Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Privacy, caso WhatsApp-Facebook: il Garante apre un’istruttoria

Nel mirino dell’autority l’aggiornamento della policy sul trattamento di dati degli utenti messi a disposizione del social network per finalità di marketing.

ROMA – Il Garante per la Privacy ha avviato un’istruttoria “a seguito della modifica della policy effettuata da WhatsApp a fine agosto che prevede la messa a disposizione di Facebook di alcune informazioni riguardanti gli account dei singoli utenti, anche per finalità di marketing”. Lo comunica l’autority che ha invitato WhatsApp e Facebook a fornire tutti gli elementi utili alla valutazione del caso.

La questione era finita subito sui tavoli della Commissione europea sollevando dubbi dell’antitrust sulla privacy rivista ‘a favore’ del social network che nel 2014 ha acquisito il servizio di messaggistica più utilizzato nel mondo. Nel dettaglio, le nuove norme prevedono che parte delle informazioni relative agli iscritti a WhatsApp (alla voce ”info account” del servizio) vengano riutilizzate da Facebook per fini pubblicitari. ”WhatsApp potrebbe offrire il marketing per i Servizi di Facebook, società di cui fa ora parte” si legge nel nuovo regolamento varato meno di un mese fa.

”Né WhatsApp, né Facebook, né nessun altro”, così la nota su Whatsapp.com chiarendo ”Non invieremo né condivideremo il tuo numero di WhatsApp con altri, incluso su Facebook, e continueremo a non vendere, condividere, o dare il tuo numero di telefono agli inserzionisti”.

Nonostante le rassicurazioni di Menlo Park rispetto all’uso limitato rispetto a terzi, il Garante ora vuole saperne di più in materia di protezione dei dati. In particolare, l’autority ha chiesto di conoscere nel dettaglio “la tipologia di dati che WhtasApp intende mettere a disposizione di Facebook; le modalità per la acquisizione del consenso da parte degli utenti alla comunicazione dei dati; le misure per garantire l’esercizio dei diritti riconosciuti dalla normativa italiana sulla privacy, considerato che dall’avviso inviato sui singoli device la revoca del consenso e il diritto di opposizione sembrano poter essere esercitati in un arco di tempo limitato”.

In realtà, chi non ha ancora aggiornato l’app accettando le condizioni di utilizzo, può scegliere l’opzione ”Leggi tutto” per poi deselezionare la funzione alla voce ”Condividere le informazioni dell’account WhatsApp con Facebook”. Coloro che invece hanno dato l’assenso, hanno 30 giorni di tempo per ripensarci, modificando alla voce Impostazioni >> Account >> Condividi le informazioni del mio account.

Sorgente: Privacy, caso WhatsApp-Facebook: il Garante apre un’istruttoria – Repubblica.it

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

adversing