Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Israele incarcera un Palestinese impedendogli di tornare a Gaza dopo aver portato il figlio neonato in ospedale

Gaza-Ma’an. La scorsa settimana le truppe israeliane hanno arrestato un Palestinese al valico tra Israele e la Striscia di Gaza, mentre tornava nei Territori palestinesi occupati dopo aver portato il figlio di pochi mesi in un ospedale israeliano, ha affermato martedì una ONG in un comunicato.

Secondo il Centro Al-Mezan per i Diritti Umani, Tariq Kamal al-Hajj, 41enne residente nella città di Gaza, è stato arrestato al valico di Erez il 22 giugno mentre stava tornando a casa dopo aver portato Yasin, suo figlio di 8 mesi all’ospedale di Tel Hashomer, nella città di Ramat Gan, dove il bambino ha subito il trapianto di cellule staminali ematopoietiche (HSCT).

Al-Mezan ha aggiunto che i membri della famiglia sono stati convocati al valico di Erez, ore dopo l’arresto di al-Hajj, per portare a casa Yousif – il figlio  di due anni di al-Hajj, che ha viaggiato da e per Israele, col padre per fornire le cellule necessarie all’intervento chirurgico per salvare la vita al suo fratellino.

La moglie di Al-Hajj e il figlio neonato sono ancora nell’ospedale israeliano.

Contattato da Ma’an, il Coordinatore delle attività di governo nei Territori (COGAT), l’agenzia israeliana che attua le politiche di Israele nei Territori palestinesi occupati e amministra i valichi di frontiera tra Israele e la Striscia di Gaza, ha rifiutato di commentare il caso.

Un portavoce di Shin Bet, l’agenzia di intelligence israeliana, non era disponibile per un commento.

Le ragioni della detenzione di al-Hajj restano sconosciute. Non è ancora chiaro se al-Hajj sia ancora detenuto dopo una settimana.

“Il Centro Al-Mezan condanna ancora una volta la detenzione di pazienti e dei loro accompagnatori, e l’impedimento ai malati della Striscia di Gaza di raggiungere gli ospedali rifiutando di rilasciare permessi, procrastinando il rilascio dei permessi, o incarcerando loro o i loro accompagnatori”, ha ribadito l’Ong.

Erez è l’unico valico tra Gaza e Israele, anche se viaggiare è fortemente limitato dalle autorità israeliane a causa di un devastante assedio sulla enclave costiera che dura dal 2007.

I Palestinesi detenuti a Erez sono spesso interrogati per diverse ore, a volte per giorni, prima di essere ammessi in Israele o rispediti a Gaza.

All’inizio di questo mese, l’organizzazione umanitaria World Vision International ha riferito che il capo dell’ufficio dell’organizzazione nella Striscia di Gaza, Muhammad al-Halabi, era stato arrestato al valico di Erez.

Traduzione di Edy Meroli

© Agenzia stampa Infopal

 

Sorgente: Israele incarcera un Palestinese impedendogli di tornare a Gaza dopo aver portato il figlio neonato in ospedale | bocchescucite

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

.