Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Usa2016 – L’America si prepara a decidere: questa notte faccia a faccia Trump-Clinton | l’Unità TV

unita.tv – L’America si prepara a decidere: questa notte faccia a faccia Trump-Clinton. Un terzo degli elettori aspetta il dibattito di stasera per decidere 

In molti attendono il primo dibattito presidenziale per decidere chi votare. Il giorno è arrivato: lunedì alle 21 (le tre del mattino di martedì in Italia), in diretta sulla Cnn, Hillary Clinton e Donald Trump si confronteranno nel palazzetto sportivo della Hofstra University, a Long Island, nello Stato di New York.

È il primo dei tre appuntamenti, più quello tra i potenziali vicepresidenti, che scandiranno il percorso di avvicinamento al voto dell’8 novembre.

Si osserveranno soprattutto i sondaggi che scaturiranno dal primo dibattito presidenziale americano di questa sera: oltre un terzo degli elettori dice che sarà profondamente influenzato dalla performance dei due aspiranti alla Casa Bianca.

Secondo un recente sondaggio della società Consult, i dati di ascolto potrebbero facilmente superare il dibattito presidenziale più visto di tutti i tempi, quello tra Jimmy Carter e il suo sfidante Ronald Reagan nel 1980 che raggiunse gli 81 milioni di telespettatori. Gli altri due candidati presidenziali Jill Stein dei Verdi e Gary Johnson del Libertarian Party non parteciperanno perchè non hanno raggiunto il livello minimo del 15 per cento di sostegno nelle rilevazioni selezionate.

Il sondaggio Pew Research pubblicato venerdì ha mostrato che gli elettori degli Stati Uniti ancora non sanno gli orientamenti della Clinton o di Trump su importanti questioni. Più in generale l’ex segretario di Stato è risultata in vantaggio nelle rilevazioni nelle settimane seguenti le due Convention nazionali di luglio, mentre a settembre Trump si è avvicinato colmando il gap e avvicinandosi fino a “soli” sue punti alla Clinton.

L’indagine congiunta di domenica condotta dal Washington Post e Abc News ha rivelato che i due sono 46 a 44 per cento a favore dell’ex segretario di Stato mentre gli altri due candidati hanno ricevuto meno del 10 per cento. Nei sondaggi Fox News condotti questa settimana negli Stati incerti di Ohio e North Carolina, Trump e’ stato segnalato in vantaggio sulla Clinton con margini del cinque per cento e del tre per cento in Nevada. E si pensa possa essere in vantaggio anche in Florida.

Secondo i media americani, la Clinton si sta preparando al dibattito con grandi file di documenti, mentre Trump si sta concentrando su questioni tecniche. I sondaggi continuano a segnalare che entrambi i candidati hanno tra le più alte percezioni negative tra gli elettori degli Stati Uniti in generale mai registrate.

Stanotte invece, i due candidati alla presidenza hanno incontrato, in separata sede e a porte chiuse, il premier israeliano Benyamin Netanyahu.

Poco più di un’ora con Trump, poco meno con Hillary: il primo si è detto pronto a riconoscere Gerusalemme capitale di Israele; la seconda ha assicurato strette relazioni e affermato che un Israele forte e sicuro è vitale per gli Stati Uniti”.

Intanto tra le ultime schermaglie da registrare c’è quella che vede protagonista il NYT. Una “spaccone” che dice “falsità”, che ha condotto una campagna fatta di “insulti personali” e “nazionalismo xenofobo”: il New York Times in un editoriale spiegava così perchè Donald Trump non dovrebbe essere presidente.

“I nostri presidenti sono dei modelli per le generazioni dei nostri figli”, Trump “e’ il modello che vogliamo per loro?”. La storia di Trump è fatta di “bancarotta” e di avventure come la Trump University, sulla quale “le autorità stanno indagando dopo numerose denunce per frode”.

“Non ha esperienza nella sicurezza nazionale, eppure dice di avere un piano per infliggere una sonora sconfitta ai militanti dell’Isis in Siria, senza però renderlo noto” mette in evidenza il New York Times, precisando che “nell’esprimere la sua ammirazione per il presidente russo Vladimir Putin, Trump accetta implicitamente gli abusi dittatoriali di Putin con i suoi critici”.

Ma l’editoriale è stato usato dallo stesso Trump come clava politica: l’appoggio del New York Times a Hillary Clinton è la rappresentazione del “sistema corrotto contro il quale Donald Trump si batte”. Afferma la campagna del tycoon newyorkese, replicando alla discesa in campo del New York Times con Hillary Clinton. “Trump preferisce l’appoggio degli americani che lavorano piuttosto che quello di un board editoriale che tiene solo ai plausi che riceve alle feste e alla cene nei corridoi del potere del Paese”.

Sorgente: Usa2016 – L’America si prepara a decidere: questa notte faccia a faccia Trump-Clinton | l’Unità TV

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

adversing