Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Renzi ai suoi: “Basta divisioni. Sono pronto a cambiare l’Italicum” – Rai News

Direzione nazionale nella sede romana del Pd in un clima teso. Renzi va all’attacco prima della minoranza ricordando che “gli impegni con gli iscritti sono più importanti del mal di pancia di presunti leader” e poi sotterra l’ascia di guerra dicendosi pronto a cambiare l’Italicum immediatamente dopo il referendum sulla CostituzioneTweet Renzi: Giovani in fuga? Colpa della governance istituzionale E’ rottura nel Pd sul Referendum. Bersani verso il ‘No’, Renzi: “La riforma l’ha votata tre volte”di Tiziana Di Giovannandrea10 ottobre 2016Matteo Renzi inizia il suo intervento alla direzione del Pd con un forte richiamo all’unità sottolinendo che si è scelta la strada della democrazia interna, non i caminetti del Pd o presunti tali considerando “Ridicolo chi contesta le minime differenze nelle stime sul Pil”. “In ogni passaggio cruciale” è stata convocata l’assemblea, ha ricordato Renzi, spiegando di aver voluto mantenere la promessa di discutere all’interno del partito in ogni occasione.”Pronto a cambiare l’Italicum”A riprova delle sue intenzioni amichevoli lancia alla direzione del partito la sfida sulla legge elettorale: “Sono pronto a cambiare l’Italicum”. Il premier ha proposto, quindi, una commissione Pd per valutare i cambiamenti della legge elettorale con l’ausilio anche delle altre forze politiche, ma ha detto chiaramente: “Non fermo il Paese per tenere unito il partito”.Possibili modifiche su quattro puntiLa proposta di Renzi, anche per «smontare qualsiasi alibi», è quella di cominciare subito dopo il referendum, in Commissione alla Camera, una discussione nel merito dell’Italicum che preveda quattro possibili punti di cambiamento: sul ballottaggio, sul premio di lista o di coalizione, sul modo di eleggere i deputati, quindi capilista e preferenze, e sul modo di scegliere i mombri del nuovo Senato. Un’apertura, quindi, articolata, per la quale Renzi indica anche la squadra del partito che dovrebbe occuparsene, ma secondo alcuni della minoranza troppo tardiva e debole. Speranza: proposta Renzi non basta. Serve mossa Pd La proposta di Renzi sull’Italicum non convince Roberto Speranza.”Il punto non è accontentare la minoranza, non è capire se recuperiamo spazio sul referendum. Il punto è capire che chi dice che questo meccanismo”, Italicum e riforma costituzionale, “cambia sostanzialmente la forma di governo pone un argomento vero. Se non si risolve questo combinato disposto si è di fronte a un cambio della forma di governo, sul piano sostanziale”, dice l’esponente della minoranza dem. “Si vuole fare un comitato? Si faccia. Ma diciamoci la verità: se vogliamo cambiare l’Italicum dobbiamo mettere in campo noi, qui, una iniziativa con la spinta del governo. La proposta che Renzi ha fatto non è sufficiente, sconta ancora questa debolezza”. Cuperlo: senza accordo sull’Italicum il 4 dicembre voto No e mi dimetto da deputatoCritica anche la replica di Gianni Cuperlo, uno dei leader della minoranza dem, che ha annunciato che senza accordo voterà no al referendum e poi si dimetterà da deputato. “Se un accordo vero sulla legge elettorale non ci dovesse essere, il 4 dicembre non posso votare la riforma che ho votato 3 volte in Parlamento ma Matteo ti dico ‘stai sereno’ perché che se sarà così, un minuto dopo comunicherò le dimissioni alla presidente della Camera”. Renzi sul Def: numeri ancora troppo bassi ma la direzione è giustaMatteo Renzi nel corso della direzione del Partito democratico ha parlato anche del Def. “Lottavamo con la Grecia per non recedere, oggi lottiamo per la Champions. I numeri dell’economia sono ancora troppo bassi per le nostre ambizioni. Ci sono segnali positivi ma anche elementi da prendere seriamente in considerazione. Abbiamo – ha aggiunto – ancora sulle nostre spalle anni di difficoltà: i numeri dei ragazzi che se ne vanno sono un problema perché non hanno una ragione per ritornare. Sembra ridicolo chi fa la polemica tra le stime del governo (1%) e quelle dell’Fmi (0,9%). Grazie allo sforzo di tutti noi la direzione di marcia è quella giusta, la velocità ancora no”.

Sorgente: Renzi ai suoi: “Basta divisioni. Sono pronto a cambiare l’Italicum” – Rai News

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

.