Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

DALLA LIBIA AI PAESI BALTICI LE PARTICOLARI OPERAZIONI DI GUERRA DELL’ITALIA

DI SALVATORE OCCHIUTO

Premessa di carattere generale. La critica non è su base giuridica. L’articolo 11 della nostra costituzione che sancisce il ripudio della guerra, specifica nel secondo comma l’esperimento delle disposizioni dei trattati internazionali stipulati. Pertanto le perplessità riguardano esclusivamente gli orientamenti di politica estera. Durante la visita ufficiale a Roma del Segretario Generale della Nato, l’ex premier laburista norvegese Jens Stoltenberg, è stato annunciato che nel 2018 la Nato disporrà nei paesi baltici lo schieramento di quattro battaglioni. Una forza simbolica a scopo deterrente che includerà anche reparti italiani. Un ennesimo capitolo della nuova guerra fredda tra Occidente e Russia. Malgrado la Nato declama a gran voce l’importanza del dialogo con Mosca, tali situazioni rafforzano la cosiddetta “sindrome di accerchiamento” denunciata da Putin. “Non è un’azione di aggressione, bensì una misura di protezione di alcuni stati membri”. La dichiarazione del Ministro degli Esteri Paolo Gentiloni rappresenta appunto una precisazione diplomatica che ribadisce tuttavia l’ipocrisia di fondo della linea adottata dalla Farnesina. Una Russia partner strategico a livello commerciale, ma inderogabile rispetto dell’alleanza atlantica. Nessuna ingerenza nella vicenda libica, ma missione medica protetta dai paracadutisti della Folgore. Mediazione nell’annoso conflitto Mediorientale, ma forte relazione bilaterale con Israele. L’interrogativo di fondo consiste nel chiedersi se non conviene forse ritirarsi dalla struttura militare della Nato e restare nell’organizzazione politica. Una soluzione adottata dalla Francia fino al 2009 e da Grecia e Turchia negli anni settanta a causa delle reciproche controversie.

Sorgente: DALLA LIBIA AI PAESI BALTICI LE PARTICOLARI OPERAZIONI DI GUERRA DELL’ITALIA – ALGANEWS

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

.