Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Il governo fa retromarcia, salta la sanatoria sul contante – La Stampa

lastampa.it – Il governo fa retromarcia, salta la sanatoria sul contanteAncora in alto mare il decreto fiscale, dubbi sulla privatizzazione delle Poste.  – paolo baroni

roma – Dopo essersi fatto rosolare per tre giorni sulla graticola, soprattutto dalla minoranza pd e dai grillini, il governo fa dietrofront sulla sanatoria del contanti. Dalla legge di bilancio, il cui testo peraltro non ha ancora visto la luce, sparisce infatti la flat tax del 35% per chi decideva di dichiarare al Fisco le somme detenute illegalmente in Italia.
E’ la famigerata norma “salva-Corona” come l’ha ribattezza l’ex segretario del Pd Bersani, secondo il quale in questo modo si sarebbe fatto un regalo alla Mafia.

“Scelta sacrosanta. Ma ormai siamo al day by day”, commenta laconico il presidente della commissione Bilancio della Camera Francesco Boccia, che da subito si era schierato contro questa sanatoria annunciando che in Parlamento una misura del genere non sarebbe mai passata.

Il cambio di passo  

A decidere sarebbe stato Renzi in persona, «dopo un lavoro sui testi fatto assieme da Mef e presidenza del Consiglio». E così la versione definitiva del decreto fiscale, a sua volta oggetto di vari rimaneggiamenti, ripristinerà la versione originale della voluntary disclosure che già prevedeva la sanatoria sui contanti, ma assoggettata al normale calcolo progressivo dell’Irpef. Dunque molto più oneroso, al punto che quasi nessuno l’anno passato aveva fatto emergere denaro contante.

Nonostante le precisazioni di Renzi («faremo solo modifiche minimali») la manovra sta cambiando. Eccome. E questo spiega anche il ritardo con cui marcia.

Solamente nel passaggio tra il consiglio dei ministri di sabato scorso e l’invio a Bruxelles del Documento programmatico di bilancio l’importo totale è sceso da 27 a 26,3 miliardi, gli incassi legati alla rottamazione delle cartelle di Equitalia sono invece franati da 4 a 2,6 miliardi e ieri si è appreso anche che la privatizzazione della seconda tranche delle Poste prevista per il 2017 è scomparsa dai radar e che il fondo a sostegno degli esuberi delle banche anziché 100 milioni di euro l’anno ne varrà ben 600 in un quinquennio.

E così, ad una settimana dall’approvazione formale, proprio a causa dei tanti ritocchi e delle tante modifiche, la legge di bilancio non ha ancora visto la luce.

Colpa soprattutto delle tante misure messe e tolte dal decreto fiscale, che è poi lo strumento deputato ad assicurare una parte importante di coperture, per quanto molte di queste siano certamente ballerine.

I pasticci burocratici  

Il governo non solo ha “bucato” la scadenza del 20 ottobre per trasmettere la legge di bilancio alle Camere, ma ha mandato in ritardo a Bruxelles la sua sintesi sotto forma di Documento programmatico di bilancio (Dpb).

In questo caso la scadenza era il 15 ottobre ma l’Italia, con la scusa del fine settimana, ha aspettato lunedì 17 per trasmetterla. L’invio è avvenuto così tardi che sul sito della Commissione il nostro documento è apparso solo il 18 mattina.

E come se non bastasse il 19 l’abbiamo pure corretto perché 5 tabelle erano sbagliate. L’errore più evidente l’ha segnalato ieri via Twitter Riccardo Puglisi, professore associato di economia a Pavia: c’erano infatti ben 42 miliardi di consumi intermedi in più (2,5% del Pil) e 44 miliardi di euro di “pensioni e altro” in meno, un altro 2,6% di Pil. Non certo “bruscolini”.

Manovra, salta il condono sui contanti

Dunque, se era in ritardo di un paio di giorni il Dpb ora, spiegano alcune fonti, è “naturale” che lo sia pure la legge di Bilancio. «In realtà ci troviamo di fronte ad un fatto grave, perché se chiediamo ai cittadini di rispettare tutte le scadenze il governo deve fare altrettanto.

E pensare che con la riforma avevamo accordato al governo cinque giorni in più di tempo per fare le cose per bene», protesta Boccia.

Pare che ora la legge sia incagliata negli uffici del ministro per i Rapporti col Parlamento cui spetta anche curarne la trasmissione al Quirinale.

Per palazzo Chigi non c’è “nessun giallo”, «bisogna solo sistemare gli ultimi tasselli». Data prevista per la pubblicazione? Genericamente «la prossima settimana». Lunedì? No, più probabile martedì.

.

Inchiesta – I rischi del sushi a costo zero. Pesce di frodo e additivi: come difendersi

Maxi attacco hacker negli Usa: colpiti New York Times, eBay, Twitter e Spotify

Sorgente: Il governo fa retromarcia, salta la sanatoria sul contante – La Stampa

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

.