Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

ecco cosa hanno detto a renzi sul referendum i due guru della comunicazione di palazzo chigi – Politica

1. RENZI PENSA DI ESSERE IN “HOUSE OF CARDS” MA I DUE GURU ASSOLDATI DA PALAZZO CHIGI, JIM MESSINA E DIEGO PIACENTINI, GLI HANNO SPIEGATO CHE IN ITALIA E’ IMPOSSIBILE TRACCIARE L’IDENTITÀ DIGITALE DEGLI ELETTORI PER CONDIZIONARE IL VOTO, COME ACCADE NEGLI USA

2. SE VUOLE VINCERE IL REFERENDUM, IL BULLETTO TOSCANO DEVE SBATTERSI PER SU E GIU’ PER IL PAESE COME UNA MADONNA PELLEGRINA, A COSTO SEMBRARE ALLA CANNA DEL GAS3. LA MILITARIZZAZIONE DELLA RAI PER IL “SI” E’ STATO UN BOOMERANG A VANTAGGIO DI LA7 DI CAIRO E CROZZA CHE, A BASSO COSTO, RIESCE A CATALIZZARE CONSENSI VERSO IL “NO”4. COMUNQUE VADA IL VOTO, MATTARELLA IL 6 DICEMBRE RIMANDERA’ RENZI ALLE CAMERE PER UNA VERIFICA PARLAMENTARE: IL QUIRINALE VUOLE EVITARE LE ELEZIONI ANTICIPATE

Luigi Bisignani per “Il Tempo”

RENZI TOCCA LA SCHIENA DELLA BOSCHI

RENZI TOCCA LA SCHIENA DELLA BOSCHI

Per Renzi è un incubo: i voti del popolo del centrodestra e della Rete saranno decisivi per l’esito del referendum. Ma per riuscire a conquistarli il premier ha capito che deve cambiare strategia. Nemmeno mettere in campo a colpi di centinaia di migliaia di euro il guru del Colorado Jim Messina, abituato ad usare algoritmi e big data per acquisire consenso, è valso a qualcosa.

AMAZON DIEGO PIACENTINI AMAZON DIEGO PIACENTINI

A spiegarglielo riservatamente ci sta pensando l’ennesimo ascoltatissimo e già un po’ spaesato astro nascente del Giglio magico: Diego Piacentini. Catapultato da Amazon a Palazzo Chigi, ha subito afferrato che l’Italia è talmente indietro che, a differenza degli Stati Uniti, è impossibile individuare per via informatica i profili degli elettori.

Persa per strada la carta del ‘convincimento digitale’, Renzi ha quindi iniziato una forsennata campagna elettorale. Grazie alla sua resistenza fisica, sembra essersi messo in aspettativa dall’incarico di Premier per un feroce tour da uomo solo al comando. Ricorda Silvio Berlusconi, con la differenza che il Cav ha sempre tranquillizzato gli elettori mentre lui sta passando come uno che insegue soprattutto il potere.

JIM MESSINA JIM MESSINA

Anche la militarizzazione dei programmi della Rai verso il Sì, con un fuoriclasse come Bruno Vespa incantato e protettivo verso Maria Elena Boschi, sta diventando un boomerang. Tutto a vantaggio de La7 che, con costi bassi e un irresistibile Maurizio Crozza, ha trovato una sua identità per il No, attraente anche per l’incattivito popolo del web che deride i ministri obbligati dal Presidente del consiglio ad andare in tv.

matteo renzi matteo renzi

Forse se torna ad essere il primo Renzi, un po’ guascone, senza troppi guru e scorte al seguito che paralizzano le città al suo passaggio, può recuperare. Ma sa bene che, comunque vada il referendum, il 6 dicembre verso le 12 lo attende al Quirinale Sergio Mattarella, che gli chiederà una profonda verifica della sua base parlamentare e dell’azione di governo perché non vuole le elezioni anticipate.

maria elena boschi referendum costituzionale maria elena boschi referendum referendum costituzionale REFERENDUM

 

 maurizio crozza matteo renzi maurizio crozza matteo renzi

 

Sorgente: ecco cosa hanno detto a renzi sul referendum i due guru della comunicazione di palazzo chigi – Politica

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

.