Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Rassegna Stampa del 28 aprile 2016 – a cura di Luna.Rossa | NUOVA RESISTENZA antifa’

Nell’augurarvi una buona giornata, sfogliamo con voi i principali quotidiani nazionali.

Iniziamo da Il Corriere della Sera ed il paradosso austriaco, ossia l’Austria “esporta” piú migranti di quanti ne arrivano in Italia. E’ il dato che il governo italiano sta facendo pesare nei colloqui con i rappresentanti dell’Unione Europea per tentare di contrastare l’offensiva austriaca in merito agli arrivi nel nostro Paese attraverso il valico del Brennero, ma anche i passaggi da Tarvisio. E dimostra — questa è la contestazione — che in realtà il problema sono i flussi in entrata più che quelli in uscita. Oggi  pomeriggio si incontreranno a Roma il ministro Alfano con il neoministro dell’Interno austriaco Wolfgang Sobotka. Al centro dei colloqui ci sarà naturalmente la barriera che si è già iniziato a costruire, ma anche la necessità che tra i due Stati «rimanga aperto il dialogo e la collaborazione, escludendo però la possibilità di alzare muri».

Politica e camorra, camorra e politica come una spirale senza fine: dopo il terremoto provocato dall’inchiesta sui presunti favori ai Casalesi – in cui è indagato anche il presidente dimissionario del Pd campano, Stefano Graziano – esplode il dibattito in casa dem. Con i toni dello scontro. E una decisione: il 5 maggio si riunirà a Napoli l’assemblea regionale del Pd con il vicesegretario nazionale Lorenzo Guerini per esaminare la situazione del partito in vista delle elezioni amministrative di giugno. Bassolino con un post su Facebook lancia il suo allarme:  “Prima l’ex vice-segretario regionale accusato di corruzione di giudice, ora il presidente regionale. La giustizia faccia il suo corso, e si vedrà. Ma la politica ha i suoi doveri. Cos’altro deve ancora accadere? Renzi intervenga con determinazione, prima che il PD precipiti in un burrone politico e morale”… e se nel burrone il Pd fosse giá precipitato? L’articolo su La Repubblica.

Da Il Fatto Quotidiano la notizia che la Camera ha votato, dopo due anni dall’arresto, la decadenza di Giancarlo Galan, Il doge azzurro, l’uomo che diceva “il Veneto sono io”. Tutta l’ascesa di Galan da venditore con Berlusconi a governatore del Veneto e dopo l’esilio voluto da Zaia, la nomina a ministro e la condanna per corruzione.

L’Unitá e la “Cortina di Ferro”, un termine che pensavamo ormai obsoleto, da archivio storico, invece ritorna prepotentemente attuale con le nuove cortine di ferro, i muri che si sono costruiti o che si stanno ergendo: da Ceuta e Melilla, dalla Serbia alla Bulgaria, dall’Ungheria alla Slovenia, dalla Grecia alla Macedonia, da Calais all’Austria: il nostro Vecchio Continente che si riscopre ancora più vecchio, disseminato com’è da nuovi muri. Muri di cemento, ma anche mentali. Comunque sia,  muri della vergogna.

Da Il Manifesto, la situazione della Grecia: cancellata la riunione straordinaria dell’Eurogruppo gli aiuti restano congelati. Ecco, ci risiamo: la Grecia stretta in un angolo, con le richieste dei falchi – ad iniziare dall’Fmi e da Schauble – che non si accontentano e chiedono continuamente tagli, in un eterno presente che pare impossibile lasciarsi alle spalle. La Grecia con il gravissimo problema dei profughi, la Grecia del governo di Syriza che propone un meccanismo che controbilanci automaticamente eventuali minori introiti per le casse dello Stato, ma chiede di salvaguardare le classi sociali più deboli… ma “l’ingordigia” della troika non tiene conto di nulla, se non delle proprie richieste…

Da Il Sole 24 ore, Mario Draghi, Il presidente della Banca centrale europea, che ha scelto il quotidiano popolare “Bild” per passare alla controffensiva contro le dure critiche che gli sono state rivolte in Germania per la politica monetaria e gli attacchi personali che ha ricevuto nelle ultime settimane. Le parole più aspre erano venute dal ministro delle Finanze, Wolfgang Schaeuble, che aveva addirittura accusato Draghi di aver favorito il successo elettorale del partito anti-immigrati e anti-euro AfD alle ultime elezioni regionali. Draghi si è dichiarato fra l’altro «molto preoccupato» dell’aumento in Europa di nazionalismo o isolazionismo, cui «è importante resistere». A favore di mario Draghi si é schierata Angela Merkel ricordando l’importanza dell’indipendenza della Banca Centrale.

A seguire notizie dalla stampa estera, da alcune fonti locali, ricordandovi il consueto appuntamento con la diretta del notiziario di Radio Popolare.

Buona lettura di NUOVA RESISTENZA antifa’ il contenitore quotidiano dell’ informazione e della controinformazione.

Sorgente: Rassegna Stampa del 28 aprile 2016 – a cura di Luna.Rossa | NUOVA RESISTENZA antifa’

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad

No Comments

Trackbacks/Pingbacks

  1. Rassegna Stampa del 1º maggio 2016 – a cura di Luna.Rossa | NUOVA RESISTENZA antifa’ | NUOVA RESISTENZA antifa' - […] Sorgente: Rassegna Stampa del 1º maggio 2016 – a cura di Luna.Rossa | NUOVA RESISTENZA antifa’ […]
  2. Rassegna Stampa dell’8 maggio 2016 – a cura di Luna.Rossa | NUOVA RESISTENZA antifa’ | NUOVA RESISTENZA antifa' - […] Sorgente: Rassegna Stampa dell’8 maggio 2016 – a cura di Luna.Rossa | NUOVA RESISTENZA antifa’ […]

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

adversing