Le Unità di Difesa Civile e di donne YPS-Jin sono state dichiarate in diverse città – UIKI ONLUS

17 Gennaio 2016 0 Di ammiano marcellino

Sorgente: Le Unità di Difesa Civile e di donne YPS-Jin sono state dichiarate in diverse città – UIKI ONLUS

L’organizzazione dell’Unità di Difesa Civile (YPS), e l’Unità di Difesa Civile-Donne (YPS-Jin) fondata di recente in molte città nel Nord Kurdistan, ha annunciato la fondazione delle sue unità anche a Diyarbakır. Le YPS-Jin hanno promesso di lottare contro tutti i tentativi di annientamento dello stato, così come tutti gli sforzi di rompere la resistenza delle donne attraverso molestie, stupri e prostituzione forzata.

Il Comando delle YPS-Jin di Diyarbakir ha pubblicato un comunicato scritto in questa occasione. Il potere dell’AKP al governo in Turchia ha sacrificato il processo di pace avviato dal carcere da Abdullah Öcalan del PKK [Partito dei lavoratori del Kurdistan], per il proprio interesse.

“Nel mese di luglio, è iniziato un processo di annientamento totale dei curdi attraverso il bombardamento delle montagne e dei villaggi. Ora questo progetto di annichilimento sta continunando da mesi nelle nostre città attraverso le pratiche più selvaggie e disumane”, ha dichiarato l’YPS-Jin, riferendosi al coprifuoco dichiarato per mesi contro le città kurde.

“Stiamo vivendo un attacco contro i giovani e i vecchi, le donne e i bambini, tutti i membri della società. Le persone non sono in grado di soddisfare i loro bisogni umani più elementari. Sono lasciati morire di fame e di sete. L’ artiglieria colpisce le case dei civili innocenti. La nostra gente è costretta a migrare”, ha detto l’ organizzazione di donne, che ha osservato che centinaia di bambini, donne e altri civili sono stati uccisi negli ultimi cinque mesi. Le donne curde hanno portato la lotta per garantire l’esistenza e la libertà di tutti.

“Il sistema patriarcale cerca prima di tutto di distruggere la speranza di liberazione che sta sbocciando tra le donne curde resistenti.” Il sistema patriarcale ha ucciso tre simboli del movimento delle donne curde a Parigi nel 2013-Sakine Cansiz, Fidan Doğan e Leyla Şaylemez, ed era ora nel terzo anniversario di questa uccisione, sta massacrando altre donne curde, nel tentativo di rompere la resistenza.

“Contro questi attacchi le donne hanno il dovere di difendere la loro società e se stesse”.
Le YPS-Jin hanno promesso di lottare contro tutti i tentativi di annientamento dello stato, così come tutti gli sforzi di rompere la resistenza delle donne attraverso molestie, stupri e prostituzione forzata.

Così come lo slogan recita “una pietra sulla barricata, è una pietra per la vita libera” diffuso nella città assediata di Nusaybin, le donne che hanno organizzato le forze di difesa YPS-Jin dichiarano che l’organizzazione delle donne è ormai inevitabile. Lo Stato turco ha dichiarato il coprifuoco di 24 ore per la sesta volta nella città di Nusaybin, provincia di Mardin. 23 abitanti sono morti nel blocco di Nusaybin finora, ma la resistenza continua. Dopo che i residenti hanno fondato l’Unità di Difesa Civile (YPS) a fronte degli attacchi, a Nusaybin le donne ora hanno formato la loro propria unità autonoma: YPS-Jin (“jin” significa “donna” in lingua curda.) Ci sono le barricate in cinque quartieri della cittadina. I cittadini vanno di porta in porta chiamando “per le barricate,” così la costruzione delle barricate continua per tutta la notte, mentre i cittadini organizzano veglie. le donne delle YPS-Jin hanno spiegato il motivo per cui hanno deciso di formare le unità di difesa.

Hevi studiava all’università, quando gli scontri si sono intensificati nella regione.
“Ogni minuto che ero in classe all’università, sapevo che sarebbe arrivata la notizia che un bambino è stato ucciso. Non riuscivo a stare in silenzio. Così ho deciso di unirmialle i YPS “, ha detto Hevi. “Mentre ero in classe, pensavo che dovevo dedicare la vita al mio popolo. In un paese dove le persone innocenti sono uccise solo per essere curde, pensare solo al mio futuro economico non fa più parte della mia coscienza “. HEVI ha detto che si rende conto che pensare al futuro in un questo clima è ” semplicemente ingannare me stessa ” così è tornata nella sua città natale di Nusaybin. Quando si sono formate le barricate nel suo quartiere, Ronahi tutto ad un tratto è entrata nelle YPS-Jin.

“Tutto è successo improvvisamente; come la guerra “, ha detto Ronahi. “Tutto d’un tratto il tavolo di pace è stato annullato. Nessun Kurdo vuole che sia così. Non voglio neanche, ma sto affrontando una forza che mi uccide con proiettili e fucili. Le persone sentono come se dovessero prendere una pistola a questo punto.
“Con la guerra dichiarata di punto in bianco, sono entrata nelle YPS-Jin”, ha detto Ronahi.

Dilgeş delle YPS-jin ha spiegato perché le donne che si erano unite alle forze YPS sono state obbligate a formare un’organizzazione separata.
“Da un lato stiamo conducendo la lotta armata; dall’altra stiamo anche conducendo la lotta delle donne contro la società patriarcale “. Come donne, stiamo cercando di dimostrare che possiamo essere presenti ovunque. Solo la formazione dell’ YPS sarebbe stata inadeguata.

“Abdullah Öcalan, dice, ‘la società non può essere libera, se le donne non sono libere,’” ha detto Dilgeş, citando il leader imprigionato del Partito dei Lavoratori del Kurdistan (PKK). “Per questo motivo è stato inevitabile per noi organizzarci come YPS-Jin.

“Tutti devono fare una barricata davanti alla propria casa, perché ogni pietra sulla barricata ci avvicina a una vita libera”, ha concluso Dilgeş.

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •