Su Repubblica lo scrittore narra la sua esperienza, da quella telefonata che gli annunciò la protezione al grido diretto ai boss: “Non avete vinto”  di ROBERTO SAVIANO

DIECI anni. Eppure, è come se fosse accaduto stamane. Ci sono cose a cui non ci si abitua. Mai. Una di queste è la scorta. Dieci anni fa ricevetti una telefonata dall’allora maggiore dei carabinieri Ciro La Volla. Non dimenticherò mai le sue parole. Cercava di non spaventarmi, cercava di dare una comunicazione tecnica, ma lui stesso aveva la voce preoccupata: mi avvertiva che sarei stato messo sotto protezione.

Quando vennero a prendermi, chiesi: “Ma per quanto?”. E un maresciallo rispose: “Credo pochi giorni “. Sono passati dieci anni. I motivi mi giunsero come una grandinata di situazioni che non conoscevo. Una detenuta che aveva svelato un piano contro di me, poi le dichiarazioni di Carmine Schiavone, poi informative su informative. Volevo tornare indietro e non scrivere più Gomorra, non scrivere più alcun articolo, rifugiarmi.

Fare una sintesi di questi anni è difficilissimo, le prime parole che mi sento di spendere sono tutte di gratitudine per i carabinieri che mi hanno scortato ogni giorno, così come per gli ufficiali che li hanno coordinati. Ho vissuto con i carabinieri gran parte del tempo.

Ho visto il loro impegno, i sacrifici, le attenzioni, che in questo momento vorrei omaggiare. Sono diventati per me una famiglia, spesso le loro caserme mi hanno accolto.

Il tempo dello sconforto arriva quando ti accorgi che tutto viene percepito come normale. Dopo il mio caso, in Italia è esplosa una quantità di richieste di protezione a giornalisti e attivisti, e tutto è sembrato normale, ordinario, scontato. La verità è che non avevo idea di ciò che mi aspettasse.

Potevo immaginare una vendetta ma non le spire di un Paese talmente immerso in una cultura del ricatto che diventa consustanziale alla strategia dei clan.

Si dà per scontata la libertà d’espressione. In realtà è costantemente minacciata, ancor prima che dalle situazioni di minaccia militare, dall’isolamento, dalla diffamazione: chi è esposto pubblicamente, chi decide di affrontare questi temi sa che non avrà affatto una vita facile.

Saviano racconta  i suoi dieci anni  sotto scorta

Chi descrive le organizzazioni criminali, gli appalti, il riciclaggio sa che diventerà, in qualche modo, bersaglio. Perché non si discuterà solo del merito di ciò che scrive, ma si cercherà di distruggere la sua credibilità.

È come se chi scrive di mafia mettesse in difficoltà il lettore. È come se si innescasse un senso di colpa nel lettore che si chiede: e io dov’ero mentre accadeva questo? Io che faccio? Quasi un sentirsi complici. E quindi è più facile dire: l’hai scritto per interesse, è tutta una messinscena, è tutto esagerato.

O l’altra accusa, la più comune di tutte: ma già si sapeva, già è stato detto, il tuo non è nient’altro che mettere insieme cose note. Ma a questo serve l’analisi: a mettere insieme le cose e dare loro un nuovo significato. È ciò che temono di più le organizzazioni.

Ma questi sono gli effetti collaterali della battaglia. Negli anni non ho dovuto subire solo la difficoltà di una vita sotto scorta, ma anche l’idiozia di chi parla senza conoscere nulla.

La peggiore feccia politica ha sempre criticato la mia protezione come se fosse innanzitutto scelta da me (ribadisco ancora una volta che non ne ho mai fatto richiesta) e senza aver mai letto nessuna informazione al riguardo.

Sembrava che la mia vita dovesse spegnersi da un momento all’altro, nel modo più violento e bizzarro.

E poi ci fu l’avvenimento più pesante di tutti: quando i boss Antonio Iovine e Francesco Bidognetti firmarono quella che l’Antimafia di Napoli ha considerato la minaccia più grave, fatta non solo a me ma ad altri che si erano esposti contro di loro.

Si accordarono sull’utilizzo di un’istanza di rimessione per spostare il processo, che io avrei, secondo i boss e il loro avvocato, condizionato con i miei scritti.

Era il 13 marzo 2008 e si stava celebrando a Napoli il giudizio di appello del processo Spartacus. Bidognetti e Iovine (che al tempo era latitante), tramite il loro avvocato, Michele Santonastaso, tentarono un’ultima carta: la ricusazione del Collegio giudicante per legittima suspicione, come disciplinato dalla legge Cirami.

Un’iniziativa legittima, ma che per le sue modalità suscitò sin da subito scalpore e preoccupazione.

Quell’istanza di diverse decine di pagine venne letta interamente in aula – un fatto senza precedenti sul piano processuale – fino a diventare un vero e proprio proclama, con il quale i capi del clan dei Casalesi, per bocca del loro avvocato di punta, “denunciavano ” i condizionamenti che avrebbero influenzato la serenità di giudizio della Corte d’Assise d’Appello di Napoli e tutti i soggetti artefici degli stessi: scrittori, giornalisti e magistrati che a Napoli avrebbero lavorato in sintonia ai danni degli imputati.

