Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Brexit, la maxipetizione per un secondo referendum: “Una mezza bufala alimentata dagli hacker” – Repubblica.it

Migliaia di voti da Vaticano, Corea del Nord, isole sperdute e disabitate. La commissione parlamentare aveva già indagato, ora sul famigerato forum 4chan escono i codici dei bot utilizzati per pompare a dismisura la raccolta delle firme

LA PETIZIONE PER indire un secondo referendum sull’uscita della Gran Bretagna dal Regno Unito – in realtà proposta prima del voto e con obiettivi del tutto diversi – è cresciuta spaventosamente nelle ultime ore quanto ad adesione dei firmatari. Il problema è che pare che quel numero sia stato notevolmente (se non del tutto) pompato da una serie di bot diffusi grazie al sito 4chan, celeberrima bacheca statunitense senza controllo alcuno sui contenuti e sulla quale sono fioriti in passato fenomeni virali di ogni genere. In questo caso sembra che dei codici pubblicati sul sito abbiano contribuito ad alimentare il clamoroso successo di quella petizione, ripreso dai media di mezzo mondo prima di rendersi conto che buona parte di quelle “firme digitali” era sostanzialmente fasulla.

Brexit, la maxipetizione per un secondo referendum: “Una mezza bufala alimentata dagli hacker”


Nel conteggio sarebbero infatti finite montagne di sottoscrizioni, circa 50mila, provenienti dalla Città del Vaticano così come da molti altri Paesi, Corea del Nord inclusa. O da territori del tutto disabitati, come le isole inglesi del South Georgia o le isole Sandwich. Il sistemino, basato sul software Mooter, consente infatti di inserire automaticamente nuovi nomi, evitando i sistemi di sospensione degli indirizzi IP, fino a 100mila al secondo. In effetti il Comitato preposto al controllo delle petizioni popolari, che nel Regno Unito – se proposte su una piattaforma ufficiale – hanno un qualche valore di vincolo verso la Camera dei Comuni, aveva già eliminato 80mila firme promettendo ulteriori verifiche. Ma la possibilità che quella petizione sia stata taroccata più in profondità è notevole. I sottoscrittori regolari dovrebbero muoversi intorno alle 300mila persone reali.

Fra l’altro, la petizione in questione non chiede affatto un secondo referendum. Al contrario, è stata inserita sul sito ufficiale di Westminster dedicato a questo genere di mobilitazioni lo scorso 25 maggio da un attivista del Leave, tale William Oliver Healey, in realtà con finalità in parte opposte. Verteva infatti sull’introduzione di un quorum di votanti pari al 75% degli aventi diritto per considerare valida la votazione e una percentuale di almeno il 60% per considerare valido il risultato. Altrimenti, sarebbe scattato un nuovo referendum. La proposta non è stata discussa né ha fruttato alcun esito concreto prima del referendum. L’inghippo è dunque nato dal fatto che quegli obiettivi, in effetti, non sono stati raggiunti nel voto del 23 giugno. In moltissimi hanno quindi pensato che quella petizione potesse costituire un gancio per un’impossibile seconda chiamata alle urne.

Brexit, la maxipetizione per un secondo referendum: “Una mezza bufala alimentata dagli hacker”

Secondo il sito HeatStreet l’origine di quel pachidermico consenso è dunque da individuare nei bot predisposti da molti utenti, che li hanno condivisi attraverso i thread di discussione di 4chan e hanno fatto firmare qualche migliaia di volte anche Kim Il-Sung, il padre padrone della Corea del Nord scomparso nel 1994. Ci sono pseudofirme da Taiwan, dalle Bahamas, dall’Indonesia e dalla Sierra Leone, tanto per estrarre qualche luogo di origine dei fantomatici firmatari dagli screenshot che circolano sui social network. Chiaramente, anche quest’analisi di lettura è errata: si tratta di immondizia digitale, altro che “firmatari non britannici”. Qualcosa di simile era già successo nel 2009, quando la manipolazione dell’annuale sondaggio del magazine Time sui 100 personaggi più influenti al mondo aveva catapultato in testa alla classifica il fondatore del sito, l’allora 21enne Christopher Pool, per giunta chiamandolo col suo pseudonimo “Moot”. Qui c’è la spiegazione di come andarono all’epoca i fatti.

Una goliardata dall’eco planetaria, di quelle che d’altronde abbondano su 4chan, alimentate dalla ricca comunità che ne popola le pagine e che spazia da attivisti di Anonymous a semplici appassionati d’informatica fino a smanettoni della prima ora. Quei 3,7 milioni di voti sono dunque oggettivamente privi di attendibilità.

Sorgente: Brexit, la maxipetizione per un secondo referendum: “Una mezza bufala alimentata dagli hacker” – Repubblica.it

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

.