Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Le due versioni sull’operaio ucciso a Piacenza – Il Post

La foto fornita dall’ufficio stampa dell’USB all’esterno della GLS, un’azienda di logistica a Piacenza, 15 settembre 2016 (ANSA/ USB)

ilpost.it – Le due versioni sull’operaio ucciso a Piacenza. L’Unione Sindacale di Base dice che Abd Elsalam Ahmed Eldanf è stato investito mentre stava partecipando a uno sciopero, ma la Procura ha fatto una ricostruzione diversa.

Nel tardo pomeriggio di giovedì 15 settembre un corteo organizzato dai sindacati ha fermato per alcuni minuti il traffico in centro a Piacenza e ha bloccato i binari della stazione ferroviaria, in segno di protesta contro la morte di un operaio, investito e ucciso nella notte tra il 14 e il 15 settembre davanti alla sede del corriere GLS poco fuori città. I partecipanti alla manifestazione, una cinquantina di persone dell’Unione Sindacale di Base (USB), hanno mostrato cartelli e urlato slogan, chiedendo giustizia per il loro collega.

Le circostanze della morte di Abd Elsalam Ahmed Eldanf, sindacalista che aveva 53 anni ed era arrivato in Italia nel 2003 dall’Egitto con la famiglia, non sono ancora molto chiare e ci sono almeno due versioni diverse: una della procura e una dell’USB.

Nella notte tra mercoledì e giovedì, poco prima della mezzanotte, Eldanf si trovava con altri colleghi all’esterno dei cancelli della GLS, in attesa di avere notizie su una riunione tra sindacati e l’azienda per discutere della mancata assunzione di 13 operai della Seam srl, un’azienda dell’indotto per il carico e scarico merci del corriere, dopo che era stata promessa da tempo la loro stabilizzazione. La situazione era piuttosto tesa, con una quindicina di addetti fuori dai cancelli che stavano valutando di organizzare un picchetto, sotto la sorveglianza degli agenti di due volanti della polizia, arrivati per motivi di sicurezza.

 Secondo l’USB, mancavano una ventina di minuti alla mezzanotte quando dall’interno dei cancelli si è sentito qualcuno urlare “Dai, vai! Parti”, indirizzato al camionista. L’autista ha avviato il TIR e ha compiuto alcune manovre, uscendo dal cancello e schiacciando Eldanf. I sindacalisti dicono che l’incidente si è verificato quando era già “iniziato lo sciopero immediato” per il mancato accordo con la Seam: “Proprio durante l’azione di sciopero, un lavoratore, padre di 5 figli e impiegato nell’azienda dal 2003, è stato assassinato, sotto lo sguardo degli agenti di polizia, da un camion in corsa che ha forzato il blocco”. Il camion avrebbe proseguito per alcuni metri prima di fermarsi, poi sono intervenuti gli agenti per arrestare l’autista e sottrarlo al linciaggio da parte degli altri lavoratori.

INFOGRAFICA. OPERAIO TRAVOLTO E UCCISO

Salvatore Cappelleri, procuratore capo di Piacenza, ha fatto una ricostruzione diversa dei fatti e ha comunque escluso che l’incidente sia stato doloso: “Quando il TIR è uscito dalla ditta, dopo le regolari operazioni di carico, ha effettuato una manovra di svolta a destra. Inoltre escludiamo categoricamente che qualche preposto della GLS abbia incitato l’autista a partire.

Davanti ai cancelli in quel momento non vi era alcuna manifestazione di protesta o alcun blocco da parte degli operai, che erano ancora in attesa di conoscere l’esito dell’incontro tra la rappresentanza sindacale e l’azienda.

Allo stato attuale delle indagini riteniamo che l’autista non si sia accorto di aver investito l’uomo che è stato visto correre da solo incontro al camion che stava facendo manovra”. L’USB contesta la versione della procura e dice di avere testimoni per confutarla.

L’autista, che ha 43 anni, è stato sottoposto ai test per rilevare l’eventuale assunzione di sostanze stupefacenti o di alcol prima di essersi messo alla guida. Essendo risultati negativi i test e non essendoci pericolo di fuga, è stato rilasciato, ma nei suoi confronti c’è comunque l’accusa di omicidio stradale. Il viceministro allo Sviluppo economico, Teresa Bellanova, ha detto che “nessuno può morire manifestando”, esprimendo vicinanza alla famiglia dell’operaio investito. Le sue dichiarazioni sono state riprese su Twitter anche dal presidente del Consiglio, Matteo Renzi.

Non doveva accadere, vicina alla famiglia operaio deceduto. Responsabilità non restino impunite, nessuno può morire manifestando

Sorgente: Le due versioni sull’operaio ucciso a Piacenza – Il Post

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

adversing