Mi si chiedeva di “fare bene” il mio lavoro, che dal punto di vista della criminalità significa smettere di farlo cercando di spiegare ciò che sta accadendo, raccontare con dovizia di particolari solo i fatti di cronaca evitando accuratamente analisi sistematiche di quanto succede sul territorio e la de- scrizione del contesto economico e politico nel quale i singoli eventi si inseriscono.

Già nell’immediatezza dei fatti la condanna dell’accaduto fu unanime: dall’allora procuratore generale della Repubblica Vincenzo Galgano fino all’ex procuratore nazionale antimafia Pier Luigi Vigna, chi conosceva le dinamiche del processo, e in particolare di quel tipo di processi, subito comprese le reali finalità di quella lettura coram populo.

E fu unanime per un motivo preciso: non si parlava di stampa e magistratura in termini generali, no. Si facevano nomi e cognomi indicando agli affiliati possibili obiettivi.

Io all’epoca vivevo già da due anni sotto scorta e in quell’aula ero presente non da uomo libero, ma da scortato, da protetto da quelli che mi stavano di nuovo minacciando. Ero un topo in gabbia nonostante non avessi commesso alcun reato e quelle parole mettevano un carico da cento.

La lettura dell’istanza di rimessione diede vita a un processo che si è concluso in primo grado nel novembre 2014: i boss sono stati assolti e a essere condannato, a un anno di reclusione per minaccia grave, è stato solo l’avvocato Santonastaso.

Le motivazioni della sentenza sono interessantissime.

L’assoluzione dei boss è conseguenza della difficoltà processuale di dimostrare il loro diretto coinvolgimento nella redazione dell’istanza, ma si stabilisce con nettezza che tra le finalità di Santonastaso vi era principalmente quella di agevolare il sodalizio guidato proprio dai due boss.

Peraltro, successivamente, lo stesso Santonastaso è stato condannato dal Tribunale di Santa Maria Capua Vetere a 11 anni di reclusione per il reato di associazione per delinquere di stampo camorristico, favoreggiamento e falsa testimonianza aggravati, anche in quel caso, dall’aver agito per favorire un’associazione camorristica.

Ecco perché, come è scritto nella sentenza, “la prospettazione ( da parte di Santonastaso, ndr) di un male concretamente realizzabile per la profonda conoscenza del modo di pensare degli affiliati al clan dei Casalesi, in caso di mancato adeguamento del giornalista a un’idea di informazione più blanda e superficiale, costituisce una vera e propria minaccia”. Santonastaso si è sempre difeso sostenendo che avrebbe agito all’insaputa dei suoi assistiti, nonostante in altri processi sia stato indicato come vero e proprio rappresentante all’esterno dei boss reclusi al 41bis.

Ecco di cosa stiamo parlando: avvocati, talvolta rappresentanti delle forze dell’ordine, faccendieri scaltri e arrivisti, che hanno talento e fame di potere. A loro il ruolo di difensori – fondamentali custodi del principio costituzionale di inviolabilità del diritto di difesa – sta stretto. È su queste persone che la camorra fa affidamento, sa che si possono comprare e che per questo potrà utilizzarle per qualunque scopo, anche per far sì che nei casi più delicati sia difficile ricondurre nei processi le responsabilità ai capi: se ci pensate è quello che a volte accade anche ai piani alti dell’economia capitalista.

“A mia insaputa” in Italia è ormai formula di rito. Ripetuta, calcolata, abusata. “A mia insaputa”, così si difendono politici, imprenditori, faccendieri, chiunque non sappia giustificare una condotta sulla quale la magistratura sta indagando. “A mia insaputa” è anche la formula con cui i boss di camorra trovano il capro espiatorio che paghi sulla propria pelle la responsabilità di scelte odiose, con un’attenzione alla “rispettabilità” che solo in apparenza è valore di poco conto anche per un pluriergastolano. “Guappi di cartone” li ho definiti più volte. Codardi. Codardi che da dieci anni mi costringono a campare così.

Eppure, nonostante tutto, quello che oggi mi sentirei di gridare loro in faccia è: non ci siete riusciti! Non siete riusciti a ottenere quello che volevate. Non mi sono fermato, non mi sono piegato, anche se più volte mi sono spezzato.

Ma se c’è una cosa che insegna questa lotta che ho intrapreso con l’arma più fragile e potente che esista, la parola, è che proprio quest’ultima può di volta in volta rimettere insieme ciò che è andato in frantumi.

Esattamente come scrissi dieci anni fa in Gomorra: “Maledetti bastardi, sono ancora vivo!”.

Iraq, via all’offensiva su Mosul foto video mappa

La corsa allo spazio dei cinesi video foto

Sorgente: Roberto Saviano racconta i suoi 10 anni sotto scorta. “Sono ancora vivo” – Repubblica.it

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

.