Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Dal Plutonio alla Siria, i fronti Mosca-Washington – Corriere.it

corriere.it –Dal Plutonio alla Siria, i fronti Mosca-Washington. Il primo scontro sui missili, poi lo choc dell’annessione della Crimea, così l’intesa si è infranta. E Gorbaciov avverte: siamo in pericolo di Massimo Gaggi

NEW YORK – Sembra passato un secolo, eppure è storia di soli sei anni fa, del 2010: in aprile a Praga la firma del nuovo trattato START per la riduzione delle armi nucleari. Incontri calorosi, attestati di fiducia reciproca tra Barack Obama e l’allora presidente russo Dmitri Medvedev.

Nonostante crisi come quella del conflitto russo-georgiano del 2008, il «reset» delle relazioni Washington-Mosca va avanti in un clima idilliaco: intesa politica tra i due Paesi e una evidente simpatia reciproca tra i due leader.

Cambierà tutto, poco dopo, nel marzo 2012, col ritorno di Vladimir Putin al Cremlino.

Nostalgico del perduto potere imperiale dell’Urss, convinto che l’allargamento di Nato e Ue nell’Est europeo rientrassero in un disegno di assedio alla Russia, furioso perché gli Usa avevano tifato per Medvedev prima che questi decidesse di tornare nella scia del leader più potente, Putin si è subito messo in rotta di collisione con l’Occidente.

I missili e l’Ucraina

Il primo scontro sul progetto della Nato di schierare batterie di missili antimissile in Polonia. Putin comincia a minacciare ritorsioni sul fronte dei trattati nucleari, ma all’inizio si tratta solo di frizioni che diventano conflitto aperto nel 2014 con l’annessione russa della Crimea e l’appoggio di Mosca ai ribelli filorussi della regione ucraina del Donbass.

L’invasione e l’annessione dei territori di un altro Stato da parte di una grande potenza è uno choc per tutta la comunità internazionale: vengono lacerati i più elementari principi di legalità e questo rischia di diventare un precedente pericolosissimo per l’ordine mondiale: inevitabile la condanna della Russia che, pure, al Consiglio di Sicurezza Onu dispone del diritto di veto, e l’adozione di pesanti sanzioni economiche nei suoi confronti.

Nonostante le condanne e l’embargo che rischia di mettere economicamente in ginocchio un Paese già colpito pesantemente dal crollo del prezzo del petrolio, Putin è andato per la sua strada mandando ingenti forze militari russe ad appoggiare i ribelli in Ucraina.

L’improvviso ritorno a un clima di guerra fredda ha messo in allarme i Paesi baltici e la stessa Polonia, spingendo la Nato a varare una forza di intervento rapido per rassicurare questi alleati. Oggi anche questo passo viene rinfacciato dalla diplomazia russa come un atto aggressivo, mentre Estonia, Lettonia e Lituania hanno vissuto quel gesto di rassicurazione della Nato come qualcosa che rassomiglia a un segnale simbolico.

i fronti caldi

 La crisi siriana

Ma la crisi che, più di ogni altra, rischia di far deragliare i rapporti tra Mosca e Washington, è quella siriana sulla quale, a più riprese, i due Paesi hanno negoziato e sulla quale a un certo punto erano parsi in grado di trovare aree dii interesse comune.

Qui Barack Obama ha pagato il peccato originale di aver promesso una rappresaglia militare contro il regime di Assad se questo avesse fatto ricorso alle armi chimiche, senza poi dar seguito al suo impegno.

Allora Putin, alleato del regime siriano, si inserì abilmente prima inviando un duro monito al presidente americano, poi diventando il regista di una soluzione diplomatica basata sullo smantellamento dell’arsenale chimico siriano.

Putin-Obama, la grande freddezza

Quel che resta di Aleppo IL VIDEO

Poi, nel 2015, alla vigilia dell’assemblea dell’Onu, l’avvio della missione militare russa in Siria a fianco di Assad contro i ribelli. In teoria Mosca avrebbe dovuto collaborare con l’Occidente nella lotta contro l’Isis; in pratica ha concentrato gli attacchi contro gli avversari del dittatore di Damasco, molti dei quali sono filo-occidentali.

Negoziati e massacri

Da più di un anno nello scenario mediorientale continua la danza degli infruttuosi negoziati russo-americani mentre nel Paese martoriati continuano i massacri e la fuga dei profughi. Intanto continua a crescere l’influenza della Russia nell’area. Forse consapevoli di aver tirato un po’ troppo la corda vent’anni fa nell’Est europeo, gli Usa hanno sempre riconosciuto il diritto di Mosca di difendere i suoi interessi in Siria, Paese da decenni sotto la sua influenza.

Ma i russi, che hanno a loro volta accusato gli americani di appoggiare strumentalmente i terroristi di Al Nusra, fidi Al Qaeda, hanno costruito una presenza militare imponente e permanente nel Paese mediorientale con le basi aeree e, ora, anche con quella navale di Tartus.

Sul piano diplomatico sono riusciti con audacia a saldare un’alleanza col regime sciita di Teheran stringendo, al tempo stesso, grazie alle tensioni tra Ankara e Washington, un patto con la Turchia di Erdogan: un Paese col quale solo pochi mesi fa spiravano venti di guerra.

Clima di guerra in Russia. Esercitazioni e scorte di cibo

 Putin: «Isteria Usa sugli hacker russi» Sargentini

 Gli schieramenti militari: il grafico

Il resto è storia di questi giorni: Obama che accusa hacker russi di tentare di interferire nelle elezioni americane, con la minaccia Usa di rappresaglie cibernetiche e Putin che nega ogni responsabilità.

I missili nucleari russi dislocati nell’enclave baltica di Kaliningrad, puntati contro l’Europa. E poi Mosca che sospende l’applicazione del trattato per lo smaltimento del plutonio e altri accordi di cooperazione nucleare fino a quando le sanzioni economiche contro la Russia non verranno cancellate. Mai vista una situazione così pericolosa avverte il vecchio Gorbaciov.

Sorgente: Dal Plutonio alla Siria, i fronti Mosca-Washington – Corriere.it

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

.