Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Perché gli studenti di Caserta dovrebbero partecipare ad una marcia antiabortista? (aggiornamento)

La faccenda della partecipazione degli studenti casertani alla marcia no-choice, corteo contro la libertà di scelta e l’aborto, tanto per capirci, resta ancora ambigua sebbene le richieste pubbliche di chiarimento
siano state tante. Ad oggi sappiamo che due scuole (Istituto Ferraris e Liceo Scientifico Diaz) hanno revocato la partecipazione e restano altre che ci piacerebbe sapere in virtù di cosa spostano studenti in quella piazza partecipando ad una manifestazione ideologica. E poi non dite, please, che il problema è il Gender. Chi dovrebbe dunque dire ora “giù le mani dai nostri figli“?

Ecco un ulteriore comunicato che viene diffuso assieme all’immagine che vedete sopra. Le puntate precedenti le trovate QUI.

COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO 8/10/2016

I Presidi delle scuole partecipanti alla marcia antiabortista chiariscano la loro posizione.

La vicenda della partecipazione obbligatoria degli alunni di alcuni istituti del casertano, che in queste ore è stata riportata dalle maggiori testate nazionali grazie al nostro tempestivo intervento, sembrerebbe avere origine organizzativa nell’Istituto Ugo Foscolo di Teano. I collegamenti all’Istituto Foscolo sono stati chiariti tramite un comunicato stampa pubblicato da Caserta24ore, il quale riporta dettagliatamente in data 7 ottobre quali sarebbero stati gli istituti ad aderire alla manifestazione antiabortista; comunicato commentato dal preside Paolo Mesolella, che è contemporaneamente direttore della stessa testata online e coordinatore campano del movimento no194. L’articolo in questione pubblicato da Caserta24ore non è più reperibile online per cause a noi ignote, ma è stato prontamente salvato dai nostri volontari. In queste ore la dirigente del Ferraris, che ha revocato la sua adesione, lamenta una cattiva informazione riguardo l’evento, in quanto spacciato come manifestazione per la pace. La stessa cattiva informazione vale anche per il preside Mesolella? Vogliamo comprendere quali sono state le procedure e le motivazioni che hanno spinto dirigenti scolastici a permettere che gli studenti partecipassero durante l’orario scolastico ad una manifestazione pubblicizzata da tempo come antiabortista. Ci sembra assurdo dover assistere a delle violazioni dei principi cardini della laicità di stato senza che vengano presi degli adeguati provvedimenti.

UAAR Caserta
RAIN Associazione LGBT casertana ONLUS
Comitato campano in difesa 194
Cgil Caserta

Sorgente: Perché gli studenti di Caserta dovrebbero partecipare ad una marcia antiabortista? (aggiornamento) – Al di là del Buco

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Adsense
.