Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

 Mali, nove anni ad Al Faqui «Colpevole di crimini guerra»

La sentenza della Corte penale internazionale dell’Aia nei confronti del jihadista di Ansar Dine responsabile della distruzione dei mausolei di Timbuctu

La Corte penale internazionale (Cpi) ha giudicato colpevole di crimini di guerra Ahmad Al Mahdi Al Faqi, accusato di avere partecipato alla distruzione dei mausolei a Timbuctu nel nord del Mali nel 2012. Si tratta di un verdetto storico, è la prima volta che un detenuto jihadista accusato di «crimini di guerra» per «la distruzione di monumenti di carattere storico e religioso» finisce alla sbarra davanti alla Corte Penale e viene condannato. Mahdi è stato condannato a nove anni di carcere (ne rischiava 30).

shadow carousel
Dal Mali all’Afghanistan, le opere distrutte dai jihadisti

L’uomo, 44 anni, membro del gruppo jihadista Ansar Eddine, vicino ad Al Qaeda nel Maghreb (Aqim), arrestato dalle autorità del Niger che lo hanno consegnato alla Corte Penale, si era dichiarato colpevole. «Con grande rammarico deve presentare la mia colpevolezza. Tutte le accuse che mi si imputano sono precise e corrette», aveva dichiarato, dicendo di provare «grande dolore» per i fatti commessi e chiedendo perdono alla popolazione del Mali e alla comunità internazionale, nella speranza di avere uno sconto di pena.

Conosciuta come la “Città dei 333 Santi”, Timbuctù era un centro commerciale e centro spirituale a partire dal XIV secolo, con un ruolo chiave nella diffusione dell’Islam in tutto il continente africano. I mausolei degli studiosi islamici, che testimoniano l’età d’oro della città come centro economico, intellettuale e spirituale fra il XV e il XVI secolo, sono considerati esempi eccezionali di architettura in terra cruda, e sono importanti luoghi di pellegrinaggio. Una parte di questi sono stati ricostruiti e le opere di restauro sono costate 500 mila dollari.Ahmad Al Mahdi Al Faqi, maestro di Timbuctu unitosi poi ai jihadisti, è nato nel villaggio di Agouni, a 97 chilometri a ovest della capitale.

Sorgente: Corriere della Sera

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

adversing