Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Bce lascia i tassi invariati. Draghi: “Qe avanti fino a marzo, oltre se necessario” – Economia – ANSA.it

Avanti con il Qe fino a marzo, secondo quanto già programmato, ma anche oltre se necessario. Mario Draghi conferma così il tabellino di marcia nella conferenza stampa al termine del board dell’Eurotower che ha lasciato i tassi invariati. Quanto alle prospettive economiche, il presidente dell’Eurotower ha sottolineato che ci sono ancora rischi per l’Eurozona.

Il tasso principale, dunque, rimane fermo al minimo storico dello 0,00%, quello sui depositi bancari a -0,40% e quello di rifinanziamento marginale a 0,25%. Francoforte conferma, inoltre, a 80 miliardi di dollari il piano di acquisti mensili di titoli e prevede che i tassi di interesse resteranno al livello attuale o più basso per un periodo prolungato, anche oltre l’orizzonte del piano di quantitative easing che, al momento, è atteso concludersi a marzo 2017.

“Rimaniamo impegnati a difendere un livello molto alto di politica monetaria accomodante”, dice Draghi e precisa che al consiglio direttivo di oggi non è stata discussa un’estensione del quantitative easing oltre la scadenza attuale, fissato a marzo 2017. A dicembre il consiglio prenderà in esame il lavoro dei comitati interni che stanno analizzando il Qe e le possibilità future.

VIDEO

 Nell’opinione del consiglio della Bce, ha aggiunto ancora, “i tassi negativi non minacciano il meccanismo di trasmissione della politica monetaria. I tassi negativi funzionano”. I tassi attuali, ha spiegato il presidente della banca centrale europea, hanno generato un’inflazione aggiuntiva di 1,4 punti percentuali e una crescita aggiuntiva di 1,3 punti percentuali.

Le prospettive economiche dell’Eurozona, ha detto Draghi, “sono soggette a rischi al ribasso e i dati suggeriscono una crescita del terzo trimestre simile a quella del secondo”.

Il presidente dell’Eurotower è anche intervenuto sul ‘bail in’.  Le regole europee sulla partecipazione di creditori e azionisti ai salvataggi bancari, ha rilevato, sono abbastanza flessibili per fronteggiare diversi scenari.

Non bisogna dare troppo peso al calo della domanda di prestiti in Italia e Spagna, secondo Draghi, spiegando che gli ultimi dati, che vanno in quella direzione, vengono “dopo una lunga sequenza di dati positivi” e che la Bce piuttosto ai singoli paesi “guarda al dato aggregato”.

Btp Italia chiude a 5,2 miliardi

Sorgente: Bce lascia i tassi invariati. Draghi: “Qe avanti fino a marzo, oltre se necessario” – Economia – ANSA.it

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

.