Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Accordo tra 170 paesi per la riduzione dei gas serra in condizionatori – Corriere.it

corriere.it – In Ruanda –  Accordo tra 170 paesi per la riduzione dei gas serra in condizionatori.  A Kigali l’intesa globale (obbligatoria) per sospendere l’uso di idrofluorocarburi. Le nazioni industrializzate si impegnano ad agire prima di quelle in via di sviluppo.

Circa 170 Paesi hanno concordato di limitare l’uso degli idrofluorocarburi (HFC), potentissimi gas serra utilizzati nei freezer e nei condizionatori d’aria. L’accordo, raggiunto a Kigali, impegna i Paesi industrializzati — inclusa l’Europa e gli Stati Uniti — a ridurre l’uso degli HFC prima dei Paesi in via di sviluppo: si comincerà con un taglio del 10% entro il 2019, per arrivare all’85% entro il 2036. I colloqui condotti nella capitale del Ruanda non hanno ricevuto la stessa attenzione dell’intesa storica siglata a Parigi, ma l’impatto potrebbe essere ugualmente (o più) importante nella lotta contro il surriscaldamento del pianeta.

Le differenze con l’accordo di Parigi

Mentre l’accordo di Parigi del 2015 (noto come Cop21) prevede diversi obiettivi per il taglio delle emissioni di CO2 contenuto nei carburanti usati per veicoli e industrie — e le promesse sono state fatte su base facoltativa dalle varie nazioni e dunque dipenderanno dalla volontà politica dei leader futuri —, l’intesa raggiunta a Kigali aveva un unico fine: gli idrofluorocarburi, che rappresentano una piccola percentuale dei gas serra liberati nell’atmosfera ma sono in grado di trattenere calore mille volte di più rispetto al biossido di carbonio. Inoltre, sono previste sanzioni per chi non rispetterà le scadenze convenute e i Paesi più ricchi si sono impegnati a finanziare la transizione dei più poveri verso l’uso di sostanze chimiche meno dannose per l’ambiente.

Parlando a Kigali, il Segretario di Stato Usa John Kerry ha detto che i gas in questione sono «disastrosi per il nostro clima». Alcune nazioni hanno già cominciato a ridurre l’uso degli idrofluorocarburi. Due gruppi di paesi in via di sviluppo ne inizieranno a sospendere l’impiego entro il 2024-2028, altri come India — il terzo paese per emissioni di gas serra — , Iran, Iraq e Pakistan hanno chiesto più tempo per adattare le proprie industrie.

 Più bonus famiglia, a rischio paternità e voucher tata Per le imprese 15,5 miliardi Cosa cambia con la manovra

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

.